Fiorentina-Torino: la continuità viola contro la rivoluzione granata

Fiorentina-Torino: la continuità viola contro la rivoluzione granata

Al via la Serie A: sabato c’è Fiorentina-Torino

di Redazione VN

La Gazzetta dello Sport si concentra sull’imminente partenza della Serie A. Le prime due squadre a scendere in campo saranno Fiorentina e Torino, sabato alle 18 al Franchi. Ecco cosa scrive la Rosea:

Al Franchi si scontreranno due filosofie diverse: la continuità dei viola, la rivoluzione granata. Tutti compatti attorno al confermato Iachini per ritrovare la buona continuità del finale di stagione. Stessi principi di gioco (3-5-2 e dintorni), stesso spirito da battaglia. Il mercato ha solo rifinito. Amrabat, tra l’altro, è squalificato. Biraghi e Bonaventura sono preziose pennellate di azzurro. Era la Viola di Ribery e, a giudicare dai gol nei test, dalla sua allegria tecnica trascinante, lo sarà ancora di più. Si cercava un centravanti più perentorio. Con 14 gol estivi su 15, i Chiesa e i Vlahovic hanno risposto in coro che non serve. Il Torino, che il centravanti perentorio ce l’ha (Belotti), ha cambiato il resto. Il gruppo forgiato da Mazzarri per contenere e ripartire (3-5-2) è stato affidato a Giampaolo che ama pressing e possesso (4-3-1-2). La rivoluzione richiedeva più tempo e qualche altra pedina funzionale: un play più costruttivo di Rincon. L’emergenza (allenamenti cancellati da Covid, infortuni) ha rallentato la metamorfosi. Con Rodriguez fermo e Ansaldi acciaccato, spia rossa a sinistra. Quella di Giampaolo sarà una corsa contro il tempo: educare giocando.

-> CALCIOMERCATO: TUTTE LE OPERAZIONI CONCLUSE IN SERIE A
-> Clicca qui per restare aggiornato su tutto il mercato della Fiorentina

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy