Fiorentina, serve il vecchio Amrabat. Commisso non si è mai pentito

Nelle ultime settimane ha offerto un rendimento in calo rispetto agli standard di inizio stagione: adesso ci si aspetta di più

di Redazione VN

È scaduto il tempo per le giustificazioni e le attese disattese. Amrabat è chiamato a fare Amrabat, cioè il calciatore per cui la Fiorentina poco più di un anno fa ha speso venti milioni, facendo di lui l’investimento più oneroso (fin qui) dell’era Commisso. Ma il presidente viola non si è “pentito” di aver puntato forte sul marocchino. Anzi. Amrabat rimane un suo pallino, un elemento imprescindibile, tanto da essere come e più di prima intenzionato a costruire intorno a lui la Fiorentina di oggi e di domani. Archiviati gli impegni con la Nazionale, Amrabat ha preso un volo notturno che l’ha riportato in Italia da Rabat nel pieno della notte tra martedì e mercoledì per essere presente all’allenamento di ieri. Pronto, si legge sull’edizione di Stadio oggi in edicola, per una storia nuova a Firenze.

LEGGI ANCHE: Amrabat: “Allenamento ok, la schiena sta meglio. Genoa? Sono pronto”

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. i'giannelli - 1 settimana fa

    Il vecchio ambrabat non esiste, ambrabat e’ questo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ilRegistrato - 1 settimana fa

    Se Commisso non si è pentito non ci capisce di calcio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy