Fiorentina: serve il cambio di passo, ma il Chievo di Di Carlo è una brutta bestia

Fiorentina: serve il cambio di passo, ma il Chievo di Di Carlo è una brutta bestia

Giocare contro l’ultima in classifica sembra un buon gancio per la Fiorentina, ma il Chievo, da quando c’è Di Carlo, non ha mai perso in casa

di Redazione VN

Fiorentina, missione tre punti“. Titola così La Nazione in riferimento alla partita contro il Chievo Verona. Riportiamo una parte dell’articolo di Angelo Giorgetti:

A proposito di cambio di marcia, il viaggio a casa dell’ultima in classifica sembra un buon gancio per la Fiorentina che vuole migliorare nel girone di ritorno i 26 punti messi insieme all’andata con la collezione di rimpianti alla quale più volte Pioli ha fatto riferimento. Occasione buona in teoria, poi come al solito ci sarà da faticare e sudarsela (il Chievo non ha mai perso in casa da quando c’è Di Carlo, pareggiando contro Lazio e Inter e battendo il Frosinone) in una domenica che dal punto di vista climatico si annuncia, al contrario, decisamente ghiaccia. La Fiorentina arriva a Verona con il tridente impreziosito da Muriel, che si è presentato con due gioielli contro la Samp: decisamente improbabile che l’attaccante colombiano si ripeta random a questi livelli – sarebbe da Pallone d’Oro – ma la sua presenza dà una botta di autostima a un reparto che ha faticato assai, nel corso di questa stagione, per il rendimento al di sotto delle previsioni da parte di Simeone e Pjaca. Il Cholito è partito in panchina in coppa Italia a Torino, ma contro la Samp ha trovato la sua nuova collocazione accanto a Muriel e Chiesa; solo l’espulsione di Edimilson ha costretto Pioli a cambiare assetto, sacrificando proprio Simeone, che oggi dovrebbe partire titolare.

vnconsiglia1-e1510555251366

Tridente confermato, Gerson-Benassi a centrocampo. Chievo, dal 1′ Tomovic e Depaoli

 

 

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13664476 - 6 mesi fa

    basta chiacchiere inutili:SERVONO SOLO I 3 PUNTI PERCHE DI RECRIMINAZIONI POST PARTITA NE ABBIAMO PIENE LE TASCHE.FORZA VIOLA SEMPRE E AD MAIORA!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Up The Violets - 6 mesi fa

    Veramente curiosi questi articoli che nel breve volgere di poche righe passano dalla “necessità di un cambio di passo” (per qualificarsi all’Europa League, presumo) al pericoloso Chievo “ultimo in classifica ma che da quando c’è Di Carlo non ha mai perso in casa”, come se il suddetto allenatore condividesse con Guardiola qualcos’altro oltre alla pelata e come se il Chievo, che anche senza penalizzazione sarebbe penultimo, fosse destinato a non perdere mai più al Bentegodi.

    Poi sì, è vero che in casa la squadra di Di Carlo ha fermato sull’1-1 anche l’Inter e la Lazio che sono nettamente più forti di noi; ma allora basta fare una scelta e omettere dall’articolo la parte sulla necessità di cambiare passo per nutrire ancora qualche remota speranza di fare le coppe, perché va be’ che grazuie a questa “nuova” e mirabolante gestione tecnica sono ormai due anni che non facciamo più una partita di coppa e magari qualcuno con poca capacità mnemonica può essersi dimenticato di cosa si tratti, ma anche nella semplice Europa League avversari come il Chievo te li sogni.

    Se vuoi fare le coppe europee devi alzare il livello e vincere tutte le partite di questo tipo. Viceversa, stiamo solo buttando via del gran tempo e prendendoci in giro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy