Fiorentina, quanto vali? Il tabù contro le grandi e gli ingaggi dicono che…

Due elementi importanti che secondo La Repubblica testimoniamo come la posizione della Fiorentina rispecchi più o meno il suo reale potenziale

di Redazione VN

La Repubblica oggi in edicola parla delle difficoltà incontrate fino ad oggi dalla Fiorentina durante le gare contro squadre di lignaggio superiore. Tra le squadre che veleggiano nei piani alti della cosiddetta Serie A2, quelle che non hanno argomenti sufficienti per aggredire la borghesia ma che comunque vivono tranquille, c’è anche la Fiorentina. In questi giorni sono in tanti a chiederselo: è questo il reale valore dei viola o, invece, è giusto pretendere qualcosa in più? Difficile rispondere, ma quale dato può aiutare.

Il club dei Della Valle, contando anche il rinnovo di Federico Chiesa ha il nono monte ingaggi della Serie A dietro a Juventus, Milan, Roma, Inter, Napoli, Lazio, Torino e (seppure di pochissimo) Sampdoria. Le stesse squadre che, ad oggi, la precedono in classifica. È vero, non sempre questi dati viaggiano a braccetto con i valori del campionato, ma di certo poter spendere di più aiuta. Non solo. C’è un altro elemento che testimonia come, in realtà, la posizione della Fiorentina rispecchi più o meno il suo reale potenziale. Sono i risultati (negativi) ottenuti, fin qua, contro chi le sta davanti: 3-0 contro l’Inter, 1-2 contro la Sampdoria e 1-0 contro la Juventus. Vittoria solo contro il Torino (3-0).

Violanews consiglia

Astori ad un passo dal rinnovo: i dettagli

Difesa a tre, che tentazione: contro la Lazio come nel secondo tempo a Ferrara?

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Marco Chianti - 3 anni fa

    Non lo dite ai fan dei fratelli, quelli che prima dell’inizio del campionato ti davano di gobbo quando gli facevi notare che questa era una squadra da metà classifica, quelli che si era fatto un affarone a dare via Vecino e Borja, tanto ne giocheranno due in una squadra che arriverà a metà classifica. Quelli che ora invece starnazzano contro Pioli, Corvino e i giocatori ed ancora non prendono atto di una facile e semplice verità: il ridimensionamento è stato voluto dalla proprietà. Non per colpa dei tifosi ma per precise scelte societarie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-2073653 - 3 anni fa

    Aiuterebbe anche spendere meglio…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy