Fiorentina da fumetto: se Lafont fa Benji, non passa nessuno

Dopo un avvio complicato, Lafont è stato protagonista delle vittorie contro Empoli e Milan

di Redazione VN

Uno dei protagonisti della vittoria della Fiorentina contro il Milan è stato Alban Lafont, autore di alcune belle parate. Su di lui scrive La Gazzetta dello Sport nell’articolo a pagina 26 intitolato “Viola da fumetto. Se Lafont fa Benji, non passa nessuno“. Ecco quanto si legge:

Benji e Fede, musica viola. Perché Alban Lafont contro il Milan sembrava davvero il celebre portiere paratutto del cartone animato «Holly e Benji. Fede, ovviamente, porta a Chiesa. La gara vinta in rimonta con l’Empoli ha fatto assaggiare il primo vero morso da campioncino del portiere francese, classe 1999. Dopo una settimana complicata post doppio errore contro il Sassuolo, Lafont ha tirato fuori le unghie dai guanti. Scattando in maniera prodigiosa sul colpo sicuro di Caputo a quindici minuti dal termine, togliendo il pallone dalla porta ed evitando un pareggio che avrebbe potuto rigettare la Fiorentina nella crisi. Un balzo eccezionale che ne fa intravedere le possibilità. «Benji Price» a quindici anni giocava in Nazionale, lui a 16 anni e dieci mesi ha esordito in Ligue 1. «Può diventare tra i portieri più forti d’Europa», ha detto Pioli qualche giorno fa. Non male per un ragazzo che sette giorni prima aveva il morale a terra per le sbavature contro il Sassuolo. Con il Milan poi, si è ripetuto. Forse nessun intervento davvero miracoloso, ma almeno quattro parate importanti e una sicurezza tra i pali quasi innaturale per uno così giovane. Davanti agli oltre 50mila spettatori di San Siro. Seconda gara consecutiva da 7 abbondante in pagella quindi per Lafont. Investimento da oltre 7 milioni di euro destinato a moltiplicare il proprio valore negli anni.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy