Fiorentina, guarda chi c’è: brivido Prandelli

Fiorentina, guarda chi c’è: brivido Prandelli

La prima volta di Prandelli contro i viola che devono ripartire subito dopo il passo falso contro il Parma

di Redazione VN

Quella di domani tra Fiorentina e Genoa sarà una partita particolare per Cesare Prandelli. Il tecnico rossoblù tifa viola, ha l’abbonamento al Franchi e una casa a Firenze. Su di lui scrive Angelo Giorgetti su La Nazione. Riportiamo una parte dell’articolo:

Guarda chi c’è, Cesare Prandelli, bresciano di Firenze temporaneamente a Genova dopo aver timonato la Nazionale, con successivi e non fortunati sbarchi in Turchia nel Galatasaray, in Spagna a Valencia, negli Emirati Arabi al comando dell’Al-Nasr. Corsi di lingue senza diploma e ora il salto in corsa sul treno rossoblù, magari non il top per chi ha frequentato ambizioni diverse, ma l’emigrazione negli stili non italiani è finita: «Ero nella nebbia e sono tornato nel sole», ha dichiarato Prandelli, che sa bene di dover riprendere contatto con un mondo perso di vista dopo otto anni di lavori in corso in altri mestieri (ma avendo sempre come base Firenze, dove ha comprato casa e ne sta ristrutturando un’altra con un grande terreno in posizione centrale). Sempre nel cuore della città, dopo l’addio del 2010. E ora con il Genoa quattro partite e quattro punti: 1-1 contro la Spal, poi la sconfitta per 2-3 a Roma e la netta vittoria a Marassi contro l’Atalanta, 3-1. Un altro kappaò a Cagliari (0-1) e gli applausi dei cronisti sardi, tutti in piedi nella sala stampa dello stadio: «La mia squadra merita 5 e mezzo, c’è ancora tanto da lavorare, la sconfitta ci sta». Un signore, Cesare, abituato agli applausi politically correct: perché Prandelli è uno che si fa volere bene – anche troppo secondo i suoi nemici – con uno stile che sa misurare le parole.

Anche il Corriere Fiorentino scrive di Cesare Prandelli. Qui sotto una parte del pezzo:

La prima volta contro la Fiorentina. Per Cesare Prandelli quella di domani a Marassi sarà una partita dalle mille emozioni. Che arriva otto anni dopo l’addio alla panchina viola, consumato al termine di cinque stagioni ricche di soddisfazioni. Già nel giorno della presentazione a Genova l’allenatore di Orzinuovi aveva cerchiato in rosso la data del 29 dicembre: “Di Fiorentina parleremo presto”. E pensare che Cesare in estate ha sottoscritto l’abbonamento al Franchi. D’altronde lui, oltre a essere cittadino onorario di Firenze, qui ha una casa in Oltrarno, dove vive con la compagna Novella Benini e un legame molto forte con la città.

vnconsiglia1-e1510555251366

Nostalgia Prandelli, dai “quattro scudetti” alla prima da avversario (col cuore viola)

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-2073653 - 8 mesi fa

    Magari averlo qua….

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy