Ferrara scrive: “Pioli, The Normal One sogna la rivincita”

Ferrara scrive: “Pioli, The Normal One sogna la rivincita”

Sfide e promesse: i messaggi in conferenza stampa del tecnico della Fiorentina

di Redazione VN
Pioli

Il normal one ha messo insieme un look metà da asceta e l’altra metà da hipster. Fa quasi impressione ascoltare la voce di un allenatore della Fiorentina che esprime concetti più “normali” che emozionali, frasi decriptate dopo due anni di pseudo poesie zen. D’altra parte un po’ asceta è bene saperlo essere, in questo ritiro che al momento è una meditazione sul nulla cosmico. Lui però se l’aspettava, perché La C2, Cognigni e Corvino, glielo aveva detto che c’era un gruppo da smantellare e da riscostruire. Il famoso ciclo arrivato alla sua fine, che poi è un modo più raffinato per dire: vendiamo i pezzi migliori e incassiamo per poi investire sui giovani, che così diamo una immagine effervescente alla Fiorentina e risparmiamo sugli ingaggi.

Sì, il normal one sapeva tutto, ma l’idea di questa nuova sfida gli piaceva da morire. Ha anche detto no ai cinesi, quindi a una valanga di soldi, per restare a lavorare nel triste campionato italiano, che comunque a occhio è meno triste di quello cinese. Quindi ben venga questa sfida incredibile, con Diego che all’improvviso dice «allora compratela voi», Andrea che fa un passo indietro, i tifosi in bilico tra la rabbia, la noia e l’apatia. «Sarà una squadra competitiva, o almeno me l’hanno promessa così», dice Stefano Pioli, voce ferma e più o meno convinta. Perché resta da vedere competitiva per cosa.

Ma d’altra parte le rivincite non sono mai facili. Quando nella vita ti fanno capire che non sei abbastanza cool per un top team, nello stomaco di gira di tutto: orgoglio, rabbia, tristezza. Poi frulli tutto e nasce la tua ripartenza. Un po’ come la Fiorentina, erede di un sogno smarrito e smarrita anche lei, sulla strada tra il passato e ciò che sarà. Non è un caso se l’allenatore mandato via dall’Inter secondo le regole del marketing, più che a quelle del pallone (ma i due codici ormai coincidono), si ritrovi ad allenare un gruppo dove è davvero difficile riconoscere i giocatori della prima squadra, che saranno cinque o sei, in mezzo a frotte di giovani chiamati per rendere possibili le partitelle. (…)

L’articolo completo di Benedetto Ferrara in edicola con La Repubblica

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Tagliagobbi - 3 anni fa

    Ecco un altro che si accoda ai disfattisti… Mi sembra che l’anno scorso ci fossero più di 5-6 giocatori titolari e che a parte Borja che è voluto andare via per questioni di soldi e alcuni ancora in vacanza perché reduci dalla under 21 si sia sempre i soliti, perché, a differenza ad esempio della Roma che sta vendendo anche le panchine dello stadio, da noi non è partito nessun altro e anzi stanno arrivando nuovi giocatori. Quindi perché questo disfattismo? A pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Cocco - 3 anni fa

    Ah Benedetto…..che p…e!!! Come diceva il nonnino della pubblicità….”l’ottimismo è il profumo della vita!!!”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. cesarecp - 3 anni fa

      certo tanto a voi basta partecipare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy