Ferrara scrive: “Montella sorride, ma non si sa per cosa. Pedro ricorda Castillo e il Tanque”

Ferrara scrive: “Montella sorride, ma non si sa per cosa. Pedro ricorda Castillo e il Tanque”

“Montella è sempre più l’ultimo allenatore dei Della Valle e sempre meno il primo di Commisso”

di Redazione VN

Un Benedetto Ferrara molto pungente nel suo commento di stamattina su La Repubblica edizione Firenze. Ecco qualche stralcio:

Vincenzo Montella è sempre più l’ultimo allenatore dei Della Valle e sempre meno il primo allenatore dell’era Commisso. Il paradosso sta nei risultati, che sono troppo simili a quel buco nero generato dall’addio di Pioli e dal ritorno dell’aeroplanino, detto anche il ragazzo che sorride, anche se di cosa e per quale motivo ancora non è chiaro. (…) Vlahovic ha talento ma non ha ancora l’esperienza, Boateng deve giocare per questioni di equilibrio di spogliatoio ma non incide, Pedro per ora è una entità mistica il cui tocco di palla ricorda un po’ il Tanque Silva e forse qualcosa di Nacho Castillo. Ma, chissà. Poi magari fa venti gol da qui alla fine. Magari, appunto. (…)

La panchina di Montella traballa? Ecco tutti gli allenatori disponibili e pronti a subentrare

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Burlamacchi - 7 giorni fa

    A sto giro Ferrara delude anche me. Da giornalista attento qual’è sa che su Pedro c’era stata massima chiarezza e non bastano 20 minuti di campo per giudicarlo.

    Io credo che invece ci si sia esaltati un po’ troppo (tutti eh: Fiorentina, stampa e anche i tifosi) per le prestazioni estive di Vlahovic.
    Che ha si un grande talento, ma è carente in esperienza.
    Probabilmente un prestito in serie A o in una squadra di vertice di serie B gli avrebbe fatto bene. Soprattutto se poi l’allenatore punta su Ribery-Chiesa come punte. Castrovilli ad esempio ha 22 anni e s’è fatto la gavetta prima di approdare in serie A. Non credo sarebbe stata una tragedia se Vlahovic a 19 anni si faceva una stagione in prestito.

    Ha un grosso potenziale, ma andrebbe riconosciuto che l’esaltazione estiva forse lo ha caricato di troppe responsabilità ed aspettative.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. i'campigiano - 7 giorni fa

    Con quello che si mette in tasca io mi sganascerei dal ridere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Up The Violets - 7 giorni fa

    Accipicchia che intenditore questo Benny Ferrara: Pedro non ha giocato nemmeno mezz’ora in tutto (e in partite nelle quali il resto della squadra, per giunta, non si era presentato in campo) e ha già sentenziato che è una via di mezzo tra il Tanque e Castillo. Congratuleiscion, non c’è che dire. Che occhio!

    Io stesso non perdo occasione per ribadire che questa squadra è stata fatta con i piedi, ma nel caso di Pedro credo che un minimo di tempo in più per giudicarlo sia necessario. È brasiliano, era rotto, è arrivato a metà settembre e Montella finora non l’ha mai fatto giocare. Molto probabilmente, come gli altri due, non sarà quell’attaccante da quindici gol che ci serve e che quindi dovrà/dovrebbe essere preso a gennaio, ma gli altri due hanno già avuto modo e tempo di dimostrarlo, lui no.

    In compenso, a proposito, il Benny tace sul golden boy eletto a furor di penna dal giornalismo fiorentino. Peccato, avrei voluto conoscere il suo parere sulle quattro-occasioni-quattro sbranate vive da Vlahovic in mezz’ora. Oppure sui suoi ritardi sotto porta, che hanno fatto perdere la pazienza anche a Ribery e a me ricordano tanto quelli del 14 all’altezza di piazza Dalmazia nelle giornate di pioggia. O ancora, avrei voluto sapere come valuta quel muoversi del tutto a caso per il campo, in stato quasi catatonico, del novello Ibra, probabilmente ribattezzato così alla luce del “carattere” (sic.) che per esempio ha mostrato reagendo ai (legittimi) rumoreggiamenti del pubblico dopo la quindicesima occasione mangiata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Schicchi - 7 giorni fa

    Ogni volta che Pedro è entrato non ha mai avuto in suo supporto Ribery e Chiesa contemporaneamente.
    Chissà cosa potrebbe fare a gennaio, se tutte e due le ‘seconde punte’ fossero presenti per rifornirlo, e magari in un 4-3-3 con un altro centrocampista di alto livello al posto di Badely.
    E un altro allenatore, s’intende.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-14380403 - 7 giorni fa

      Niente … si vede da come stoppa il pallone … lento, impacciato e poco coordinato! No, non ce lo vedo come il tanque, mi somiglia a Caracciolo, un giocatore che in serie A può segnare solo dentro l’area e che può giocare nel Brescia nel Verona o giù di lì … a noi non serviva quella cosa la caro Pradè

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. bati - 7 giorni fa

    Un giornalista (uno dei tanti) ossessionato dai Della Valle e nel segno della continuità gestionale, anche da Montella ( che ride e non va bene. Faccia contrita, sguardo basso e mea culpa disegnato sul volto!). Dopo aver combattuto per mesi i DV ed aver alla fine gioito per aver avuto la loro testa ora è in attesa di avere quella di Montella. E’ probabile che faccia parte della schiera frondista di cui parla Montella in conferenza, quelli che lo volevano fuori fino all’estate. I suoi articoli, senza un nemico, mancherebbero dell’ingrediente pricipale per poter esibire la sua spesso patetica e scontata ironia. Un giornalista contro si direbbe, ma non nel senso più alto del giornalismo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. simuan - 7 giorni fa

      …ho messo mi piace e ci tenevo a dirtelo. Grandissimo post. Complimenti, davvero.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Dellone68 - 7 giorni fa

    Caro Benedetto che delusione. Giudicare un giocatore buttato dentro a furor di popolo senza aver mai giocato da noi in venti minuti di partita lascia intravedere lo spessore del giornalismo sportivo fiorentino. Purtroppo, finche non arriveranno nuove leve che prenderanno il posto di questi, ogni vittoria, a Firenze, è preclusa per ambiente ostile. Temo che non riuscirò a vedere mai più neanche una coppa Italia da ora ai prossimi vent’anni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Giovanni - 7 giorni fa

    Davvero Pedro è al momento ingiudicabile, anche Bati appena arrivato giocò un intero campionato di andata facendo abbastanza pena.
    Per l’allenatore uno che ci ha fatto risalire dalla B era Ranieri e devo dire che a Genova hanno più naso che quattrini e tra 4 partite ci passa avanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. sergio - 7 giorni fa

    Il sig.Ferrara pensa di essere spiritoso a fare analogie tra Pedro e il Tanque Silva scrive sempre con una certa supponenza pensando di essere uno che se ne intende di calcio vedo che ultimamente fa altre cose forse è meglio che smetta di scrivere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. alessandro - 7 giorni fa

    Ferrara è quello degli articoli sul povero Delio Rossi nascosto in un rifugio antiatomico, terrorizzato dalle minacce di vendetta del “clan serbo” (testuali parole) dopo che aveva preso a pugni Ljajić? Non lo hanno ancora internato?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. chenco - 7 giorni fa

      un pochino di senso dell’humor e di gusto per il paradosso si può anche abbinare alla “sacralità” del tifo calcistico, no? Prendete davvero tutto sul serio?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Nicco - 7 giorni fa

    Tutto e soltanto per fare polemica , ditemi se Pedro è giudicabile in 20 minuti , nn solo lo si paragona anche al Tanque Silva, ma vi rendete conto cosa scrivete

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Bobby Caponata - 7 giorni fa

    Se Pedro è paragonabile al Tanque allora Ferrara è arrivto il momento di scrivere un bel libro di cucina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy