Ferrara scrive: “Gol, prestiti e flop, il futuro incerto dei giovani talenti viola”

Ferrara scrive: “Gol, prestiti e flop, il futuro incerto dei giovani talenti viola”

Scommesse vinte e qualche fallimento, ora tocca a Sottil & co. tentare il salto

di Redazione VN

Peccato. Sì. Ma poi, sbollita la delusione per una sconfitta figlia di troppe ingenuità, restano questi ragazzi in lotta per il futuro. Il loro, o magari anche quello della Fiorentina, la società che li sta crescendo e spera di aiutarli a fare il grande salto, anche per dare un senso compiuto a quell’idea di progetto giovani che affascina tanto il tifoso, desideroso come sempre di sogni e proiezioni nel domani. Federico Chiesa è un caso raro ma decisamente indicativo. Prendi un ragazzino che non ha ancora diciotto anni, lancialo allo Juventus Stadium alla prima di campionato e poi fanne nel giro di pochi mesi il punto di attrazione della tua Fiorentina. Primavera, prima squadra, titoloni sui giornali, Nazionale. Da zero a quasi tutto in un pugno di mesi. Percorso diverso rispetto ad altri due giovani viola che oggi giocano in serie A: per Babacar e Bernardeschi l’esperienza in prestito fu decisiva (…)

Oggi ci possiamo chiedere quale sarà il destino di ragazzi come Gori (LEGGI LA SCHEDA COMPLETA SU TUTTITALENTI.COM) e Sottil, per esempio. Pioli potrebbe convocarli qualche volta da qui a fine stagione, e magari fargli assaggiare un po’ di campo. Ma poi? Le alternative sono due: o lanciarli subito come avvenne per Chiesa (difficile), o scegliere la società giusta dove mandarli a giocare in prestito. Il che non vuol dire che poi debbano tornare per forza qui. Giusto sperarlo, ma non sempre va così. Piccini era un buon terzino destro, ma non abbastanza, tanto che la Fiorentina ha preferito perderlo per strada per ritrovarselo allo Sporting Lisbona con una clausola rescissoria da 45 milioni (lo ha pagato 3). Camporese sembrava un predestinato, poi arrivò un dribbling di Eto’o che gli normalizzò il futuro, e oggi è in B e gioca con la maglia del Foggia.

C’è chi ha anche esordito in Champions come Federico Masi, per poi eclissarsi a stretto giro. Matos non era male, e ha girato un po’ po’ tra Spagna Brasile e serie B prima di arrivare a Udine e da lì a Verona. Alla Fiorentina è cresciuto anche Carraro, che all’epoca era indicato come il vero talento della cantera. Anche per lui un bel tour in prestito nell’attesa di un grande salto che non è mai arrivato: dopo Modena, Pro Vercelli, Gavoranno. Pavia, Teramo. Carraro ora gioca in serie D, nell’Imolese. Insomma, può accadere di tutto. È questo il bello delle scommesse sui giovani. Troppe le variabili, ma poi arriva uno come Chiesa e capisci che rischiare conviene. Sempre.

L’ARTICOLO COMPLETO DI BENEDETTO FERRARA IN EDICOLA CON LA REPUBBLICA

Violanews consiglia

Corvino: “Chiesa una delle basi per il futuro. Rimarrò in viola fino alla pensione. Badelj…”

Da Reggio Emilia a Viareggio, cambia solo la sceneggiatura: contro l’Inter solo delusioni

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy