Ferrara scrive: “Giù il cappellino davanti ad una Fiorentina nata dal lavoro”

Ferrara scrive: “Giù il cappellino davanti ad una Fiorentina nata dal lavoro”

Un estratto dall’articolo di Benedetto Ferrara su Repubblica in edicola oggi

di Redazione VN

Di seguito un estratto dell’articolo di Benedetto Ferrara in edicola con Repubblica:

Castrovilli che attraversa il traffico in slalom. Movimenti raffinati e quasi impercettibili di un otto per sbaglio ma dieci per vocazione. E quella palla che salta l’uomo e torna al legittimo proprietario che danza e umilia il Napoli insieme ai suoi compagni. E poi ancora: Dusan che trova il palo lungo di potenza e precisione. Il pallone gira e si infila laggiù dove il portiere si può solo arrendere. Giù il cappello davanti alla Fiorentina. Anzi, giù il cappellino, quello dell’allenatore che sfida anche se stesso per ridare gioco e identità a una squadra ad autostima sottozero, prima del cambio di panchina e di passo. Ritrovare se stessi, fiducia, risultati e quindi un bel po’ di gioco. Quattro partite, tre vittorie e un pareggio. Il 2020 nasce insieme alla rinascita della Fiorentina. Tifosi felici, classifica meno impaurita e la nebbia piano piano se ne va. Una bella storia davvero, nata dal lavoro, dal sorriso, dal coraggio.

Spunta mister X: è un centrocampista e gioca in una squadra di Madrid

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. 65viola - 6 mesi fa

    come più o meno diceva de gregori!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy