Ferrara scrive: “Da Chiesa ai Della Valle allo Stadio. Il 2018 è l’anno delle scelte”

Ferrara scrive: “Da Chiesa ai Della Valle allo Stadio. Il 2018 è l’anno delle scelte”

L’analisi su La Repubblica in vista dell’anno che è appena cominciato

di Redazione VN

Su La Repubblica questa mattina ci si immagina come sarà il 2018 della Fiorentina, a cominciare dal progetto giovani. “E’ evidente – si legge – che se esiste davvero (i veri giovani sono quasi tutti in panchina), la Fiorentina dovrà fare di tutto per tenersi Chiesa almeno due o tre anni, altrimenti il progettone si sgonfia subito come la ruota di una bicicletta bucata. E tenere Chiesa non sarà solo una questione di soldi, ma di programmi e obiettivi, perchè il ragazzo qui per ora sta benissimo, ma anche lui sa bene che la differenza vera la fa giocare in Europa, palcoscenico del pallone, considerata anche l’involuzione tecnica e spettacolare del campionato italiano. Quindi da oggi in poi assisteremo a titoloni che parlano di mega offerte del Napoli. E poi arriveranno i “ no” della Fiorentina, come da copione. Quindi a gennaio Chiesa non si muoverà ( a meno di situazioni clamorose), ma sarà il dopo il problema vero. Dalla gestione del caso Chiesa e dai programmi tecnico finanziari che Cognigni e Corvino metteranno insieme, si capirà se la Fiorentina ha intenzione di crescere sul serio”.

Si aggiunge poi su Andrea Della Valle e il suo ritorno a Firenze: “Magari entro il 2018 sì, ma solo se la Fiorentina torna una squadra credibile dal punto di vista tecnico”. Poi la questione stadio: “È evidente che una conclusione della storia iniziata nel 2008, porterebbe con sè un ritorno dei Della Valle e forse anche un rilancio, anche in termini di management, della Fiorentina. Insomma, benvenuti nell’anno delle scelte. Sarebbe l’ora, no?”.

Violanews consiglia

Lo Faso chiede spazio: il prestito è improbabile, ma concretamente si può fare

Mercato, la Fiorentina sonda un terzino del Milan

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. kk53 - 2 anni fa

    Non sono daccordo con Ferrara,è solo lo Stadio la discriminante fondamentale
    farlo in tempi non biblici,sarebbe l’unica svolta non solo perchè gli introi
    ti sarebbero altri,ma sarebbe lo stimolo per i DV a vendere con altri presup
    posti,quanto a Chiesa và tutto di conseguenza,se Pioli potrà lavorare in pace
    e far crescere anche chi è acerbo, i traguardi saranno altri e le sirene saran
    no più lontane,altrimenti prepariamoci a Bernardeschi due,e sopratutto non fi
    diamo più in mercati di Gennaio dove i migliori non si spostano e noi di “lop
    pa” ne abbiamo da smerciaree Nonno Conno si deve mettere di buzzo buono,visto
    che ne è provvisto,e rispedire al mittente chi ha preso credendo di fare un af
    fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Violanellevene - 2 anni fa

    Il problema di Ferrara è che ormai quelle poche volte che scrive qualcosa di sensato e di condivisibile dimostra di essere ancora una buona penna e un discreto giornalista. Questo fa ancora più rabbia perché il restante 98% degli articoli che butta giù sono pessimi, pieni di bile, cattivi e dannosi per la nostra Fiorentina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Marco Chianti - 2 anni fa

    Icché ci va ci vole basta unne spendere…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. lor29 - 2 anni fa

    Mi sembra che si disse all’ incirca le stesse cose anche per il 2017.Non credo che il 2018 sarà diverso. Questa proprietà dovrebbe fare una sola scelta: decidere a chi vendere la Fiorentina. Non sono più credibili.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy