Di Livio incorona Chiesa: “E’ da Juve per mille motivi. Simulatore? No, furbo”

Di Livio incorona Chiesa: “E’ da Juve per mille motivi. Simulatore? No, furbo”

Compagno di Enrico Chiesa alla Fiorentina, l’ex capitano viola Di Livio parla di Federico e lo incorona: “Che colpo sarebbe per la Juve!”

di Redazione VN

Ex compagno di Enrico alla Fiorentina ed ex bianconero, Angelo Di Livio ha parlato dell’esplosione di Federico Chiesa alla Gazzetta dello Sport: “Che colpo sarebbe per la Juve! Mai visto crescere un ragazzo così, l’ho detto anche ad Enrico. Da quando ha messo piede in A non si è mai fermato. È un giocatore da Juve per mille motivi: non solo le qualità tecniche, la corsa, la tendenza che hanno ormai in pochi a cercare il tiro in porta appena c’è spazio. Ma ha fame, la cattiveria tipica della Juve, di chi in campo non si risparmia mai. Se prendi lui, sei sistemato per anni”.

E se per Di Livio non avere il posto garantito non è un limite alla crescita, portando l’esempio di Bernardeschi, non lo è nemmeno la posizione in campo: “E’ semplicemente un esterno: meglio a sinistra per accentrarsi col destro, ma esplosivo anche a destra dove salta più l’uomo. Nel modo in cui corre per tutto il campo e si ingobbisce mi ricorda tantissimo suo padre. Di più ha la decisione con cui va a strappare la palla agli altri.

Su chi lo accusa di essere un simulatore: “Avrà fatto qualche peccato di gioventù, ma resta un ragazzo corretto. E poi la furbizia fa parte del gioco. Ricordate cosa ho fatto io con suo padre Enrico proprio contro la Juve? Gli dissi ‘tirala verso di me’, ho spostato tutta la barriera e… gol”.

vnconsiglia1-e1510555251366

Assalto a Chiesa, attenzione anche all’Inter: valutazione a tre cifre e il piano dei nerazzurri

La Juve ha fede in Chiesa: è il primo della lista per l’estate

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy