Della Valle batte un colpo: si va verso un ridimensionamento del ruolo di Corvino

Della Valle batte un colpo: si va verso un ridimensionamento del ruolo di Corvino

Il punto in casa viola

di Redazione VN

Come scrive il Corriere Fiorentino, la visita di ieri di Andrea Della Valle al centro sportivo viola è stata anche l’occasione per discutere il futuro della società. Al centro delle scelte il ruolo di Corvino, che nell’incontro “avrebbe ribadito la propria linea, rivendicando le qualità tecniche della squadra. Ma la proprietà sarebbe intenzionata a cambiare soprattutto la filiera delle decisioni. Montella in questo momento è al centro dell’operazione rilancio”, riporta ancora il quotidiano, che poi aggiunge: “Rispetto al passato, dunque, il dg sarebbe destinato ad aver minore autonomia decisionale, con conseguente aumento delle responsabilità dell’allenatore“.

 

 

19 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bitterbirds - 7 mesi fa

    non accadrà niente di nuovo perchè la proprietà non vuole accada

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. The Count of Tuscany - 7 mesi fa

    Basta!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. filippo999 - 7 mesi fa

    stupidaggini…se di qualcuno non hai fiducia , lo cacci…solo noi
    ci inventiamo soluzioni che non risolvono nulla…nei club normali non succede

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Daniele Ponsacco - 7 mesi fa

    Quest’anno mi sembra che abbia creato più minusvalenze che plusvalenze vedi il rosso di bilancio …le plusvalenze venivano dagli acquisti di Macia-Prade’…Quale calciatore comprato da Corvino pagheresti 1 euro in più? Io nessuno…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Popeye FVS - 7 mesi fa

    A forza di ridimensionare, ci scappa una cosa giusta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Lk - 7 mesi fa

    Corvino ha mille attenuanti. Una su ttt i calciatori che prende lui creano plusvalenze, il calcio di oggi è fatto di questo. 2 i brocchi presi, e qui c è l altra attenuante, non si sono adattati al non gioco di Pioli, l allenatore non è mai stato nelle grazie di Corvino (da Bologna) ma solo di ADV. Ha ricostruita la difesa, che fino a dicembre era una delle meno battute, il centrocampo: Benassi è il capocannoniere della squadra, Veretout un punto di forza (escluse le ultime due partite) Gerson, voluto solo da Pioli, capito regista, Pioli dichiarò che voleva un incontrista, poi mette Veretout, acquisto di Norgard (avallato da Pioli). Capitolo attacco: Simeone prima di venire da noi segnava ed era cercato da molte squadre, qui la depressione, Chiesa (nulla da dire) Pijaca… Voluto da ttt, mister, società e tifosi, arriva Muriel le prime gg c faceva sognare, dalla 4 è andato in depressione anche lui. Altre attenuanti, il primo anno i vecchi giocatori chiesero la cessione quasi in massa da Berna ad Ilicic, passando per Vecino, chiaramente non voluta da Corvino, da quelle cessioni nessuna fu una plusvalenza da acquisti di Pradè, ma Berna era già a Firenze, Vecino lo prese Macia (alcuni dicono cn Corvino l anno prima, io nn lo so) Ilicic, preso da Pradè qui era un morto… Per la ricostruzione, molti g. cercati rifiutarono Firenze, qualcuno arrivò (Esseric) I primi tempi giocava benissimo poi sparì, Saponara si impose da Marzo poi scaricato da Pioli, per Gerson… Altri ipoteci acquisti furono subito bollati anche da noi tifosi, si parlò di De Roon prima di tornare a Bergamo (andate a ricercare l articolo e vedere i commenti), rifiutò Firenze perché ricercato dall Atalanta, l anno scorso Izzo. Izzo preso dal Torino ad 8 mln, oggi è uno dei primi 3 migliori difensori d Italia… Andate a rivedere i commenti dell articolo…
    Sia ben chiaro, non voglio difendere Corvino, assolutamente, ma ripeto ha mille attenuanti per non essere cacciato. A mio avviso doveva esser fatto un cambio dall allenatore già ad Ottobre per mettere in discussione l operato di Corvino, ma ad oggi no, è inutile che c sbattiamo. Guardiamo avanti, la cosa che mi rincuora, se sarà come scritto, che sarà Montella a decidere che tipo di giocatori vuole, come si faceva una volta, partendo da chi va riscattato e chi no, se Muriel nn va benne per Montella lo si rimanda, etc… Spero solo che nn vendono Laurini, che con quella mandibola movibile, mi sembra uno appena uscito dal Tenax.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bati - 7 mesi fa

      In questo lungo commento è condensato il modo di ragionare di certa tifoseria. “Benassi è il capocannoniere della squadra”…e allora? E’ un attaccante? No, dovrebbe essere una delle colonne di centrocampo ma fa tutto meno che quello. Peccato che a noi a centrocampo si abbia bisogno di centrocampisti. Una squadra senza centrocampo può fare a meno di scendere in campo. Se Benassi facesse questi goal oltre a svolgere bene il ruolo di mezz’ala ci troveremmo di fronte ad un campione che giocherebbe stabilmente in CL. Questo è il succo. “Simeone prima di venire da noi segnava..” Simeone prima di venire da noi aveva fatto un campionato di serie A nel Genoa segnando un pò di goal racchiusi tutti in pochi mesi. Un attaccante, specialmente moderno, non si limita a fare i goal ma deve giocare per la squadra, quindi deve avere buone doti tecniche, padronanza di palleggio e dribbling, capacità di scambiare con i compagni, agilità, velocità anche di esecuzione, capacità di saltare l’uomo uno contro uno, capacità di difendere il pallone e fare salire la squadra e soprattutto, potenza di tiro. Simeone non ha niente di tutto ciò. Questo lo si poteva vedere anche nel campionato giocato col Genoa. Lo si è seguito e lo si pè pagato 18 milioni in totale solitudine, cioè senza dovere battere la concorrenza di altri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Tagliagobbi - 7 mesi fa

        Abbastanza d’accordo con te a parte Simeone. Lui gioca anche troppo per la squadra. A volte ha fatto anche il mediano per prendere qualche palla… io resto della convinzione che lui sia una buona II punta non una prima punta.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. bati - 7 mesi fa

          Un momento, io intendo giocare efficacemente per la squadra, non provarci meritoriamente. Poverino, lui è lodevole per l’impegno e la volontà ma purtroppo totalmente inadeguato. Per me non è ne prima ne seconda punta. Non ha le carateristiche della prima e men che meno della seconda . Un esempio di grande classica seconda punta: Baiano. Pensa a Ciccio e alle caratteristiche di una seconda punta e dimmi se Simeone può giocare seconda punta….

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Lk - 7 mesi fa

        Allora nn hai capito il mio intento, io sto parlando di attenuanti non di modi o circostanze di gioco, l anno scorso avevi Badelj e si faceva schifo lo stesso, se avevi Modric facevi schifo lo stesso. Poi nel complesso la fiorentina è fatta da scarsi giocatori, dal primo all ultimo, senza nessuno escluso, come ttt la serie A. Vieni in Inghilterra e vedi le squadri minori, hanno giocatori mille volte superiori ai nostri top player. Tu pensi che Belotti sia meglio di Simeone?! Oppure Icardi?! Guarda che fine ha fatto per il caos che c è. T ho fatto l esempio di Izzo. Qui avrebbe fatto schifo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. filippo999 - 7 mesi fa

          con Badelj il centrocampo era meno scadente di questo…
          poi Belotti , Icardi….e va beh…se ne possono dire
          tante…parole in libertà…noi ci dobbiamo attenere solo
          a ciò che è certo : negli ultimi 3 anni , mai la Fiorentina
          ( tranne un 2-3 settimane ) ha avuto una posizione di classifica
          entro i primi 7 posti . Vorra dire qualcosa ? A me la spiegazione
          più ovvia pare che la squadra non vale l’Europa ora , così come
          i due anni precedenti . Il dramma è che , come si capisce
          dall’articolo , la società e Corvino sopratutto , sono
          convinti del contrario…Corvino al di là di tutte le chiacchere
          sul ridimensionamento della sua azione , di fatto è stato
          confermato…la verità è che questi signori sono entrati in
          un circolo vizioso , per cui , come si muovono , sbagliano ,
          finendo per aggravare ulteriormente la situazione…poi ,
          ti contraddici : prima tessi le lodi di diversi calciatori ,
          poi scrivi che la squadra è composta da calciatori scarsi ,
          ” dal primo all’ultimo “..la mia idea è che sia scarsa nei
          ruoli essenziali e nel reparto più importante , cioè il
          centrocampo . Lafont e Simeone , troppo modesti per puntare
          l’Europa . Il francese non è pronto assolutamente , non ha fatto
          così meglio di Sportiello , anzi . Penso che in tutto il campionato , avrà salvato il risultato una volta , due al massimo , ma le partite che ha toppato sono state parecchie .

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Gasgas - 7 mesi fa

      Pioli e Corvino insieme a Bologna? Uhmmm non mi sembra…
      Per 5 anni di niente Europa, mediocrità assoluta, ci sono attenuanti????? Incredibile ci sia ancora gente che difende questo bluff.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-2073653 - 7 mesi fa

    Guai a toccare Corvino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. bati - 7 mesi fa

    La presunzione di Corvino che insiste rivendicando le qualità tecniche della squadra è direttamente proporzionale alla sua incapacità e arroganza. Dopo due anni disastrosi, conseguenza di campagne acquisti clamorosamente sbagliate ( Simeone,Benassi, Gerson, Pjaca, Norgaard, Dabo, Eysseric, Falcinelli e ne dimentico sicuramente qualcuno), invece di andarsene pretende di restare negando e minimizzando il suo fallimento. Da non credere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 7 mesi fa

      Corvino è indifendibile ma in quanto a Pjaca voglio vedere chi non era d’accordo sul suo prestito, anzi qualcuno lo infamava perché non lo acquistò a titolo definitivo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bati - 7 mesi fa

        si vero, ma non siamo noi tifosi a dovere essere degli esperti intenditori; se ti pagano profumatamente per intenderti di calcio, o lo fai o cambi mestiere e vai a casa. Non dimentichiamoci che tra le prerogative di un esperto di calcio, c’è quella di conoscere i giocatori e valutarne le caratteristiche, dalle qualità tecniche a quelle caratteriali. Diciamo che alla luce del 70% degli acquisti degli ultimi anni, Corvino non ha la più pallida idea di queste due prerogative.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. vecchio briga - 7 mesi fa

        Continui a confondere ruoli e responsabilità. Chi è pagato per fare le scelte ha la responsabilità dei risultati ottenuti e per questo è giudicato. Tifosi, stampa e quant’altro hanno altri ruoli e nessuna responsabilità sulle scelte. Che poi a dirla tutta fosse solo Pjaca il problema..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Powerfons - 7 mesi fa

      Ok però ci vorrebbe anche l’onestà di riocdare che tutti sbraitammo quando Pjaca fu preso in prestito anziché comprato e quando Gershon arrivò in prestito secco.. Perché temevamo di farci soffiare tali campioni..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bati - 7 mesi fa

        Si, però non facciamo di tutta un’erba un fascio. Io sono come tutti un semplice tifoso ma è da ottobre 2017 che mi chiedo ripetutamente su questo sito, come sia stato possibile comprare un attaccante privo di quasi tutte le caratteristiche necessarie come Simeone. Mi sono bastate tre/quattro partite per rendermi conto che oltre alla foga agonistica non c’era assolutamente altro. Non c’erano potenzialità future da affinare. Mi sono bastate poche partite per chiedermi che razza di centrocampista fosse Benassi, un giocatore che tocca dieci palloni a partita come può fare il centrocampista, cioè essere al centro del gioco. Certi tifosi spesso sono calcisticamente superficiali e grazie ai goal pensavano che Benassi fosse un giocatore importante. Il fatto è che questa squadra gioca senza centrocampo, cioè il reparto che fa girare tutto. Allora, se il prossimo Ds comprasse un attaccante che gioca da attaccante e segna, e i centrocampisti che fanno il loro lavoro da centrocampisti non sarebbe meglio?

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy