Corvino: “Meglio vincere un trofeo che il terzo posto. Firenze deve festeggiare un titolo”

Corvino: “Meglio vincere un trofeo che il terzo posto. Firenze deve festeggiare un titolo”

L’intervista al Direttore Generale della Fiorentina: “La mia speranza è che arrivi un trofeo in questa città. Bernardeschi e i giovani viola figli della continuità di lavoro”

di Redazione VN

Il dirigente viola Pantaleo Corvino questa  mattina si racconta in un’intervista esclusiva sulle colonna de Il Corriere Dello Sport Stadio. Qui vi riportiamo i passaggi fondamentali dell’intervista del Direttore Generale della Fiorentina. Corvino si dice orgoglioso di vedere i suoi giocatori sul mercato perchè vuol dire che non abbiamo sbagliato giudizio valutativo“. Parlando dei tempi della trattativa per Gonzalo “C’è tempo fino all’ultimo giorno di campionato per prolungare”. Si parla di Tello e Corvino non è deluso “E’ abituato a giocare con un modulo diverso e si deve adattare ad altre caratteristiche”. Su Zarate ha parole dolci “Ha dato sempre il meglio quando è stato chiamato in causa”.

Infine un giudizio su Chiesa, Bernardeschi e Hagi “Sono tutti figli di una continuità di lavoro iniziata 11 anni fa e di sacrifici della proprietà: su questo Sousa ci sta dando una grande mano”. Per chiudere la speranza per il futuro “Un titolo: sarebbe una conquista collettiva per la città che andrebbe ad unire tifosi, dirigenti e la proprietà stessa”.

 

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. SOLOROGER - 3 anni fa

    ci risiamo con queste dichiarazioni equivocabili e che lasciano spazio a molte interpretazioni! Per qualsiasi Società sarebbe meglio il terzo posto perchè garantisce la possibilità di accedere ai preliminari di Champions e potenzialmente alla fase a gironi che porta una quantità importante di risorse economiche. Solo la Fiorentina nel mondo vede la Champions come un pericolo!! Questo perchè con l’accesso alla Champions i tifosi si aspetterebbero qualcosa in + che la Società non vuol fare……Non vuol fare ma non lo vuole dire e qui nascono gli equivoci avuti con Montella, Sousa ecc. ecc. Poi ci sono i giornalisti fiorentini che si sono schierati contro Sousa, così come avevano fatto nel passato prima con Prandelli e poi con Montella . Rialti è il number one. Dopo che Sousa si permise di dire che se Bernardeschi cresce Società più ambiziose gli faranno la corte dichiarò che era la Notte dell’addio!!! La Società aveva deciso che questo sarebbe stato l’ultimo anno e in caso di sconfitta con l’Inter forse sarebbe scattato l’esonero subito! Ci scandalizziamo per una cosa OVVIA detta da Sousa e ci facciamo prendere in giro da Corvino e Cognigni che continuano a lanciare queste dichiarazioni di voler vincere qualcosa! O pensano che siamo tutti fessi o non capisco come si possa pensare di vincere…..Non riesce a vincere il Napoli, la Roma che hanno rose e squadre e ingaggi di tutta un’altra categoria e vuol vincere Corvino con Tatarusanu e company?? Ma non vi sembrano un tantino presuntuosi? E’ come dire che chi compra Higuain è un coglione e che si può vincere anche con DRAGOWSKY? Sicuramente hanno ragione loro. Corvino è super pagato e siamo andati a riprenderlo in ginocchio dopo che eravamo riusciti a liberarcene… è andato via col Tanque Silva ed è ritornato con Milic, Olivera, Diks, Sanchez, Toledo ecc. Nessuno dice niente. Sento dire che Corvino ha fatto un grande lavoro, ha sistemato il bilancio (anche questa storia del Bilancio nessuno la vuole approfondire) e non ha avuto tempo di lavorare e tutti sono contenti. Poi ci si sorprende del motivo per cui la Fiorentina è a metà classifica e non ci si rende conto che stiamo ogni anno facendo passi all’indietro. Comunque la cosa più semplice è prendersela con gli allenatori….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Dellone68 - 3 anni fa

    Con i giocatori che abbiamo vincere un trofeo quest’anno sarebbe un miracolo. Ciò non toglie che non possa accadere, il calcio è bello anche per questo. Però, per citare il grande Paulo Sousa, dobbiamo essere pragmatici. In Europa League il percorso è difficile anche se affascinante. Credo che la cosa importante sia evitare il Manchester Utd e la Roma, poi potremmo anche avere la fortuna di andare avanti. La Coppa Italia è un altro grande cruccio, non riusciamo a vincerla nonostante siano al massimo cinque partite. Ma contro le migliori del campionato e, nella gestione Della Valle, con le “grandi” nostrane abbiamo quasi sempre stentato. Appaiono traguardi difficilmente ottenibili con una rosa come questa. Quando siamo arrivati ad un tocco dal sogno, avevamo due squadre attrezzate con giocatori di alto livello. Mi riferisco alla Viola di Prandelli (semifinale Uefa con i Rangers) ed a quella recente di Montella (semifinale col Siviglia, purtroppo arrivata con la squadra a pezzi). Rose di gran lunga più competitive di quella attuale. Ma non siamo mai riusciti a vincere nulla. Io ci spero sempre, ma il realismo mi porta a pensare che per vincere ci vogliano altri giocatori ed altri investimenti. Spero di essere smentito. Sempre Forza Viola.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. vecchio briga - 3 anni fa

    Il titolo pensa di vincerlo con Milic e Olivera, oppure pensa di poter tornare a comprare i Toni e i Mutu (per i quali non serve essere un top club)?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. fornamas63 - 3 anni fa

    I soliti commenti triti e ritriti di gente che continua a fare lo struzzo e non capisce quanta distanza ci sia tra i top club ed il resto della truppa che comprende anche noi.
    Tranne casi da sceicchi PSG Man C e poc’ altro, il resto delle corrazzate vanta contratti televisi e sponsor che nessuna proprietà potrebbe raggiungere se non con esposizioni mostruose che comunque il FPF limita e non di poco.
    La realtà per gli eterni scontenti è che abbiamo il terzo ranking europeo per la continuità di partecipazione alle coppe e da 4 anni siamo stabilmente avanti a 3-4 squadre con budget superiore al nostro e anche quest’anno siamo a giocarsela, se non è lavorare bene questo cosa dovrebbero dire al Milan che con un budget tre volte il nostro da 4 anni non vede l’ europa?
    Manca il trofeo che abbiamo sfiorato nella maledetta finale di Roma dove me la sarei voluta giocare con un centravanti e soprattutto senza l’ ombra del delitto che incombeva in campo ma restando lì in attesa di uno stadio di proprietà si potrebbe sperare in un balzo in avanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vecchio briga - 3 anni fa

      Il tuo è un commento trito e ritrito. Toni, Mutu, Gilardino, Jovetic, Ujfalusi eccetera..non mi sembra siano stati comprati dagli sceicchi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fornamas63 - 3 anni fa

        Manco Borja, Gonzalo, Badelj, Kalinic, Astori, Vecino, Bernardeschi (anche se è del vivaio è un giocatore di categoria) e c’è andata male con Rossi e Gomez ma erano investimenti più onerosi di Toni, Mutu e di quelli che citi.
        Non la vedo tutta sta differenza dalla Fiorentina di Prandelli. Comunque i fatti sono quelli da me esposti, per le altre argomentazioni si ricorre al solito ritornello dei braccini etc etc, il trito è quello.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Gianluca - 3 anni fa

        Sarà un commento trito e ritrito ma è la pura e semplice realtà dei fatti. Oppure neghi che siamo ad oggi la terza squadra italiana più importante d’Europa ? Neghi che esiste il FPF ? Neghi che negli ultimi 5 anni siamo arrivati prima di squadre come Napoli ( 2 anni fa ), Milan e Inter seppur con un budget nettamente inferiore ?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Marco Chianti - 3 anni fa

    Si ma per vincere bisogna spendere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. rudy - 3 anni fa

    Per vincere un trofeo occorre una squadra da terzo posto, almeno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. daddo - 3 anni fa

    infatti hai preso MILIC,SANCHEZ,TELLO,OLIVERA,SALCEDO,DE MAIO,DRAGOSKY,DICKS,TOLEDO..con questi vai un trofeo e’ sicuro…ma anche quegli incompetenti dei tuoi datori di lavoro credono ad un trofeo? in 16 anni anche un qualsiasi presidente, che se ne intendesse appena di calcio, l’avrebbe vinta una coppa italia, anche per caso! (Lotito ne ha 2 in bacheca..tutto dire..).A parte gli ultimi anni i fratellini hanno, per la verita’, tirato fuori qualche milioncino dimostrando anche pero’ che il mondo del calcio e’ a una distanza siderale da loro.Stiano muti con questi nuovi progetti farebbero miglior figura..lo dicano francamente la meta’ classifica e’ il nostro progetto non si prendono in giro i tifosi,perche’con i giocatori sopra citati l’obbiettivo e’ quello,meta’ classifica.Ridimensionamento,vivacchiare,budget zero ecco il loro motto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vecchio briga - 3 anni fa

      sono stati più che chiari, “si vivacchia” chi l’ha detto? vedremo se dopo aver presentato il progetto stadio avranno intenzione di tornare a investire oppure se troveranno altre decine di scuse

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Schicchi - 3 anni fa

    Che non sia mai detto che si prendano in considerazione entrambe le cose, sarebbe un pensiero societario troppo perturbante.
    Forza Viola sempre!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy