Corvino: “Cessione a Commisso atto d’amore dei DV”. Su Pioli e Montella…

Corvino: “Cessione a Commisso atto d’amore dei DV”. Su Pioli e Montella…

Le parole dell’ex dg viola a 360° sulla Fiorentina

di Redazione VN

In una lunga intervista a Tuttosport, l’ex dg della Fiorentina, Pantaleo Corvino ha parlato a 360° del mondo viola, partendo dalla cessione della società a Rocco Commisso:

Della Valle ha venduto a Commisso per un atto d’amore verso la città e la Fiorentina, sapendo di lasciarla a una persona capace e nelle condizioni di dare un grande futuro a questa società, a questa squadra. Errori? Chi lavora li commette, e sicuramente li ho commessi anch’io.

Corvino ha anche le idee chiare su Chiesa uno dei più grandi del nostro campionato, in futuro sarà da grandissima squadra“, mentre sul secondo ciclo a Firenze ci sono dei rimpianti: “Credo di aver dato il meglio soddisfacendo anche la richiesta di tagliare il monte ingaggi insostenibile“. L’ex dirigente ammette anche di non sapere come siano andate le cose tra la società e Pioli, ma su Montella ha un’idea chiara: “E’ una persona intelligente e sa che alla fine nel calcio contano solo i risultati“.

Jovetic cuore viola: “Inter bei ricordi, ma tifo Fiorentina. Chiesa? Situazione simile alla mia”

 

18 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. 29agosto1926 - 6 mesi fa

    Certi tifosi (saranno tali o conterà più il proprio ego?) non cambieranno mai. Invece di guardare avanti, commentare quello che abbiamo oggi o che, sperando, possiamo avere domani preferiscono sempre guardarsi indietro e fare paragoni con una relatà che oggi non esiste più. Pretendono che da una parte sia tutto bianco e dall’altra tutto nero. Va bene. Facciamoglielo credere e commentiamo l’oggi.
    Corvino ha fatto cose buone e cose meno buone come fanno tutti quelli che lavorano, probabilmente certi commenti partono da chi non lo ha mai fatto, ma adesso è in pensione, tra gli ulivi ed i nipoti ed è bene che si goda il meritato riposo.
    Una cosa è certa ed è che il settore giovanile si è disentegrato con l’arrivo di Pradè e la, probabile partenza di Vergine che ha fiutato l’andazzo delle cose. Dispiace ma conterebbe il giusto se potessimo attuare una politica come la Juve o altre squadre che comprano gente già pronta a piene mani. Noi, invece lo possiamo fare per uno o al massimo due giocatori ed i, nostro tesoro dovrebbe essere, appunto il settore giovanile che, in questo momento fa ridere.
    Speriamo bene ma il futuro mi sembra sempre più opaco. Spero tanto di sbagliare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianni69 - 6 mesi fa

      ti vorrei fare una domanda:se ci fosse ancora la vecchia proprietà in questa situazione di classifica,è successo 3 volte durante 17 anni come lo vedresti il futuro?roseo oppure opaco?questo in 5 mesi ha acquistato il terreno per il cs,si parla di soldi non di plastici,si spera che vorrà anche fare una buona squadra oppure la logica ti dice che voglia solamente speculare?se scendiamo in serie b pensi che non gliene importi un fico secco oppure si inc..abbastanza?errori ne fanno tutti lo hai detto anche tu.diamoli tempo.ma non tre 5 7 9 mesi un pochino di più si.ha chiesto scusa personalmente ai tifosi in treno in viaggio da torino verso firenze.un bel gesto mi sembra.qualcun altro osava querelare chi criticava il loro operato.ci sono le carte non sono chiacchiere da bar.ah ultima cosa io lavoro e parecchio e con le mani ,quindi non tutti coloro che dissentono sono nulla facenti.saluti e sempre forza viola.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 29agosto1926 - 6 mesi fa

        Scusa ma non ho capito proprio niente del tuo post. Colpa mia certamente.
        Si continua a fare paragoni con il passato e credo che sia proprio la sindrome di Stoccolma che prende certi soggetti innamorati dei loro sequestratori (Della Valle).
        Credo di essere obiettivo se dico che sono preoccupato, tu no???? Bene se non lo sei sono contento per te. Io lo sono. Ho paura di retrocedere in B. Non ho parlato né di speculazioni né di altro. Il fatto che tu lavori mi rallegri ma forse non hai capito quello che ho detto e cioè “chi lavora sbaglia” e chi non sbaglia mai probabilmente non lavora.
        Per quanto riguarda il calcio giocato devo dire che per diversi anni con i Della Valle mi sono divertito poi, specialmente gli ultimi tre anni ho vissuto continui incubi ma cosa vuol dire?
        Non sto qua a dire questo era meglio o quello era peggio. Analizzo la situazione e vedo che abbiamo fatto un mercato sulla vendita di Veretout, abbiamo comorato 4 chiaviche, abbiamo affidato la squadra ad un allenatore scelto da altri, abbiamo un DS che non sa fare il su9 lavoro ed abbiamo un Presidente con tanti buoni propositi.
        Mi sembra di aver fotografato la situazione o no?
        Il resto è fuffa, guardiamo di salvarci alla svelta, dai retta!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-2073653 - 6 mesi fa

    Io spero che per scrivere certe sciocchezze almeno vi porti a cena Pantaleone…con Mancini, Zaniolo e Piccini ci ha visto parecchio lungo! E poi, quali sarebbero i giovani campioni scoperti da questo signore? Ad oggi non c’è un giovane preso da Corvino che abbia avuto una carriera indimenticabile, al più qualche buon giocatore, e quasi sempre strapagati. Vogliamo poi dire di Rasmussen, Terzic, Diks, Zekhnini, a proposito di giovani sui quali Corvino ci vede lungo? Senza considerare la boiata sulla “vendetta di Pradé”, che non si capisce che avrebbe smontato in primavera, mentre è esattamente ciò che ha fatto Corvino quando venne. E chiudo con la sempre attuale domanda, che però non trova mai una risposta: ma se Corvino è tanto fenomeno, perché è tuttora a casa e perché in serie A, Fiorentina a parte (nella quale ha sfiorato due retrocessioni) c’è un’annetto a Bologna e simile a Lecce? Tutti poco avveduti gli altri presidenti???comment_parent=594449

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Johan Ingvarson - 6 mesi fa

      Zaniolo fu mandato via per problemi caratteriali, lo disse anche Guidi, che non lo voleva più in Primavera all’epoca, quindi non scherziamo. A doversi mangiare le mani su Zaniolo non siamo noi, ma l’Inter, che lo ha regalato alla Roma in cambio di un trentenne con il vizio del fumo. Piccini ad oggi non mi sembra abbia fatto chissà che carriera, e se in Italia nessuno lo ha mai richiamato significa che forse, per il nostro calcio, non è un fenomeno. E su Mancini c’è un processo in corso, in quanto Perugia ed Atalanta truffarono la Fiorentina per cederlo ai bergamaschi, quindi non fu colpa della proprietà.
      E riguardo ai giovani scovati dal Corvo te ne posso dire parecchi: Nastasic, Jovetic, Ljajic, Castrovilli, Milenkovic, Dragowski, Vlahovic, Terzic (che in 2 apparizioni ha fatto meglio di 10 partite giocate da quello scarpone di Dalbert), Biraghi (dite quel che volete, ma in 2 anni a Firenze Biraghi è arrivato in nazionale, quindi non è propriamente un brocco), Koffi, Lakti, Diawara, Pulgar, Traoré… e ne sto dimenticando altri. Sono tutti Messi? No. Sono bravi giocatori? Sì. Pradé invece a livello giovanile chi ha trovato? Risposta: nessuno. L’unico giovane che ha portato quest’anno è stato Duncan, con il quale ha pure litigato con il Liverpool, e che sta facendo pena pure in Primavera. A livello giovanile è Corvo è tra i migliori in Italia, inutile negarlo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 29agosto1926 - 6 mesi fa

        Lascia stare! E’ prevenuto, problemi personali di famiglia. Non vale la pena perdere tempo!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. viola1946 - 6 mesi fa

      Ljaic, Jovetic, Milenkovic, Nastasic, Castrovilli, Kuzmanovic, Seferovic, Neto, DDragosky, Lafont. Al Bologna ha portato Pulgar e Diawara. Al lecce Bojinov, Osvaldo, Vucinic e Pelle.
      Quanto a Mancini era un buon giocatore e ha fatto due buoni campionati nel Perugia, la sua crescita è dovuta all’ottimo lavoro di Gasperini. Quanto a Piccini prestato al Livorno ha fatto la riserva a Ceccherini, poi è andato in Spagna dove, in quel tipo di campionato si sta rivelando un buon giocatore ma non un “crack”. Relativamente a Zaniolo vi sono versioni molto contrastanti di cosa sia successo.
      Vorrei, invece, a prescindere da Corvino insistere come faccio spesso nei miei post, che il problema non è solo avere giovani potenzialmente forti, ma serve un allenatore alla Gasperini o al rimpianto Chiappella, che li sappia far crescere. Ottimo sotto questo aspetto è stato ad esempio il lavoro di Sousa, che non solo ha saputo lanciare Bernardeschi e Chiesa mali ha messi in un ruolo adatto alla loro crescita. Poi, per l’attualità, Ranieri, Sottil, Vlahovic e Montiel sono dei potenziali “crac” se ben gestiti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. gianni69 - 6 mesi fa

      Come è possibile dare al tuo commento un pollice verso? Io non capisco. La gente non vuole mai ammettere di avere errato su un giudizio su di una frase dire e vero pensavo fosse ma non è stato. Il lavoro di corvino fu encomiabile con prandelli e con un budget piuttosto alto. Poi sappiamo tutti cosa ha portato. Come ad oggi prade. Indifendibile specie se Pedro non è quello per cui è stato acquistato. Forza viola e anche basta con pantaleo. Vivra un ottimo buen ritiro nel suo Salento

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. violaebasta - 6 mesi fa

    Fossi in commisso prenderei corvino e gli darei in gestione l’intero settore giovanile viola.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Johan Ingvarson - 6 mesi fa

      Parole sante. Corvino ha fatto una marea di errori in prima squadra, ma con i giovani ci ha sempre visto lungo. Il problema è Pradé, che ha voluto vendicarsi per essere stato cacciato nel 2016 e quindi ha voluto smontare anche ciò che di buono aveva fatto il Corvo precedentemente (casualmente la Primavera con Pradé fa pena).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Valter - 6 mesi fa

    Atto d’amore?
    Per me è stato l’ultimo colpo di coda a firenze e ai fiorentini.
    E a Rocco gli hanno dato un bella sóla..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 6 mesi fa

      Hai ragione, la sola sta nel fatto che hanno venduto, si dice a 150/170 una squadra che aveva un valore, del solo pacchetto giocatori, di oltre 200. Non basta aprire la bocca e dargli fiato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Valter - 6 mesi fa

        Fenomeno.. ti dei scordato che avevi oltre 70 giocatori a libro paga dei quali solo una decina funzionali..
        Ecco il patrimonio 60 giocatori da sbolognare e senza avere il tempo per farlo..
        Vaia vedovalle.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. 29agosto1926 - 6 mesi fa

          Guarda che se hai qualcuno da vendere sono soldi che entrano e, infatti ne sono rimasti 4 di brocchi, anzi cinque con te !

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Johan Ingvarson - 6 mesi fa

      E certo, adesso i DV hanno venduto perché 4 bischeri si sono messi davanti ai loro negozi a fare casino.
      Mi sa che vi sopravvalutate troppo, simili cessioni non si fanno in una settimana e neanche in un mese. L’ha detto anche Commisso che era più di un anno che c’era un tira e molla con i DV per la cessione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. rudy - 6 mesi fa

    Aiuta Pradè che è in difficoltà. Telefona al tuo amico Ramadani per chiedergli se ci da per sei mesi Jovic che al Real non gioca nemmeno le amichevoli, ma che l’anno scorso in Germania segnava a raffica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Barsineee - 6 mesi fa

    Ma basta con queste cose sull’amore. È ormai chiaro che l’hanno venduta ad un prezzo più basso perché Commisso aveva le capacità di fare gli investimenti immobiliari che Della Valle non aveva. Sono abbastanza convinto che fatte le infrastrutture, una parte dei soldi finirà in qualche maniera ai DV. Smettiamola di fare gli ingenui a tutti i costi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. viola1946 - 6 mesi fa

      Mi piacrebbe sapere come fanno i centri sportivi e gli stadi a rendere soldi da dividere con i Della Valle.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy