Corriere Fiorentino: ma quanto vale la Fiorentina? Se solo fossimo in Spagna…

Corriere Fiorentino: ma quanto vale la Fiorentina? Se solo fossimo in Spagna…

L’approfondimento del quotidiano dopo le parole di ieri di Diego Della Valle

di Redazione VN

Sul Corriere Fiorentino troviamo un approfondimento che nasce di conseguenza alle parole di Diego Della Valle rilasciate al Corriere della Sera ieri. Si parla del valore della Fiorentina e del lavoro delle istituzioni del calcio italiano: “Il vero, grande problema della Fiorentina è sta in Italia. In un Paese cioè che non riesce a valorizzare le sue ricchezze, figuriamoci le sue passioni. Se fosse in un’altra nazione europea sarebbe tutto diverso. Se fosse una quadra di calcio inglese, spagnola, probabilmente addirittura francese – tedesca no perché in Germania i club non sono società per azioni, ma associazioni sportive – ci sarebbe una corsa per comprarla e i suoi proprietari si guarderebbero bene dal fare solo balenare l’idea di poterla mettere in vendita”. (…) “Vent’anni fa la Lega calcio italiana era la più ricca d’Europa, oggi fa fatica a reggere l’attacco della Francia. L’Inghilterra è su un altro pianeta. Spagna, pur con i suoi squilibri, e Germania ci hanno superato e salutato. Mentre negli altri Paesi il business del pallone si sviluppava aggredendo i mercato dove oggi c’è maggiore disponibilità (Estremo Oriente, Paesi Arabi, Nord America), da noi si assisteva a un’eterna rissa intorno ai diritti televisivi”.

Conclude poi l’articolo: “In un calcio italiano migliore, la Fiorentina sarebbe uno dei club più appetiti. Al di là del suo valore economico, che può essere stimato (anche sulla base dei costi di acquisizione del Milan e di una situazione debitoria e di bilancio rossonero assai peggiore) in un range che va dai 270 ai 350 milioni di euro (320?), oggi la società viola è sana, magari carente a livello infrastrutturale ma con un progetto di un nuovo stadio di proprietà”.

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Lk - 2 anni fa

    È una cifra enorme, se veramente vogliono vendere devono prima cedere i pezzi migliore, Berna, Kalinic, Chiesa, e altri, abbassando così il valore della società!Ne vale la pena?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Violanellevene - 2 anni fa

    Articolo interessante. Il problema è che siamo in Italia e quindi alla fin fine la Fiorentina non è appetibile più di tanto. Mettetevelo in testa: se i DV decidono di vendere sarebbe un grosso problema.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. L'Omino di Ferro - 2 anni fa

    Certo, in Italia si vuole i biglietti stadio a 10 euro, le magliette false e si guardano le partite su Rojadirecta … E poi si canta in curva che “per vincere bisogna spendere !”. Non meravigliamoci poi se i campioni ce li vengono a prendere dall’estero …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 2 anni fa

      Commento MOLTO intelligente! Bravo ma, pochi riusciranno a capirne il significato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. woyzeck - 2 anni fa

    È ovvio, ma vai a farlo capire al tifoso beota e depresso cronico… infatti i DV SI GUARDANO BENE DAL VOLERLA VENDERE, nonostante il solito teatrino di DDV che ogni volta fa abboccare un sacco allocchi, terrorizzati dalla dipartita dei salvatori della patria… Troppi tifosi non hanno ancora capito il valore del calcio, di una squadra come la Fiorentina, di una città come Firenze… se ne stanno lì rinchiusi nel loro guscetto di noce tremanti in attesa dell’apocalisse, invece di guardare con speranza ad un futuro nuovo e migliore…. Bah…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Barsine - 2 anni fa

    Ahahahah 320 milioni per una squadra con una tifoseria rissosa che gioca in uno stadio del 1920 che non vince nulla perché è fuori dai poteri forti, che ha una politica che la ostacola ogni minuto. Ma voi sinceramente ce li mettereste i vostri soldi? Non avete capito. La squadra da comprare è lo Shangai mica una di serie A. Uscite dalla Toscana … Esiste un mondo fuori!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bitterbirds - 2 anni fa

      difatti quelli “giusti” se ne stanno ben lontani dal ruzzolapalla, al massimo ci possono toccare – come in effetti ci è toccato – qualche speculatore di campagna

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. zachini - 2 anni fa

        A Firenze tutto lo sport muore, solo i ciechi o indottrinati dai santoni fiorentini non se ne accorgono.
        Il basket è morto, la pallanuoto è morta e così via…nessun imprenditore locale ha mai minimamente pensato di investirci.
        E’ solo grazie ai DDV se oggi il calcio femminile è al top e la Fiorentina è la terza squadra italiana nel ranking UEFA.
        Il problema è che siamo dei bottegai e ci facciamo ammaliare da slogan recitati a memoria da improvvisati giornalisti e opinionisti che tirano l’acqua al loro mulino.
        Poi personaggi come IG e compagnia bella ci sguazzano in questo letame…e tutti ad accordarsi

        Accendete il cervello, ragionate con la vostra testa se avete una testa.

        Vdz

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy