Commisso quasi ok: ecco cosa non è andato dopo un anno di Fiorentina

Commisso quasi ok: ecco cosa non è andato dopo un anno di Fiorentina

Firenze è con Commisso, ma il presidente deve migliorare su alcuni aspetti

di Redazione VN
Commisso

La Nazione ha analizzato il primo anno di Rocco Commisso da presidente della Fiorentina. Tra gli aspetti positivo il quotidiano inserisce gli investimenti stimati in 300 milioni, la sintonia con la grande maggioranza dei tifosi e la scelta di Ribery. Cosa c’è, invece, non è andato per il verso giusto? Gli attacchi generici al sistema, la fallita elezione in Lega di Joe Barone che ha conquistato 8 voti (ne servivano 14) e la struttura societaria da integrare. Qui sotto una parte dell’articolo. Il pezzo integrale nel giornale in edicola.

«Sono qui per imparare», ammise Commisso nel primo bollore di Firenze, e un campionato dopo ci si chiede quante buone o cattive idee abbia messo da parte il nuovo padrone della Fiorentina. Quali esperienze gli siano servite e quante illusioni abbia invece perso per strada. Quali ruoli pensa che debbano ancora essere individuati per strutturare meglio la Fiorentina, non solo a livello immobiliare, ma proprio sportivo, per diventare un collettore di competenze in tutti i settori (compreso quello della «politica calcistica»). Premessa: difficile giudicare una stagione così speciale anche, o soprattutto, per lo stop del calcio dovuto alla pandemia, ma il decimo posto è comunque un distintivo che Rocco ha mostrato con orgoglio rivendicando una discreta posizione fra i nuovi presidenti della Fiorentina. Il paragone con la vecchia proprietà non tormenta l’uomo – sembra in realtà che poche cose lo tormentino, a parte la burocrazia italiana e l’impossibilità di investire quanto (e come) vorrebbe – che con una cadenza periodica viene inserito fra gli imprenditori più ricchi d’America.

21 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. giusetex7_9905901 - 3 settimane fa

    A mio avviso il problema di questa nuova gestione è stato solo uno. Pensare che i risultati arrivino dalle strutture. Purtroppo o per fortuna è sempre il campo a parlare e tralasciare il progetto sportivo sportivo è un errore. Non lo dico io ma i fatti e basta vedere squadre che attualmente sono sopra di noi su cosa si siano concentrati. I giocatori non vengono senza coppe, questo è assodato. Se l’obiettivo fissato dalla società è stare dalla parte sinistra dubito che cambi qualcosa, è un po’ un gatto che si morde la coda. Anche perché uno stadio di proprietà ad essere ottimisti ci vanno tre anni per averlo, nel frattempo forse sarebbe più logico a pensare ad un progetto tecnico valido. Sinceramente la conferma dell’allenatore non mi pare vada in questa direzione, magari con i prossimi acquisti si riuscirà ad alzare l’asticella. È più una speranza che una certezza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. BVLGARO - 3 settimane fa

    da uno con il patrimonio di Commisso spererei di vedere in viola gente del calibro di Upamecano, Aouar etc. Se quest’anno fa una squadra ancora da sesto posto in giù diciamo che le sue ambizioni non sono vincere un trofeo, ma il mattone e da tifoso ne trarrò le giuste conclusioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jackfi1 - 3 settimane fa

      Ma se le possibilità di investimento sono limitate dal nostro fatturato é chiaro che non possa comprarti aourar. Dovrebbe essere una cosa ormai abbastanza chiara questa. Per alzare il fatturato devi per forza costruire lo stadio. Che si possa avere una squadra migliore di così ok ma arrivare a richiedere giocatori da 40-50 mln vuol dire averci capito molto poco del calcio che c’è ora

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BVLGARO - 3 settimane fa

        perchè l’inter senza lo stadio compra Lukaku? perchè c’è la volontà dei cincillà di avere risultati, perchè hanno orgoglio, programmazione e soldi da spendere. Il tutto in una sola parola: ambizione, quella che deve avere un milionario americano per ora vicino a Saputo e lontano anni luce da Pallotta.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. jackfi1 - 3 settimane fa

          Vabbè, il fatto tu abbia fatto questo paragone con l’Inter evidenzia il fatto che di come funziona il calcio al giorno d’oggi tu ci abbia capito molto ma molto poco. Ti consiglio di giocare alla play almeno lì funziona come dici te. Come puoi pretendere di paragonare l’Inter alla fiorentina che ha un fatturato 5 volte più basso. Chiaro che l’Inter può spendere 60 mln,fattura quasi 400 mln. Noi se ne fattura a malapena 100 però pretendi di spendere 50.a matematica te non eri una cima secondo me. I soldi commisso può metterceli fino ad un certo punto. Con il tuo ragionamento se domani a Jeff Bezos gli parte la fregola e si compra il Pizzighettone in 5 anni lo porta a vincere la Champions league. Il problema della fiorentina sono i tifosi come te e quelli che purtroppo ti mettono il pollice su e ti seguono nel tuo delirio

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. BVLGARO - 3 settimane fa

            ecco il sapientone. guarda che non solo lo stadio incide sul fatturato di una squadra. L’Udinese con lo stadio di proprietà lotta ogni anno per non retrocedere. Il fatturato lo fanno crescere i diritti televisivi, le plusvalenze, le partecipazioni alla coppe europee. Ma per quelli come te, che hanno un quarto di cervello, comprare Ceppitelli è sicuramente il top! Chiunque abbia dei soldi può portare la squadra in Champions e dal primo anno di Rocco Commisso a Firenze tutto sembra tranne che la voglia sia quella. In ogni caso la burocrazia italiana incide sulle ambizioni della Fiorentina. P.s. ho sempre avuto 9 a matematica e gestisco un’azienda con 15 milioni di euro di fatturato all’anno. Tu che fai nella vita?

            Mi piace Non mi piace
          2. jackfi1 - 3 settimane fa

            Bellissimo ogni volta che commenti abbassi sempre di più la considerazione che ho del tuo cervello. Ovvio che non basta lo stadio. Prima ci paragoni all’Inter e poi all’udinese.hai le idee leggermente confuse. I diritti TV vanno in base al bacino d’utenza quindi sarei curioso di sapere come tu possa fare ad ampliarlo. Puoi giocare sull’aumento dei fatturati con stadio e appunto esercizi commerciali attorno (perché con il solo stadio non ce la fai. Chiaro o vuoi un disegnino per il tuo cervello sottosviluppato? ). Nessuno dice che ceppitelli debba essere l’obiettivo ma tra ceppitelli e gente che costa 50 60 mln che non ti puoi permettere ci sono milioni di giocatori da prendere. Però continua a giocare alla play. Per te va più che bene

            Mi piace Non mi piace
          3. jackfi1 - 3 settimane fa

            P.S. L’azienda da 15 milioni di fatturato la gestisci a the Sims? Ahah dai su fai il bravo. Per il c**o prendici quelli come te che ti mettono pure il pollicino su.

            Mi piace Non mi piace
  3. jackfi1 - 3 settimane fa

    La cosa che non va è che in questa società non c’è nessuno che vive di calcio. Antognoni per quanto lo si possa amare credo ci sia un motivo se in entrambe le gestioni viene relegato a ruolo marginali, Dainelli non si sa bene quale sia il suo ruolo (credo non lo sappia manco lui), Barone non ha esperienza con il calcio europeo e si vede, Pradè (e prima che qualcuno possa commentare con “eh meglio Corvino si” sappia che reputo anche Corvino mediocre) é un DS da squadra di bassa classifica e per rendersene conto basta vedere dove sono le squadre dove ha lavorato negli ultimi anni. La sua unica fortuna è stata qui dove era aiutato dall’unico DS veramente forte che abbiamo avuto a Firenze che è Macia. Sarebbe bastato inserire come dirigente una figura che vive questo mondo da anni (un esempio può essere Fassone che nonostante quell’anno disastroso al Milan, dove era comandato da una società fantasma, ha lavorato per le maggiori società italiane). Dal punto di vista dei tifosi le cose sono migliorate decisamente ma visto come vivono lo sport gli americani su questo punto di dubbi almeno io ne avevo pochi che sarebbero migliorate

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 3 settimane fa

      Purtroppo ho sempre detto che lamaggior colpa di Rocco è non avere scelto UOMINI DI CALCIO. Questa squadra aveva bisogno di veri ed abili professionisti. Immaginate una struttura tecnica con Baldini e Sartori o anche Macia, che era libero, cosa sarebbe stato. Ma, ripeto e li sai anche tu, non si può dire!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. damci - 3 settimane fa

    L’ok va tutto assegnato all’entusiasmo di Commisso ed alla sua capacità di avvicinare tifosi e media,nonchè agli interventi per realizzare centro sportivo e nuovo stadio.La gestione sportiva,pur con la scusante del primo anno,è stata decisamente carente:sono stati spesi ben più di 100 milioni per acquisti,senza contare il grosso incremento degli stipendi, ed il risultato è che ad oggi tutti consideriamo titolari certi per il prossimo anno,solo Ribery e Amrabat;forse possiamo aggiungere Caceres e Lirola,mentre gli oltre 80 milioni eccedenti questi quattro acquisti,hanno portato tutti giocatori che tifosi e media,considerano riserve,più o meno affidabili,nel guardare alla fiorentina dell’anno prossimo.Il risultato sportivo fa sì che la viola continui ad essere poco attrattiva per giocatori di valore accertato, mentre la società non ha la propensione,nè la capacità,di affrontare politiche di ricerca e valorizzazione di giovani promettenti o di sconosciuti di altri campionati,come fanno in Italia:atalanta,lazio,sassuolo.Rilievi abbastanza negativi anche sul comportamento politico in lega(tentativo poco dignitoso di Barone) e nel rapporto con gli arbitri(le polemiche pubbliche,possono appagare i tifosi di pancia,ma poi penalizzano e creano evidenti ritorsioni).Comunque Forza Commisso e speriamo bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BVLGARO - 3 settimane fa

      Pradè ha speso male, ma nelle aziende l’input deve venire dal capo. Un pò di ambizione e che cavolo, non basta avere presidenti milionari. si vive una volta sola e tira fuori 300 milioni per la campagna acquisti e fai una squadra degna di Firenze

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. jackfi1 - 3 settimane fa

        A casa mia dopo una affermazione del genere si dice “son tutti finocchi col c**o degli altri”

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. 29agosto1926 - 3 settimane fa

          Lui è il Re della categoria. Scrive senza pensare.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. BVLGARO - 3 settimane fa

            quale categoria? specifica. grazie

            Mi piace Non mi piace
          2. 29agosto1926 - 3 settimane fa

            Usa l’immaginazione e troverai la risposta da solo.

            Mi piace Non mi piace
  5. Ghibellino viola - 3 settimane fa

    Quasi ok un corno. Abbiamo patito fino alla partita di Lecce. Non abbiamo mai visto da vicino l’Europa. Siamo arrivati decimi. Va bene che è il primo anno e ci sono tutte le giustificazioni ma quasi ok no.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 3 settimane fa

      In compenso quest’anno puntiamo al non posto (l’ha detto la Dirigenza non io). Quando qualcuno parlò del settimo ci fu la calca davanti ai negozi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BVLGARO - 3 settimane fa

        non lanciare il sasso e tiri il braccio da codardo quale sei. Dimmi a quale categoria appartengo. Il mio studio legale aspetta paziente la tua risposta.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. tifosogodurioso - 3 settimane fa

          Vai a fare il pagliaccio arrogante da un’altra parte. Non ti si vuole qui

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. 29agosto1926 - 3 settimane fa

          Perché dirti già ciò che sai. Inutile, non credi?

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy