Cognigni: “Non vogliamo indebolire la squadra. L’intento è quello di creare campioni in casa”

Un’intervista ampia a Cognigni che risponde alle domande di mercato, tecniche e finanziarie

di Redazione VN

Ecco un estratto del pezzo del Corriere dello Sport-Stadio sull’incontro di Mario Cognigni coi tifosi al Bar Marisa:

C’è un problema di comunicazione? Il presidente esecutivo Mario Cognigni lo risolve nel modo più funzionale e sorprendente. Si presenta, ieri, alle ore 10.20, al bar Marisa (l'”università del calcio”), si siede al tavolino in compagnia di Elena Turra, responsabile delle relazioni esterne della Fiorentina, e incontra i tifosi che, come ogni giorno, arrivano per un caffè (…)

«Il campionato italiano è cambiato. Rispetto a 4 o 5 anni fa è tutto diverso. La Fiorentina è stata il primo club a portare avanti la disciplina del fair play finanziario e adesso anche in Lega, sono tutti concordi. La nostra politica è quella di farci i “campioni” dentro casa con i ragazzi del settore giovanile: prendete Valencic, è un centrocampista sloveno di 17 anni. Si sentirà presto parlare di lui. (…) ».

«Il mercato? La Fiorentina sa già dove muoversi. E, cosa più importante di tutte, ha la forza per difendere i propri campioni, compresi Bernardeschi e Chiesa. Non vogliamo indebolire la squadra» e poi ancora  «Sono convinto che gli investimenti debbano essere finalizzati a due elementi: la vittoria e l’emozione, che si autoalimentano a vicenda (…)».

«Cosa penso quando vedo Pioli sulla panchina dell’Inter? Che abbiamo fiducia in Sousa e con lui c’è collaborazione. Chi mi piace? Maran è un ottimo allenatore, così come Giampaolo e pure Di Francesco.E Prandelli? Abbiamo vissuto anni importanti, ma dobbiamo guardare avanti».

Chiusura con il nuovo stadio «La Fiorentina ha consegnato i propri documenti nei tempi prestabiliti, ma non sono io che decido».

La versione integrale sul Corriere dello Sport-Stadio in edicola oggi.

35 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. IBBRA - 4 anni fa

    Ma è vero che ha chiesto la percentuale sui caffè venduti ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. daddo - 4 anni fa

    Si si come no.. Per poi venderli ed incassare senza reinvestire, torna a casa tua ridicolo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Tato - 4 anni fa

    Le motivazioni le da la proprietà. Se l’anno scorso a Gennaio fossero arrivati 1/2 giocatori discreti, sarebbe stato un segnale importante per la squadra. Ma con gli arrivi che sappiamo, forse il messaggio che passa ai calciatori è quello di scarso interesse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. gianni59 - 4 anni fa

    Io sono tranquillo…non ci faremo trovare impreparati…alle plusvalenze questi non vendano la torre di maratona perche` e` del comune altrimenti vendevano anche quella!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Tato - 4 anni fa

    Ultravioletto, leggi i commenti e vedrai che nessuno vuole la luna. Ma neanche farsi prendere per il c…da false promesse che ormai ci propinano da qualche anno. Non abbiamo vinto con Atalanta, Crotone e Napoli (regalando 2 reti). Abbiamo perso con l’Inter non giocando per 20 minuti e prendendo 3 goals da amatori. A Torino in due partite hai regalato goals a Juventus e Torino . Forse se tanti iniziassero a stare a casa. Io non mi diverto a vedere la “mia” squadra ” strapazzata per l’immobile amo della società. Gli è toccato pagare Belanouane pur non avendo giocato. Questa è una barzelletta. Noi pretendiamo la luna , tu invece sei felice di questi acquisti?.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Il sommo poeta - 4 anni fa

    A leggere i commenti qua sotto non sembra proprio che veniamo da 4 campionati ai primissimi posti, nonostante che si sia venduta tutta l’argenteria. Anche quest’anno saremmo a lottare con le prime con un allenatore più motivato, più convinzione e un po’ di fortuna. Ma ai nostri tifosi piace piangersi addosso e sognano di essere il Real.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vecchio briga - 4 anni fa

      sì buonanotte! siamo noni in classifica e si potrebbe cedere il centravanti titolare, incassare un 50ino e sostituirlo con un prestito.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. GianBurrasca - 4 anni fa

      “Anche quest’anno saremmo a lottare con le prime con un allenatore più motivato”.. il classico esempio di come sia più facile scaricare ogni colpa su una sola persona.. a girare è sempre colpa di Cesare Perdelli, Vincenzo Perdella e ora Sousa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Gariboldi - 4 anni fa

      ma come si può difendere ancora questa società?? Il masochismo non ha limiti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ultravioletto - 4 anni fa

    i soliti tifosoni da tastiera..si vuole la luna dalla società e intanto i gobbi da ieri sera spadroneggiano in città..indisturbati..e questi pensano ai bilanci di quà e Cognini di là..INVECE DI STARE A MUGOLARE VERGOGNOSI USCITE FUORI IN GRUPPO..TUTTI ALLO STADIO!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. DeepPurple - 4 anni fa

    Nessuno e dico nessuno nel calcio italiano ha mai vinto nulla creandosi i giocatori in casa e con l’autofinanziamento: è la triste verità. Come non esiste Babbo Natale ne la Befana, vincere senza spendere rispettando il bilancio costruendo infrastrutture per i giovani e’ una bella narrazione che sta all’agricoltura come la vecchia immagine del Mulino Bianco Barilla o dell’olio novo toscano che inonda il mondo… Nessuno vince in pareggio nemmeno il Real o Il Barcellona cambia solo chi paga: banche, tifosi, multinazionali, fondi, speculatori ma niente si crea dal niente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Tato - 4 anni fa

    Negli ultimi anni stanno facendo investimenti degni di Chievo e Atalanta. Va bene attingere ai vivai, ma che non sia la scusa per non spendere. Non siamo il Real o il PSG, ma nemmeno il Crotone o l’Empoli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Tato - 4 anni fa

    Aver fatto un’intervista a Cognigni è come far parlare Berlu di onestà. Con gli investimenti che hanno fatto sì aspetta delle vittorie? . È più facile invitare un UFO a cena. Solite frasi:”Vogliamo migliorare”, “Abbiamo idee chiare sul futuro “…..Risultato? . Belanouane, Diks, Milic.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. bitterbirds - 4 anni fa

    ma se vu eri rimasti sotto le coperte, te e i tifosi a ciondolare, unnera meglio ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Sblinda - 4 anni fa

    Dire “non vogliamo indebolire la squadra” dopo che avete venduto Savic, Cuadrado, Salah, Alonso ecc senza averli rimpiazzati è offensivo nei confronti dell’intelligenza delle persone.
    DOVETE esser chiari. Basta raccontare stupidaggini. Abbiamo dei terzini che non ci invidia nemmeno il Crotone e dei giocatori di fascia, escluso Berna, incapaci di saltare l’uomo e creare superiorità in attacco. Giochiamo per via centrali, se Badelj non è in giornata non filtra un pallone e ci affidiamo sempre al tiro da fuori del singolo. Questo non è calcio.
    Bastavano due terzini medi e un esterno d’attacco forte per rendere questa squadra almeno vicina al concetto di divertimento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. FILTRA OTTIMISMO (figlio di Tesoretto, fratello di Plusvalenza) - 4 anni fa

    La cosa importante è che io ci sono sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. GianBurrasca - 4 anni fa

    Siamo a metà gennaio e si parla solo di cessioni…. è arrivato l’ennesimo portiere.. sono 5 con tata, sportiello, lezzerini, dragowsky e satalino ( questi ultimi 2 vedranno il campo con la Fiorentina nel 2050)..
    Terzini neanche l’ombra, Tomovic ormai è diventato capitano e insostituibile e ho detto tutto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Enzo2 - 4 anni fa

    Ogni volta che parla…succede la cosa opposta! Mi tocco. Avanti Violaaaaa!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. alex1950 - 4 anni fa

    Era meglio se ieri mattina invece di mandare il proprio AD al bar a prendere il caffè …la società AcF Fiorentina avesse organizzato, come di deve, la presentazione del ritorno di Giancarlo Antognoni, il minimo dovuto ad un grande della Fiorentina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. vecchio briga - 4 anni fa

    non vogliono indebolire una squadra che sta al nono posto… un progettone

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. ViolaLuke - 4 anni fa

    I soliti tifosi ….
    Con i soliti commenti del cavolo ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vecchio briga - 4 anni fa

      le solite parole di cognigni che racconta e paventa una realtà parallela, che non esiste nei fatti. da 3 anni ormai. altro che soliti tifosi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. curra. - 4 anni fa

    Sei solo chiacchere e distintivo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. gianni69 - 4 anni fa

    tanto tempo fa a firenze c’era una proprietà che stornava i soldini dall’ ac fiorentina in una azienda del proprietario sopracitato e sappiamo tutti come andò a finire.non vorrei che si verificasse la stessa cosa oggi ,perchè se si comincia già a gennaio a pensare al buco di bilancio che verrà un dubbio lecito ci può venire…o un si può neanche averlo questo dubbio????ma poi dico io ma la ac fiorentina il denaro dalle televisioni non lo incassa ?un poca di quota abbonati non entra in cassa?cristo siamo sempre in buca,allora cambiate contabili perchè quelli che avete non sono capaci.arrivederci e forza viola.e abbasso f.corsi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Vennihì - 4 anni fa

      Eppure è così semplice, è matematica: se tu tutti gli anni guadagni 100 milioni tra diritti tv, abbonamenti, biglietti, sponsor, marketing, ecc. ma spendi 130 milioni tra spese di gestione, spostamenti della squadra, stipendi di tutti quelli che lavorano in società (dai magazzinieri agli impiegati e ai calciatori), il risultato è che tutti gli anni avrai un disavanzo di 30 milioni.
      Con gli ultimi mercati sembra che abbiamo abbassato notevolmente il monte ingaggi, si spera che il disavanzo strutturale della Fiorentina non sia più di 30 ma di 15 milioni. Certo che se non andiamo in EL ci possiamo scordare quei 9-11 milioni, che riporterebbero il disavanzo a 24 milioni…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gianni69 - 4 anni fa

        guarda che l’input dato dai braccini per questo anno è quello di non entrare neanche in e.league,un so se lo avete capito,mi sembra non ci voglia un laureato alla bocconi.fosse stato il contrario avrebbero licenziato p.sousa a giugno per dirne una .così si sbarazzano dell’argenteria rimasta,rifondano con qualche ragazzotto di buone speranze,e via con un nuovo progetto.io personalmente è molto tempo che non ci casco più e da quel che mi dicono anche allo stadio c’è grossa crisi.sono riusciti nell’impresa di toglierci l’entusiasmo di tifare.mah contenti voi…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Elmauri - 4 anni fa

    Si è passati da “vogliamo rinforzare la squadra” a “non vogliamo indebolire la squadra”. Il prossimo passo sarà “non vogliamo indebolire troppo la squadra” e poi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. rudy - 4 anni fa

    Chiacchere che si scontrano con la realtà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. mario - 4 anni fa

    NO dai, o non doveva essere il bacino d’utenza lo spartiacque tra vivacchiare competere? che e’ successo vi s’e’ ristretto tale da diventare piu’ piccolo di torino e sassuolo e in prospettiva magari di genova e sampdoria?
    Ennesimo ribaltone… ma occhio non basta mettere la parola giovani per essere credibili visto che con i vari jovetic liaijc nastasic savic alonso , i prossimi kalinic badel e forse berna , con poco investimento sono state fatte importanti plusvalenze
    Il problema e’ reinvestirli negli uomini giusti e no 10 brillante o 5 milic e via dicendo, reinvestirli negli uomini e nei momenti giusti perché altrimenti non bastera’ stratificarsi sull’atalanta , ma la prossima volta dovremo andare direttamente alla maternita’ di careggi per sperare con voi di avere un qualche futuro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. violaebasta - 4 anni fa

    “Non vogliamo indebolire la squadra”….Per forza, l’avete gia fatto negli ultimi tre anni, con una societa’ composta da uomini competenti e con un campionato talmente scarso tecnicamente come il nostro con poco avresti potuto competere per il secondo e terzo posto ma a voi non ve ne frega niente di centrare la champions perche’ poi per superare il primo turno ci vogliono giocatori ancora piu bravi e che costano e a voi di spendere un centesimo in piu di quello che vi siete prefissato non vi passa neanche nell’anticamera del cervello.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. GianBurrasca - 4 anni fa

    È matematicamente impossibile fare una squadra competitiva acquistando giocatori in prestito con riscatto e giocatori da 1-2mln… abbiamo venduto e riacquistato male!!!!!!! È stata dimezzata la qualità della rosa rispetto a quelle di Prandelli o Montella.
    Giocatori fatti in casa? Non scoprite certo l’acqua calda, tutte le squadre lo fanno, Ma squadre tipo Udinese, Atalanta, Empoli non hanno mai vinto niente e nemmeno entrano in Uefa (salvo casi sporadici).
    Noi siamo su questa strada perché i nostri acquisti sono troppo scarsi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Xela - 4 anni fa

    Vittoria ed emozione. sulla prima si può lavorare ma sinceramente hanno fatto il loro. Per far scaturire l’emozione ci vuole la passione. da parte di tutti, allenatore e giocatori compresi. Agli obbiettivi bisogna puntare in modo deciso col rischio di rimanerci di m… nel caso non arrivassero. la fiorentina deve essere considerata un punto di arrivo per i giocatori, non di passaggio per un grande club. Devono essere chiari gli obbiettivi per far questo!!
    Purtroppo gnigni parla come quando mi chiedevano come era andato l’esame ed io rispondevo “beh era difficile, il prof un po’ carogna, ho avuto la febbre il giorno prima”. Bisogna essere più diretti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. EDISON - 4 anni fa

    Traduzione: Kalinic è già venduto, Berna e Chiesa sono in vendita, da ogni sessione di mercato vogliamo guadagnarci quattrini da mettere in saccoccia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Xela - 4 anni fa

      Se di tutta l’intervista avessero pubblicato solo “per me un caffè lungo grazie” saresti arrivato alle medesime conclusioni. Una cosa è vedere il bicchiere mezzo vuoto, un’altra farlo diventare vuoto completamente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. vecchio briga - 4 anni fa

    “Per questo sono convinto che gli investimenti debbano essere finalizzati a due elementi: la vittoria e l’emozione, che si autoalimentano a vicenda.”
    APOTEOSI

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy