Cognigni: “Crediamo in questo nuovo ciclo. Prima partita nel nuovo stadio nel 2021 possibile”

Cognigni: “Crediamo in questo nuovo ciclo. Prima partita nel nuovo stadio nel 2021 possibile”

Cognigni: “Non sono mancate le polemiche per la vendita di giocatori importanti che, però, volevano continuare a crescere fuori Firenze. L’inizio non è stato facile, ma questo gruppo può solo migliorare”

di Redazione VN

Il presidente della Fiorentina, Mario Cognigni, è stato intervistato da La Gazzetta dello Sport. Queste alcune sue dichiarazioni:

Il punto di partenza che vale per tutti i club italiani è far crescere i nuovi talenti in casa. La Fiorentina l’ha capito. Il nostro vivaio ha già dato buoni frutti. Penso a Bernardeschi, Babacar, Chiesa. Il nostro CdA ha dato il via libera al progetto che prevede la realizzazione del centro sportivo giovanile. All’inizio del nuovo anno dovremmo avere importanti novità.

Altri documenti per il nuovo stadio? Il modello italiano che finora ha gestito il business del calcio ha mostrato i suoi limiti nel gestire le sfide future. Non è stato garantito l’equilibrio economico. E’ fondamentale creare una partnership pubblico-privato che coinvolga i club e gli enti locale e il governo centrale. Servono impianti all’altezza di un calcio di valore mondiale. La Fiorentina presenterà il progetto definitivo del nuovo impianto in 6 mesi dal momento in cui il Comune avrà approvato la variante urbanistica che consentirà di avere un’area libera su cui costruire. A oggi il cronoprogramma prevede che entro il 2021 si giochi la prima partita nel nuovo stadio. Possiamo farcela.

Lotta per l’Europa League? Non sono mancate le polemiche per la vendita di giocatori importanti che, però, volevano continuare a crescere fuori Firenze. L’inizio non è stato facile, ma questo gruppo può solo migliorare. Ci sono tante individualità importanti su cui abbiamo intenzione di continuare a costruire la viola del futuro.

Pioli? Un tecnico straordinario. Noi crediamo in questo nuovo ciclo. Probabilmente molto di più di chi ci critica, di chi continua a credere in un calcio che non esiste più Rispetto a un decennio fa viviamo in un altro mondo. Chi non se ne accorge ha il pensiero viziato dal pregiudizio.

 

vnconsiglia1-e1510555251366

Nuovo stadio, in autunno la consegna del progetto definitivo? Il costo…

Cognigni: “Serve una Costituente per il nostro movimento. Calcio italiano all’anno zero”

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Quisisanaileccavalle - 2 anni fa

    Caro Gnigni,
    a te (o meglio alla vostra combriccola: i DV, Panzaleo ecc. ecc.) c’è rimasto solo agosto1926 e qualche altro sciagurato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 2 anni fa

      E’ VIVO, E’ VIVO, E’ VIVO.
      Quanta preoccupazione, credevo che lo avessero trovato i partigiani. BENITO E’ VIVO, VIVA BENITO!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. gabry70 - 2 anni fa

    Io credo che questo signore non sia mai entrato in un cantiere in vita sua altrimenti non prenderebbe neanche lontanamente l’ipotesi di giocare la Prima partita nel 2021,questo neppure se i lavori partissero domani,e visto che ancora siamo ai fogli alla burocrazia ai progetti è veramente da disonesti illudere così le persone.Quindi Cognigni dica semplicemente che c’è la volontà di fare lo stadio,di iniziare i lavori e concluderli il prima possibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. gianni69 - 2 anni fa

    insomma via tutti convinti di questo nuovo progetto vedo…bene bene.ai posteri l’ardua sentenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Il Drisa - 2 anni fa

    Chi paragona la Fiorentina ad altre squadre dicendo che siamo rimasti indietro mi fa sorridere. Ma, Juve a parte, mi dite Roma, Lazio, milanesi e Napoli che hanno vinto? Per favore… Io credo in questo progetto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BaggioBati - 2 anni fa

      Beato te che ci credi….io cho creduto 10-15 anni fa. Ora invece scommetto che la fiorentina nel giro di 20 mesi sarà ceduta. E via si riparte tanto ci sarà sempre qualcuno che crederà nel nuovo progetto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. lor29 - 2 anni fa

      Dipende cosa intendi per “vincere”. Se intendi anche Coppa Italia e Supercoppa, nell’era Della Valle tutte queste da te nominate hanno vinto qualcosa, anche scudetti. Noi partiamo con un progetto all’anno, anzi ogni sei mesi, con soggetti come Gnigni che ci vengono a raccontare di “autofinanziamento”, “buchi di bilancio”, “monte ingaggi” e con la rosa che regolarmente scende di qualità, con il silenzio-assenso di “clienti” compiacenti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Violanellevene - 2 anni fa

    Liberissimi, ovviamente, di attaccarlo. Da chiamo che non è simpaticissimo. Ma in tutta onestà ha detto cose assolutamente di buon senso e, soprattutto, vere. In merito allo stadio, poi, credo che sia un ottimo segnale per Firenze

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. rudy - 2 anni fa

    L’ultimo paragrafo sarebbe da scrivere su una pietra all’ingresso dello Stadio affinché tutti lo possano leggere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. UNO VIOLA - 2 anni fa

    Niente da eccepire, il ragionamento non fa una piega.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Valdemaro - 2 anni fa

      Trollissimo! Tifa ascoli!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Elmauri - 2 anni fa

    Il calcio è cambiato solo per la Fiorentina. Mi pare che Napoli e Lazio siano in forte ascesa negli ultimi anni, gobbi e Roma sono sempre lì, l’Inter sta rientrando, persino Samp e Atalanta stanno facendo passi avanti. Gli unici ad essersi ridimensionati e a perdere posizioni in classifica anno dopo anno siamo noi, Gnigni non ci prenda in giro…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Marco Chianti - 2 anni fa

    Per riavvicinare davvero almeno una parte dei contestatori ora servono fatti. Di parole ne abbiamo sentite anche troppe.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Valdemaro - 2 anni fa

    La scaccia tifosi per eccellenza. L’uomo degli arcobaleni delle plusvalenze che finiscono nei buhi. Il grande dirigente che segue il calciomercato con il suo amico procuratore e giù commissioni su commissioni. Compra a peso d oro Rebic per rivenderlo a due lire ma il procuratore amico è felice e questo è solo un esempio di questo grande dirigente che ha a cuore più i suoi amici procuratori che i tifosi viola. E ora ci racconta l’ennesima fiaba che solo nella speranza che qualche piccola mente ci creda.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. violaebasta - 2 anni fa

    “Prima partita nel nuovo stadio nel 2021 possibile”
    Anche qui non vi farete trovare impreparati

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Up The Violets - 2 anni fa

    Oh, guarda un po’ chi si risente, il mio dirigente sportivo del cuore. Ha ragione, il calcio è cambiato rispetto a dieci anni fa. L’unica costante restano le ragnatele nella nostra bacheca.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy