Chiesa e la solitudine dell’intoccabile: è leader, ma ha bisogno di aiuto

I numeri sono dalla sua parte, Chiesa è il giocatore che più di tutti si è preso in mano la Fiorentina. Ma pensare che possa risolvere le partite da solo è utopia

di Redazione VN

Nessun dubbio, Federico adesso si è finalmente preso in mano la sua squadra di Pioli. Qualche volta pecca di personalismo, accentra, si ingobbisce e corre da solo contro tutto e tutti. Ma oltre allo spettacolo, si legge sull’edizione di Stadio in edicola oggi, in campo sono i numeri a dire di quanto sia importante.

Due fin qui i gol segnati nelle nove presenze collezionate in A. Uno al Chievo e uno alla Spal. Ha conquistato il calcio di rigore contro il Cagliari, e lo stesso aveva fatto contro l’Atalanta. Ancora, un suo tiro ha costretto Skriniar all’autorete in Inter-Fiorentina. E poi l’assist per Benassi contro l’Udinese. Sei episodi decisivi, complessivamente.

La sua disponibilità a favore della squadra è assolutamente indiscutibile. Gioca a destra o indifferentemente a sinistra. Corre tanto. Si consuma, chiude le gare «spompato». Spesso lotta con i crampi, ma cerca sempre di restare in campo, fino all’ultimo fiato. Anche oltre. Chiesa è il leader, intoccabile, ma ha bisogno di un aiuto.

Violanews consiglia

Pioli attende Benassi e Norgaard: con loro potrà cambiare il centrocampo

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Matteoct - 2 anni fa

    Si ma se giocasse seconda punta sarebbe meglio, diventerebbe il secondo giocatore piu`forte del campionato dopo ronaldo e farebbe 25 gol, perche`ha tutto dribbling nello stretto nel lungo, tiro di sinistro di destro, gioco spalla alla porta imbucate per gli assist tuttoooo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy