Caos rinvii, Barone alza la voce: la Fiorentina chiede rimborso e chiarezza

Caos rinvii, Barone alza la voce: la Fiorentina chiede rimborso e chiarezza

La posizione viola è chiara, misure uguali per tutti

di Redazione VN

La Fiorentina alza la voce. Il concetto di Joe Barone è chiaro, l’obiettivo è mettersi al riparo da un finale di campionato falsato il prima possibile. Come scrive il Corriere Fiorentino i viola hanno fretta di conoscere quando verrà recuperato il match di Udine e se quello con il Brescia verrà disputato domenica a porte chiuse o aperte. Gli scenari sono molteplici, le voci che si sono rincorse nelle ultime ore anche. Il club intanto si è rifiutato di recuperare il match di Udine l’11 marzo o addirittura in questa settimana come si era paventato nelle ultime ore, anche perché con la squadra è rimasta a riposo ieri e oggi. Resta comunque logico che i viola abbiano fretta di conoscere il proprio destino: la data del 13 maggio è puramente formale, e quando verrà recuperata Udinese-Fiorentina resta ancora un mistero anche alla luce della richiesta del Governatore del Friuli Venezia Giulia, Fedriga, di chiudere le scuole fino all’8 marzo per i primi casi d’infezione e sulla scia delle decisioni prese dal Governo. Intanto la società chiederà il rimborso del “viaggio a vuoto” a Udine nei giorni scorsi.

“Situazione inaccettabile. Ecco com’è andata con la Lega”

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. mauro1949 - 3 mesi fa

    esigere il rimborso e versarlo, ad esempio, Ospedalinoi Mayer

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. andrea - 3 mesi fa

    Stiamo vivendo un momento particolarmente grigio, in ogni settore produttivo del paese, non è il caso di puntare i piedi per richieste che potrebbero essere anche giuste ma che il particolare momento le renderebbe assolutamente fuori luogo. In certi frangenti meglio prendere un bel respiro, ingoiare il boccone amaro, e lasciar correre. Non è sottomettersi è essere responsabili. La Juventus non lo è stata, ma si sa, è la Juventus, e questa è la loro storia. Noi dobbiamo esserlo, è la nostra naturale collocazione nel mondo. Non siamo mai stati arroganti, e intendiamoci, non lo saremmo neppure se chiedessimo un giusto rimborso, ma la nostra storia racconta di grandi momenti di solidarietà come poche altre società possono vantare. Sempre nemici di tutti, ma mai, quando il presente ci ricorda che in quell’istante va scritta la storia in un verso o nell’altro. Orgogliosi di non aver mai sbagliato lato, mai. Non giriamoci intorno,siamo da sempre così. È la nostra forza morale che ci fa camminare con la testa alta urlando al mondo che è meglio essere secondi che…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy