Brividi e applausi: Fiorentina, è finita la maledizione

Brividi e applausi: Fiorentina, è finita la maledizione

La Fiorentina non vinceva in Serie A da febbraio, al Franchi da dicembre: maledizione rotta

di Redazione VN

Brividi e applausi. Maledizione addio dopo 220 giorni“. Titola così Repubblica Firenze in riferimento alla vittoria della Fiorentina contro la Sampdoria per 2-1:

La maledizione è durata 220 giorni. Tanti ne sono passati dall’ultima vittoria della Fiorentina in campionato. Era metà febbraio e i viola battevano a domicilio la Spal con un 4- 1 che pareva proiettare l’allora squadra di Pioli verso traguardi ben più eccitanti di una salvezza raggiunta all’ultima giornata. Nel mezzo è accaduto di tutto: Pioli si è dimesso, i Della Valle hanno ceduto la proprietà a Rocco Commisso mentre Montella tornava a Firenze ma incappava in una lunga striscia negativa. La testa di Pezzella, il capitano, scuote la rete nel primo tempo della sfida contro la Sampdoria. L’assist di Ribery è al bacio, la forza con la quale l’argentino poi batte Audero è degna del miglior leader. Quello che prende per mano la squadra nel momento più delicato e decide che bisogna voltare pagina. Tornare alla vittoria. Al Franchi non accadeva addirittura dal dicembre 2018. La sonda InSight pochi giorni prima aveva toccato il suolo di Marte per la missione di esplorazione mentre Simeone ribaltava la gara contro l’Empoli e zittiva la curva Fiesole in un gesto di stizza rimasto come un marchio anche nei mesi successivi. Tanta era la rabbia per una stagione che proprio non riusciva a svoltare. Un po’ come la prima di Commisso e Barone, che nel frattempo hanno cambiato 18 giocatori, rivoltato i cuori dei tifosi finalmente orgogliosi e speranzosi (i 28 mila abbonati la dicono lunga) e che avevano scelto di affidarsi ancora una volta a Montella confermando il tecnico sulla panchina viola. Undici gare complessive senza vittoria per Montella in campionato, che però adesso può esultare.

COMMISSO SI CONGRATULA CON SQUADRA E TIFOSI

PAGELLE VN: Chiesa e Ribery prendono per mano la Fiorentina. Pezzella ci mette la firma, bene Dalbert

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Pepito4ever - 2 mesi fa

    questa squadra senza paura come contro napoli e juve se la gioca contro tutti, quando i ragazzi diventeranno consapevoli che sono forti e giocheranno divertendosi senza paura o tensione e con naturalezza allora non ce ne sarà per nessuno, appena la squadra sarà sicura di sè si potrà mettere anche il centravanti ma ancora manca qualche partita. Credo che Montella sia un ottimo mister e se avrà tempo e modo di fare la sua idea di calcio torneremo una realtà importante in Serie A e in Europa, riaprendoci il nostro posto tra le 7.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. pino.guastell_9534945 - 2 mesi fa

    Le premesse per fare bene ci sono, se Montella si convince di schierare il centravanti allora tutto sarà più facile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pablo70 - 2 mesi fa

      Mah guarda in parte, senza riferimenti e con due funamboli come F&F può anche funzionare tranquillamente così, un problema che ho visto sono i lanci lunghi (ne ho contati 15) di Drago senza che ne prendessimo uno e poi fatichi a recuperare del resto per giocarla corta o hai dei Pizarro e dei Borja altrimenti con dei Badelj vai poco lontano.
      Pablo70

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy