Boateng ed il Barcellona, la storia di un feeling mai nato

Ripercorriamo il percorso del calciatore ghanese in Catalogna

di Redazione VN

Soltanto 3 apparizioni senza reti a referto. Trecento minuti suddivisi tra Liga e Coppa del Re, questo il magro bottino raccolto da Boateng durante la sua ultima esperienza in Spagna. A due anni dalla ben più esaltante avventura al Las Palmas, Prince non è riuscito ad emergere. Sulla carta avrebbe dovuto essere il vice Suarez, ma il rapporto con il tecnico Valverde non è mai sbocciato. Nei momenti di pausa dell’uruguaiano gli sono state preferite altre soluzioni. La delicata situazione personale e le incomprensioni con l’allenatore hanno inevitabilmente portato al congedo ed al successivo approdo in maglia viola, sperando che stavolta l’esito sia maggiormente favorevole.

Borja Valero e la Fiorentina si cercano. Da Milano filtra ottimismo

VIDEO – Il repertorio di Boateng: assist, gol e acrobazie

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. folder - 2 anni fa

    Un è che a Barcellona so’ abituati ai calciatori veri eh?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy