Antognoni e Rui Costa, la bellezza del numero 10

Antognoni e Rui Costa, la bellezza del numero 10

Si sono incontrati dopo tanto tempo e scambiato le maglie dei club per cui lavorano. 25 anni di amicizia

di Redazione VN

Le loro storie sono inseparabili da 25 anni. Era il 1994 quando Giancarlo Antognoni caldeggiò l’acquisto di un giovane e promettente fantasista portoghese: Manuel Rui Costa. Dalla stima calcistica è nato un rapporto di amicizia sincera e a New York, dopo tanto tempo, si sono abbracciati. Come scrive il Corriere Fiorentino i due si sono ritrovati da avversari prima in albergo, lontano da telecamere e tifosi, poi prima della sfida allo stadio. A fine primo tempo si sono scambiati le maglie dei club per cui lavorano. Numeri 10 in campo, ruolo simile dietro la scrivania: Antognoni, durante la gestione Cecchi Gori, arrivò a coprire il ruolo di direttore generale. Rui fin dal 2008 è diventato il responsabile del mercato del Benfica. Una carica che non ha mai lasciato, nemmeno quando la proprietà Della Valle ebbe la suggestione di riportarlo a Firenze nel ruolo di ds.

Pradè prova il doppio colpo per il 10/08. Miazga obiettivo reale, Balotelli e Llorente fake

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy