Rock&Gol – Rocco e Joe

Rock&Gol – Rocco e Joe

L’esordio su Violanews.com di Benedetto Ferrara non poteva che trattare del nuovo corso societario, ovviamente con il suo inconfondibile stile giornalistico

di Benedetto Ferrara
benedetto-ferrara

Rocco e Joe. Abituiamoci al nuovo che invade i nostri sogni, le nostre ambizioni. Fantasticare fa parte del gioco: qualcuno oserà, altri resteranno aggrappati al senso pratico. Resta il fatto che quando le farfalle tornano a volare nello stomaco ti senti leggero, diverso, felice.  Un po’ come quando ti innamori: l’immaginazione torna al potere, tutto ti sembra possibile. Intanto, però, facciamo i conti col nostro mondo che cambia. Una parte, perlomeno, quella che dedichiamo alla nostra squadra del cuore. Addio Diego e Andrea, un vago saluto al poeta degli arcobaleni viola e al cacciatore di plusvalenze. Ciò che è stato bello lo terremo con noi, il resto (troppo) si dissolverà nella memoria di diciassette anni fatti di bei lampi e di vuoti immensi, di progetti rimasti tali e di qualche anno fatto di orgoglio e di bel calcio.

Ma adesso si ricomincia, e l’America è padrona. Cioè, quella della razza italiana che là ha fatto fortuna. Rocco e Joe, noi viaggiamo sempre in coppia. Callisto e Ranieri, Mario e Vittorio, Diego e Andrea. In questo caso è amicizia in affari e non parentela stretta, ma alla fine poco cambia. Ognuno avrà il suo ruolo, e quello che conta è che ci siano passione, ambizione e qualcuno in sede. E questo sarà Joe Barone, un tipo che non sfugge all’iconografia di little Italy, quella da grande pellicola (Martin Scorsese, per capirci) o da sit-com. Parliamo di morfologia umana, non di altro, sia chiaro. Ed è tutto molto intrigante, mentre aspettiamo di conoscere le regole del nuovo corso. La mappa, insomma. Non sappiamo se un giorno nasceranno Rosicons o Ebe Mom, sappiamo però che Rocco Commisso avrà il tempo per organizzare la sua società, restituire un po’ di orgoglio ai tifosi e il gioco alla squadra che verrà. Tutto questo a breve, anche se da giorni circolano nomi di allenatori possibili e improbabili e il caso Chiesa è per forza destinato a restare tale fino a quando qualcuno non convocherà il ragazzo per chiedergli di rispettare il contratto, magari con un bel ritocco all’ingaggio e la fascia di capitano. 

Chi arriva deve partire bene. E’ evidente. C’è entusiasmo, e al di là dei paletti del fair play finanziario, non è certo possibile immaginare uno che spende tutti quei soldi senza volersi togliere qualche soddisfazione in purezza. La verità è che la storia di una proprietà segue delle regole abbastanza codificate. E tra queste c’è l’entusiasmo della prima volta. Il fatto che Rocco e Joe il calcio lo stiano già frequentando da tempo ci aiuta a pensare che i classici errori figli dell’ingenuità potrebbero essere limitati. Adesso procuratori e affini si scaglieranno sulla nuova manna arrivata dalla east coast. La scelta dei nuovi dirigenti sarà fondamentale per riaprire le finestre di un mondo da tempo chiuso in se stesso e terribilmente  autoreferenziale. Scegliere giocatori migliori di quelli portati a Firenze negli ultimi due anni non dovrebbe essere difficile, tanto per ricordarci che nessuno chiede follie ma semplicemente qualcosa che abbia un senso nella logica dell’obiettivo che tutti desiderano: tornare in Europa. Perché la Fiorentina fuori dall’Europa può essere una fastidiosa eccezione ma mai  una regola, costruire un legame forte con una città che non aspetta altro una dolce conseguenza. 

La verità è che adesso tutto ricomincia. In altri tempi, quando il calcio italiano era una cosa più seria, i Della Valle avrebbero venduto già da un pezzo. Ma c’erano in ballo troppe storie, troppi rancori e troppi plastici in giro. Poi tutto è finito quasi all’improvviso. E la cosa che più stupisce è il fatto che la proprietà non avesse capito (o avesse fatto finta di) come si fosse ridotta la società, come fosse stato costruito male e gestito peggio un progetto tecnico mediamente scarso. Beh, basta così. E’ ora di guardare avanti e pensare al presente e a ciò che sarà. Quando Rocco e Joe diranno la loro, tutto sarà più chiaro. E se Chiesa resterà non sarà solo per la fascia di capitano o un bel po’ di soldi in più. Semmai sarà perché convinto di ciò che diventerà la nuova Fiorentina. E non parliamo di proclami. Ma di idee. Soprattutto quelle che arrivano sotto un cielo limpido, perché le tempeste hanno fatto danni. Troppi.   

29 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Leo52 - 6 mesi fa

    Benvenuto Benedetto, grande come sempre e come sempre forza viola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Clyde the glide - 6 mesi fa

    A me piace Benedetto Ferrara, per quella sua leggerezza e velata ironia con cui cerca sempre di caratterizzare i suoi articoli, anche quando c’è (e c’è stato, purtroppo) ben poco da ridere. A volte scrive articoli geniali ed altre volte meno incisivi, ma il talento e le idee non gli fanno difetto. Trovo quindi ingiusto che qualcuno qui sotto perda addirittura del tempo per scrivere commenti infamanti. Vuol dire avere pregiudizio o rancore. Ciò premesso… sì, il momento che stiamo vivendo è quello che descrive Benedetto: il momento della cotta, dei sogni, delle farfalle nello stomaco. E come per ogni colpo di fulmine, non sappiamo ancora se sarà amore vero o solo un fuoco di paglia, ma viviamo questo momento lasciandoci guidare dalle emozioni, che a guastarci il sangue c’è sempre tempo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. woyzeck - 6 mesi fa

    Via non ce la fanno proprio questi miserrimi pseudo soloni autoreferenziali che chiosano sotto a stare zitti. Troppo presuntuosi per ammettere la Caporetto delle loro sballate idee, troppo poco umili per ammettere dignitosamente di non averci capito nulla. Ma quanto assomigliano ai loro ex sor padroni che non cessano ancora di idolatrare (chissà poi perché), anche quando la loro piccola Repubblica di Saló del tifo è ormai implosa tragicomicamente. E allora avanti poveri e inutilmente fedelissimi leccavalle, continuate a coprirvi di ridicolo e a macerare nel vostro rancore mentre noi, tutti gli altri, la “minoranza” (!), godiamo gioiosamente perché una nuova e splendida alba, finalmente, si sta levando alta sopra l’orizzonte….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. simuan - 6 mesi fa

      te hai tanto, tanto bisogno d’aiuto. Aiuto da parte di specialisti seri e competenti. Ti faccio i miei migliori auguri perche’ sara’ un cammino lungo e difficle. Forza e coraggio!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. LupoAlberto - 6 mesi fa

    Primo articolo e forse inevitabilmente un po’ ruffiano, ma che interpreta i sentimenti della maggioranza dei tifosi fiorentini quindi va bene così. Come ho scritto in un altro commento la maggior parte delle notizie che stanno uscendo sulla composizione del prossimo staff sembrano dettate più dalla “logica” (ovviamente soggettiva) che da conoscenza di fatti reali. Ok, siamo davanti al nuovo che avanza, assetati di notizie e di speranza, un po’ come accade ad ogni sessione di mercato, ma in questo caso amplificato dalla presenza di una proprietà che già ha dichiarato di essere venuta qui per vincere, dopo un “vivacchiare” mortificante e distruttivo tecnicamente e affettivamente. Dispiace dover leggere commenti che sembrano espressi da persone già col fucile in mano, pronte e quasi speranzose di poter dire “ve lo avevo detto: questi sono/fanno peggio degli altri”. Basta per favore, facciamo una tregua e viviamo tutti insieme il sogno che, come dice Ferrara, accompagna la nascita di un nuovo amore.
    SFV

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gigì - 6 mesi fa

      Tu hai assai ragione LupoAlberto, ma quello che scrive Ferrara non interpreta, io non trovo che sia così, il nostro pensiero: perché, “il nostro pensiero”, e lo vediamo tutti i giorni, è: chi è entusiasta (sono in tanti) e chi cerca in tutti modi di dire contro. Non so chi ha ragione, io voglio esser ottimista e mi piace quest’uomo. Ma non sono d’accordo che lo stare in mezzo sia il tipico atteggiamento del tifoso internet oggi (più cha altro non è credibile, a mio parere, poi sbaglio). Poi tra poco è facile che anche io contesti Commisso e che tutti i contrari avessero ragione…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. simuan - 6 mesi fa

    ….eehhh un c’e’ che dire, una bella novita’…si, si,….nuova proprieta’, nuova linfa e…i soliti noti con le solite chiacchiere noiose. Gran mossa! Dopo gli editoriali sdruciti del giovane Rialti ci mancavano proprio le storielle avvincenti come una puntata di “protestantesimo” del radical chic logorroico. Tanta roba!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Gigì - 6 mesi fa

    In pratica, Ferrara, lei scrive bene e continui: ma più coraggio (è un invito!). Non abbia paura dei consensi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Gigì - 6 mesi fa

    Se non ho capito male, che può essere,
    A me sembra un’accozzaglia di idee sue, che non vuole sputtanare, ma, contemporaneamente non può dire. Un più coraggioso “avanti cretini americani” che popola le pagine internet, avrebbe avuto più senso. C’è tutto dentro: “Assolto Pioli, colpa di Corvino” (tutte cose che possono esser giuste, ma che non condivido), “Grazie Della Valle, quasi vi rimpiangeremo”, e altre “piccole” (o grandi) idee inscatolate ma non aperte, tenute lì e soffocate, per fare un editoriale bravone e corretto. Abbia il coraggio di dire quel che pensa, senza cosine! Noi appezziamo tutti (io almeno), basta ci sia il rispetto per l’altro coglione: cioè chi non la pensa come te (che mi sento coglione a prescindere anche io, ovviamente)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gigì - 6 mesi fa

      Mi spiego: Corvino ha le sue colpe, ma pensare che questa squadra fosse uno schifo per come si è vista, mi pare sbagliato. E non avremo mai la controprova.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Roberto Messora - 6 mesi fa

    Pensavo che Ferrara fosse un giornalista serio, invece mi ritrovo a leggere la letterina per babbo natale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alesquart_3563070 - 6 mesi fa

      A parte il fatto di essere simpatico quanto un riccio nelle mutande, mi vuoi spiegare tutto questa antipatia nei confronti della nuova proprietà prima di averla vista all’opera?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Roberto Messora - 6 mesi fa

        Non ho alcuna antipatia verso la nuova proprietà. Anzi, ammiro da sempre chi si è fatto da solo partendo da zero.
        Ho una profonda antipatia verso la maggior parte della tifoseria fiorentina, in particolare i fiorentini di Firenze. Sarà perché sono di Livorno e non ho mai avuto particolare affinità con Firenze nonostante abbia vissuto 9 anni a Sesto. Sarà perché si credono al centro del mondo solo per un passato glorioso, non saprei di preciso.
        Quello che temo è che se non cambia, presto o tardi anche con Commisso faremo la fine che abbiamo fatto con i Della Valle. E so già che verrò accusato di essere servo dell’Americano venuto a Firenze per i propri interessi, Gobbo e speculatore.
        Perché i limiti di fatturato e bacino d’utenza, anche fosse un genio del marketing, non ci permetteranno cmq di competere ai livelli che si aspetta il tifoso medio viola.
        Ho già letto qui di gente che chiede Mourinho…
        Per competere dovremmo fatturare almeno 250 mln di euro l’anno, dobbiamo quasi triplicare il fatturato, senza interventi di tasca propria del proprietario, vietati dal FPF.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Lipilini (Sarzana) - 6 mesi fa

    Ottimo acquisto! In bocca al lupo Benedetto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. gianni69 - 6 mesi fa

    Mi hai Commosso.grande benedetto davvero. Le farfalle nello stomaco l orgoglio di riprovare a battere i potenti i sogni. Tutte cose che avevamo dimenticato. Come il primo bacio o il primo appuntamento. Forza viola. Yes we can

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Lollo26 - 6 mesi fa

    Grande acquisto della redazione!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. AstiViola - 6 mesi fa

    Intanto il miglior acquisto l’ha fatto Violanews con Benedetto Ferrara. Il numero uno, anche qui, dal lontano Piemonte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. carlo - 6 mesi fa

    Commisso ha detto che è venuto per vincere quindi fuori la grana pet giocatori di livello. Del fair plej finanziario non ce ne deve fregare altrimenti può tornare in Calabria. Deve essere presente allo stadio e anche in trasferta non come i DV. Ora le chiacchiere stanno a zero servono risultati come promesso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. batigol222 - 6 mesi fa

      Mi permetto di risponderti ma solo per dovere di cronaca: intanto le sue prime parole per ora non trovano conferma alcuna, non si sa quale sia la fonte e quando l’abbia detto, quindi nemmeno se l’ha detto (sarebbe strano farlo ora, prima dell’annuncio ufficiale e della presentazione).
      Secondo non si può far finta che non ci sia il fair play finanziario, guarda il milan che ogni anno rischia di vedersi distrutti tutti i progressi fatti dal TAR o chi per lui non ci ho capito molto, ma rischia sempre di vedersi cancellare la qualificazione giustamente ottenuta sul campo. Questo errore deve essere evitato dalla nuova proprietà, semmai potrà cercare di aggirarlo come ha fatto l’inter con la ostruzione del cento sportivo, facendo girare i soldi da una società all’altra per far risultare un bilancio a zero anche se ha speso oltre 100 milioni di passivo in una sola sessione.
      Per quanto mi riguarda va benissimo anche l’autofinanziamento (che poi è quello che ti impone il FPF), ma fatto bene e non a bischero: vanno comprati i giocatori giusti, quindi avere gli scout e i DS giusti, e bisogna fare qualche sacrificio nei momenti chiave. E voler vincere (poi vincere per davvero è un’altra cosa, non ci sono mai garanzie)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Cosimo de' Medici - 6 mesi fa

    Grande Benedetto, senza dubbio una delle migliori penne Viola.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. DeepPurple - 6 mesi fa

    Hard Rock and Baron Iron… grandi fatiche e pericoli li aspettano, devono cominciare tenendo l’anello:
    Vecchia Signora, ritorna nell’ombra. TU NON PUOI PASSARE!
    (Fuggite sciocchi)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Filippo - 6 mesi fa

    Grande Benedetto, contentissimo di leggerti di nuovo. Direi che la dirigenza Commisso inizia subito a dare i suoi frutti 🙂

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. violadasessantanni - 6 mesi fa

    Mi sembra che Ferrara interpreti i sogni ed i sentimenti di tutti noi tifosi viola;siamo tutti tesi a sentire le parole della nuova proprietà e la speranza è che quest’ultima sia vicina alla squadra, alla città, ai tantissimi tifosi che da anni sognano un ritorno di qualche titolo a Firenze.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. FILTRA OTTIMISMO (FILTER OPTIMISM) - 6 mesi fa

    Rocky Joe… Gran bel cartone anni 80

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. _ricky_ - 6 mesi fa

    Gran bell’articolo
    Grande acquisto Benedetto Ferrara

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Enzo2 - 6 mesi fa

    Vedere sul TG1 un sevizio sulla Fiorentina, mi ha fatto… commuovere. Ci voleva la novità dell’ameriKano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. mannishboy - 6 mesi fa

    Bene. Un bell’esordio con un articolo sostanzialmente inutile. Come quelli di Rialti, d’altronde: Forse non lo voleva fare sfigurare. Ma Ferrara può far di meglio. Buonasera

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. fudo77 - 6 mesi fa

    in nuovo Re non si é ancora insediato, ma la CORTE dei MIRACOLI lucida già le piume ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. SHAKEN NOT STIRRED - 6 mesi fa

    Grande Benedetto. Sei il “crazy diamond” del giornalismo fiorentino. Lo sapevo che rock and gol non poteva morire..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy