VIDEO – Felipe fa chiarezza sul rigore: “Contatto con Chiesa c’è stato, però…”

VIDEO – Felipe fa chiarezza sul rigore: “Contatto con Chiesa c’è stato, però…”

Il difensore della Spal torna sull’episodio della gara con la Fiorentina

di Redazione VN

L’ex viola Felipe fa chiarezza. In un video pubblicato sul proprio profilo Instagram chiarisce che non ha mai rilasciato dichiarazioni dopo la partita e torna sull’episodio. Si legge:

Pubblico questo video per chiarire la mia posizione riguardo alcuni articoli usciti su testate giornalistiche e siti sportivi online.
Preciso che: Non Ho Mai rilasciato alcuna dichiarazione nel post partita di Spal x Fiorentina. Perciò non ho mai fatto alcuna intervista affermando che l’azione avvenuta tra me e Chiesa dentro l’area della Spal potesse portare a un rigore.
Altresì voglio precisare che il contatto tra Federico e me c’è stato, ma da qui ad affermare che possa essere definito un rigore non l’ho mai detto.
Perciò mi sembra corretto abbandonare questa polemica e tutte quelle che ruotano intorno a questa sfida. Mi spiace che si siano scritte delle falsità riguardo a presunte dichiarazioni mie, ciò mi sorprende enormemente in quanto giocando da 16 anni in serie A credo che tutti i giornalisti possano recuperare un mio contatto per sincerarsi della veridicità di dichiarazioni o presunte tali.
A questo punto però non posso fare altro che rispettare questa decisione presa dal giudice di gara, ma al contempo richiedo sia rispettato il fatto che non me la sento di comprendere il risvolto che la gara ha preso dopo questo episodio.
D’altro canto si dice che se ci sono delle regole vanno rispettate. E così è stato fatto.

E INTANTO FREY DIFENDE CHIESA

Violanews consiglia

Graziani e le polemiche su Spal-Fiorentina: “Pairetto ha fatto la cosa più logica”

Zazzaroni: “La Var ha agito bene. Chiesa? Per farlo restare non servono i soldi”

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Violaceo - 6 mesi fa

    “il contatto tra me e Federico c’è stato” = rigore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Murcielago - 6 mesi fa

    Ma guarda un po’ proprio la Redazione di questa “testata giornalistica” proprio 2 gg fa attribuiva tra virgolette a Felipe la dichiarazione “Ho commesso fallo su Chiesa”, dichiarazione che non ha nessun riscontro ed è smentita categoricamente dall’interessato.

    http://www.violanews.com/stampa/lammissione-di-felipe-ai-compagni-ho-fatto-fallo-su-chiesa/

    C’è bisogno di andare a scuola di giornalismo per capire che non si fa così? Anche se su questo sito si parla di cose frivole (il calcio), fa comunque incazzare.

    Da tifoso viola, sto con Felipe. Contro la stupidità (anche online).

    ——

    Se nota bene, la dichiarazione è riportata da La Gazzetta dello Sport. Noi abbiamo riportato un loro articolo.

    Un saluto,
    La Redazione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone Torricini - 6 mesi fa

      Ciao, la fonte della notizia è ben specificata all’interno dell’articolo, noi ci siamo limitati a riprenderla citando. Saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Murcielago - 6 mesi fa

      OK, ma se siete una testata giornalistica dovreste verificare le notizie prima di pubblicarle.

      —-

      Una dichiarazione non ufficiale, seppur verificata, è ampiamente smentibile in mezzo al caos. Felipe avrebbe potuto smontarla con un semplice post, e così ha fatto. Ogni dichiarazione a microfoni spenti può essere smentita, seppur vera. A questo punto è il lettore a dover scegliere.

      Un abbraccio,
      La Redazione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Murcielago - 6 mesi fa

        Ma le dichiarazioni sono sempre ufficiali! Una dichiarazione “non ufficiale” è una contraddizione in termini. Forse voi sbagliate fra i sentiti dire riportati di quarta mano e le dichiarazioni trattandoli alla stessa maniera?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. lo spernacchiatore - 6 mesi fa

    E allora se prima ti avevo rivalutato adesso sei come il tuo presidente!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy