Veretout, due indizi che fanno una prova. Il francese ai margini, fino a quando a Moena?

Veretout, due indizi che fanno una prova. Il francese ai margini, fino a quando a Moena?

Il centrocampista con la testa altrove? Oggi non si è allenato e ha soltanto guardato i compagni dalla palestra. Un indizio di mercato, visto che da domani le trattative tornano nel vivo

di Pier F. Montalbano, @____MONTY____

Jordan Veretout sfoglia la margherita e nel frattempo… non si allena. Uno zero su due che per il mondo cestistico può essere sanguinoso in termini di punteggio, ma in quello relativo al calciomercato è più di un indizio. Anche se dalla Fiorentina non filtra niente, il comportamento del francese è quanto mai sospetto. Il centrocampista nella giornata di oggi ha saltato entrambe le sedute di allenamento al Benatti di Moena, guardando il resto dei compagni tirare i primi calci al pallone dalla palestra. Un po’ di cyclette, a ritmo non propriamente sostenuto, prima di dileguarsi. Non ha mai saggiato il terreno di gioco, segno che qualcosa c’è.

Certo, una cosa va riconosciuta all’ex Aston Villa e Saint-Etienne: rispetto ad alcuni suoi illustri predecessori (Bernardeschi, Kalinic), si è almeno presentato in ritiro senza presentare certificati medici. Ma la sua esperienza alla Fiorentina è pressoché da considerarsi conclusa. Il weekend solitamente non regala sorprese per quanto riguarda i colpi di mercato ma da domani i ds tornano al lavoro e le trattative possono riprendere quota: Milan, Napoli o Roma? Veretout aspetta solo che alla Fiorentina arrivi l’offerta migliore, ma la strada che porta al suo addio è segnata.

Pedullà “Dragowski, il Bournemouth fa sul serio: stipendio triplicato”

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. batigol222 - 5 mesi fa

    Per forza viene fischiato appena tocca il campo di allenamento! In queste condizioni se ne guarda bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Il Viola di Gallipoli - 5 mesi fa

    Non vedo nulla di strano, ha chiesto di essere ceduto e la società lo sta trattando come un giocatore che deve andarsene.

    Inoltre non farei tante lodi del francese perché, per metà campionato, ha solo fatto finta di essere ancora un giocatore della Viola, quindi non vedo tutta questa differenza rispetto a Bernardeschi o Kalinic.

    Il certificato lo avrebbe potuto presentare durante il campionato, ci avrebbe solo fatto un favore invece di vagabondare per il campo come un fantasma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bitterbirds - 5 mesi fa

    siete meglio dei cantastorie

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Etrusco - 5 mesi fa

    Il francese ha avuto un atteggiamento negli ultimi 7 mesi veramente deprecabile. Mi dispiace perché pensavo fosse un bel giocatore ed una brava persona ma visto il suo comportamento mi devo ricredere in toto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Lapo19 - 5 mesi fa

    Se Dragowski decidesse di andarsene (ovviamente a fronte di una buona offerta economica per noi, e di certo io non mi strapperei i capelli), io prenderei tutta la vita Perin. Viviano sarebbe un grosso passo indietro per noi, e lo dico con tutto il rispetto per Emiliano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ilRegistrato - 5 mesi fa

    Mi pare una non notizia. E’ da gennaio che Veretout sembra che faccia un piacere alla Fiorentina se si allena e si presenta al campo. Da sbattere fuori il prima possibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy