Vecchietto a chi? L’ultima stagione di Franck Ribery ai raggi X. L’ostacolo non è l’età

Vecchietto a chi? L’ultima stagione di Franck Ribery ai raggi X. L’ostacolo non è l’età

La classe, la tecnica e l’intelligenza calcistica del francese sembrano le stesse di cinque anni fa. L’esplosività nelle gambe pure. Magari da dosare…

di Alessio Crociani, @AlessioCrociani

Sgombriamo subito il campo da ogni dubbio: Franck Ribery (SCHEDA), nonostante le 36 primavere suonate, può fare ancora la differenza. Basta vedere la sua ultima rete al Bayern per capirlo. Incursione dalla trequarti fino all’area di rigore, serpentina in mezzo a due avversari dell’Eintracht e scavetto letale a battere Trapp. Alla faccia del vecchietto… La classe, la tecnica e l’intelligenza calcistica sembrano le stesse di cinque anni fa. L’esplosività nelle gambe pure. Magari da dosare, come è normale che sia, ma comunque ancora in grado da far girare la testa agli avversari.

Nove volte campione di Germania, una Champions League, 6 volte vincitore della Coppa di Germania, una Coppa di Turchia, una Coppa di Lega tedesca, 5 Supercoppe di Germania, una Supercoppa europea ed un Mondiale per club possono dare un’idea di chi stiamo parlando e di cosa porterebbe in dote Ribery a Firenze. Ma più che il palmares e le statistiche da brividi che lo hanno elevato a leggenda del club bavarese (124 marcature e 182 assist in 425 partite), è importante conoscere l’andamento della sua ultima stagione per rispondere all’unica, vera domanda che interessa ai tifosi viola: quali garanzie può fornire Ribery a livello fisico?

Fatta eccezione per un paio di problemi muscolari nel 2019 – il più significativo, alla coscia destra, lo ha tenuto fuori tre settimane a cavallo tra gennaio e febbraio – la stagione del francese è stata abbastanza lineare. Trentotto presenze totali suddivise tra Bundesliga (25), Champions League (7), Coppa di Germania (5) e Supercoppa di Germania (1). Ribery, nel 2018-2019, non è stato un titolarissimo nella formazione allenata da Kovac, ma con i suoi 1.935 minuti sul campo, quasi il doppio rispetto a quelli accumulati dal “gemello” Robben, risulta il 13° giocatore del Monaco più impiegato, davanti a giocatori del calibro di James Rodriguez e Coman. Gli assist totali sono 4, mentre le reti 7 (una ogni 3 partite circa). Numeri confortanti, a differenza di quelli che compongono il suo ultimo stipendio: 8 milioni di euro netti, cifra assolutamente fuori dalla portata della Fiorentina. Il vero ostacolo nella trattativa, più che l’età, è proprio l’ingaggio.

Pradè: “Ribery? Ci piace, lo aspettiamo a braccia aperte. Biraghi vuole andare via, ma…

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Violaviola - 5 giorni fa

    Suso e basta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Etrusco - 5 giorni fa

    Giocatore a fine carriera strapagato che viene accostato alla Viola e nessuno sa il perché. Questo non è il futuro, come busca una pedata da Serie A, è già a gallina per due mesi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. 1 FISSO - 5 giorni fa

    SI ABBASSASSE LO STIPENDIO FINO A 5/6M SAREBBE DA PRENDERE SUBITO X 1 ANNO CON OPZIONE X IL SECONDO ANNO…LO PRENDI A 0 E SPENDERESTI SOLO 5/6 MILIONI…….TANTA ROBA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ViolaLuke - 5 giorni fa

    Ma fatemi il piacere!
    A 36 anni spendo 8 milioni di ingaggio (ma poi sono netti o lordi?) per un giocatore che è stato fortissimo ma che ora inevitabilmente è più che sul viale del tramonto.
    Spendiamo soldi su giocatori giovani ma pronti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Tagliagobbi - 5 giorni fa

    Io dico solo una cosa… MAGARI!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. The Count of Tuscany - 5 giorni fa

    Purtroppo la mancanza delle coppe, anche solo dell’Europa league, impedisce l’arrivo di questi campioni sul viale del tramonto che giustamente vogliono, a fine carriera, provare situazioni nuove rimanendo a livelli decenti però. L’europa league permette questo, è una competizione in genere nuova per questi giocatori, che prendono come una sfida a fine carriera. Non basterà offrire loro la serie A, sono giocatori abituati a girare gli stadi europei durante la settimana, e quindi prediligeranno squadre come Lazio Milan psv o simili. Mario gomez tabto per fare un sesmpio, senza Europa non sarebbe arrivato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. kk53 - 5 giorni fa

    Meno male che c’è questo articolo,altrimenti ci si sarebbe fatto delle idee strane…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Andrea - 5 giorni fa

    SI L’INGAGGIO E’ ESAGERATO MA E’UNA BESTIA IN CAMPO, ANCHE OGGI SONO IN POCHI CHE LO REGGONO.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Lusoviola - 5 giorni fa

    Má non c’è in giro un Salah che il proprio allenatore non riesce a “vedere”?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. claudio.godiol_884 - 5 giorni fa

    Solo l’ingaggio è un deterrente…
    Per il resto sarebbe perfetto averlo per il suo livello tecnico e come trascinatore dei giovani.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Lilloneviola - 5 giorni fa

    a 36 anni 8 milioni netti l’anno….. lascialo indollè

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. ziomario - 5 giorni fa

    A 36 anni non può pretendere 8 milioni d’ingaggio comunque lui a destra e Chiesa a sinistra con De Paul in mezzo ci sarebbe da divertirsi. SFV.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. user-13971917 - 5 giorni fa

    È troppo brutto, un incubo per i difensori….e per chi lo vede dopo pranzo!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy