Prima un po’ di sofferenza, poi controllo e vittoria

Il commento alla seconda vittoria consecutiva della Fiorentina

di Saverio Pestuggia, @s_pestuggia

Il Bentegodi non delude mai. Anche questa volta la Fiorentina ha portato a casa il bottino pieno replicando la bella vittoria contro la Juventus. Primo tempo un po’ sofferto con la rete di Tello conseguente all’amnesia di Dainelli (do you remember?), ma poi tanta sofferenza con una formazione sbilanciata nella quale prima Borja e poi lo stesso Tello erano costretti a fare il laterale sinistro davanti alla difesa a tre.

Nella ripresa Sousa ha riequilibrato la squadra inserendo Olivera per Tello (mossa giusta e attesa) e la viola è partita a spron battuto mettendo in difficoltà il Chievo fino al rigore procurato da Chiesa. Baba in gol e poi una mezzora di buon possesso palla con il Chievo mai pericoloso. Ultima scintilla è ancora di Chiesa che segna allo scadere il 3-0 suggellando una buona gara e dando alla Fiorentina il fiato per far ripartire la rincorsa verso l’Europa.

A proposito, ben tornato Antonio di nuovo in campo da dirigente a 45 anni dall’esordio in Serie A con la maglia viola.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy