Trequartista? No, mezzala. Sousa modella un ‘nuovo’ Bernardeschi?

Trequartista? No, mezzala. Sousa modella un ‘nuovo’ Bernardeschi?

Contro il Qarabag Sousa gli ha concesso la maglia da titolare per la terza volta consecutiva, schierandolo in un ruolo diverso. O meglio, che non si vedeva da quasi un anno, esattamente dalla gara di Carpi dello scorso campionato

di Stefano Fantoni, @stefanto91

Trequartista? No, mezzala. La posizione in campo di Federico Bernardeschi ha sorpreso ancora una volta. Contro il Qarabag Sousa gli ha concesso la maglia da titolare per la terza volta consecutiva, schierandolo in un ruolo diverso. O meglio, che non si vedeva da quasi un anno, perché, durante lo scorso campionato, a Carpi il numero 10 viola agì in una zona di campo simile a quella della serata di Europa League.

Contro gli azeri, inizialmente Bernardeschi è partito dietro Babacar e Kalinic, vagando per il campo senza meta. Poi, quando la squadra ha aumentato i giri del motore, anche il carrarino si è ‘stabilizzato’, posizionandosi alla sinistra di Carlos Sanchez in mediana, intercambiandosi con Cristoforo negli inserimenti offensivi. La sua partita in numeri: 51 tocchi, 25 passaggi (di cui uno chiave) riusciti su 35, un dribbling effettuato e due subiti, due tiri in porta.

Un altro esperimento tattico per Bernardeschi, che però il meglio di sé continua ad esprimerlo quando parte dall’esterno. Proprio come accadeva a Crotone o nella Primavera viola. Lì agiva da ala destra nel 4-3-3, modulo che Sousa raramente ha utilizzato fin qui. E intanto, il portoghese continua a modellare il proprio numero 10, cercandogli il ruolo migliore per farlo esprimere al massimo delle potenzialità.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy