Tra coraggio e azzardo, Sousa si “traveste” da Montella. E la Fiorentina mostra i suoi limiti

Meglio una Fiorentina attenta e cinica, o una squadra che se la gioca a viso aperto con tutte? Dicci la tua

di Simone Bargellini, @SimBarg

C’è una linea sottile tra coraggio e azzardo e forse la sconfitta rimediata dalla Fiorentina contro la Roma passa anche da qui. Perchè Paulo Sousa ha scelto di osare, consapevole dei rischi del caso, e alla fine forse l’ha pagato a caro prezzo. La controprova, in realtà, non esiste e niente ci dice che scegliendo una formazione un  po’ più coperta le cose sarebbero andate meglio. Probabilmente il tecnico viola ha voluto mandare un messaggio ai suoi, quando ha deciso di schierare tre soli difensori di ruolo e due esterni offensivi, specialmente Bernardeschi sul lato di Florenzi e uno tra Salah e Gervinho. Qui però nasce il dilemma: è stata una mossa da applausi o scellerata?

A supporto della prima, c’è il modo in cui la Fiorentina ha saputo creare calcio e divertire (specialmente il pubblico imparziale), attaccando e dominando il possesso palla. Provandoci con orgoglio, fino alla fine. Tutto vero, ma dall’altro lato Gonzalo e compagni sono rimasti esposti agli affondi dei velocisti di Garcia e a tratti si è rischiato che il risultato assumesse dimensioni ancora peggiori. Loro che fin qui si erano distinti come il reparto più solido del campionato. Perchè i valori della rosa restano quelli di un’ottima squadra ma con dei limiti evidenti, nella qualità di alcuni singoli e nel numero di alternative in alcuni ruoli. E allora è dura competere alla pari con corazzate costruite, dichiaratamente, per vincere lo scudetto.

Alzando la questione ad un livello più filosofico potremmo chiederci: è giusto che la Fiorentina giochi a viso aperto oppure è meglio ammettere i propri limiti e costruire la partita anche sull’avversario? Nelle prime settimane Sousa aveva prediletto la seconda via, mostrandoci una squadra a volte poco bella ma molto quadrata, facendo della concretezza uno dei suoi capisaldi. La Fiorentina di ieri assomigliava più a quella di Montella, offensiva, propositiva ma forse poco equilibrata. Che magari diverte di più, ma rischia di raccogliere meno punti. Tu da che parte stai? Il dibattito è aperto.

35 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. joseph - 5 anni fa

    Non si tratta di essere favorevole al catenaccio, a un atteggiamento che privilegia la difesa anzichè l’attacco, ma come evitare errori individuali che costano carissimo visto che, fino a quando non avremo il miglior Rossi, non abbiamo attaccanti che facciano gol con facilità. Purtroppo contro il Napoli e contro la Roma abbiamo perso per le sciocchezze fatte da Tomovic, Ilicic, Roncaglia-Badelj e per il gol di Salah dal nostro portiere Tatarusanu, che non può farsi infilare da un pallone a giro perchè lui è rimasto fermo sulla linea della nostra porta anzichè fare uno o due passi in avanti. E’ anche vero che questi sono i giocatori di cui dispone la Fiorentina, ma penso che l’atteggiamento tattico dato da Paulo Sousa ai suoi uomini è sicuramente migliore e più efficace di quello che dava Montella. Ecco, semmai l’errore di Paulo Sousa è quando cerca di imitare Montella. Il mister napoletano è un grande allenatore, ma aveva dei limiti caratteriali non facilmente digeribili da coloro che vorrebbero sapere come è perchè si è persa una partita impiegando le riserve anzichè i titolari. Paulo Sousa ha sbagliato formazione soltanto giovedì con i polacchi in Europa League. Quella volta sì che ha fatto la cappellata di emulare Montella e ne è uscito con le pive nel sacco perchè la Fiorentina B si è fatta infinocchiare dai polacchi. Con il Napoli e con la Roma ha presentato una buona formazione e ha fatto delle intelligenti sostituzioni, tranne quella di Mati Fernandez ieri con la Roma: il cilino infatti ha dimostrato i suoi limiti tecnici e tattici, di nessuna utilità per il gioco e la manovra della Fiorentina. Qualcuno osserverà che però si è perso sia con il Napoli che contro la Roma. La risposta è già stata accennata prima: abbiamo perso per colpa di Tomovic e Ilicic, rei di avere fatto degli errori madornali; e con la Roma per le gravissime distrazioni di Roncaglia e Badelj e in occasione del primo gol per la scellerata decisione di Tatarusanu di non fare uno o due passi avanti dalla linea di porta dove si era incollato. Purtroppo, i nostri più seri problemi li abbiamo in difesa e con quelli dovremo confrontarci fino a gennaio, quando la società spenderà il dovuto per acquistare due difensori e un centrocampista. Infine, avremmo bisogno anche di un attaccante che ha il fiuto del gol. E’ pur vero che ci vorrebbe come il pane ma in organico abbiamo dei giocatori capaci di fare decina e decina di gol. Mi riferisco a Rossi e Babacar, che potranno dare manforte a Kalinic il quale, ahimè per noi, è bravo ma a volte sbaglia dei gol facili facili. E’ l’uomo delle missioni impossibili, ma quando vede che davanti alla rete c’è solo il portiere va in completa confusione. Ieri, ricordo a me stesso e a quanti continuano a criticare i fratelli Della Valle, mister Kalinic si è divorato due gol. Se li realizzava oggi non staremmo a parlare della superiorità della Roma, ma di una immensa Fiorentina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. lorenzo.bandinell_644 - 5 anni fa

    sto dalla parte di uno che dice che c’abbiamo un attaccante in più e un difensore in meno in rosa e alla lunga é un problema, ma mi piacciono gli allenatori che fanno di necessità virtù e si inventano qualcosa non quelli permalosi che mettono il broncio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. fabrizio.antonett_654 - 5 anni fa

    In partite come quelle di ieri sera, la differenza la fa il giocatore che salta l’uomo e crea superiorità numerica.
    Con Montella ci sono stati i Cuadrado, i Salah, i Joaquin che saltavano l’uomo, con Sousa non abbiamo più nessuno capace di saltare l’uomo e quando la squadra avversaria ci è superiore o gioca alla pari, andiamo in difficoltà perché il gioco di squadra non basta. La differenza la fanno gli episodi e i giocatori che saltano l’uomo…
    Saluti da Fabrizio Forza Viola!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cicciu - 5 anni fa

      Concordo 100%..non si puo dar via joaquin e prendere kuba

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. miste60 - 5 anni fa

    Se si vuol.crescere di convinzione bisogna fare cosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Fabio50 - 5 anni fa

    Sousa non si è travestito da Montella, ma ne ha intelligentemente sfruttato il lavoro correggendo alcuni punti deboli, come la copertura della difesa e azioni offensive più rapide e verticali. Purtroppo la rosa è corta e se manca qualcuno sono dolori, inoltre Mario Suarez che doveva essere una delle basi del nuovo modo di giocare è venuto a Firenze da turista. Se a gennaio non riusciremo a completare e correggere la rosa scenderemo nelle posizioni nostre, cioè sesto settimo posto, ma se ci riusciremo, potremo lottare per il terzo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. isiraider - 5 anni fa

    Sto, senza termini, dalla parte della squadra che gioca un suo calcio sfruttando al massimo le caratteristiche dei suoi giocatori e tali caratteristiche dovrebbero farci propendere per una Viola che gioca a viso aperto con tutti. Solo in questo modo, anche gli esperimenti che a prima vista possono sembrare bizzarri, come Bernardeschi esterno a tutto campo, possono avere una logica in prospettiva futura. nella crescita del giocatore e nella maturità con la quale certe scelte sono accettate e condivise. Del resto, ieri, avevamo sotto gli occhi l’esempio di Florenzi e, in passato, abbiamo avuto quello di Zambrotta (tanto per fare due nomi). Ci sono, poi, le enormità come il secondo gol, il cui svolgimento sembra evidenziare la mancanza di una certa organizzazione difensiva e, in particolare, la presenza di un “comandante” in campo che sappia gestire, in ogni situazione, le posizioni e gli atteggiamenti tattici più consoni. Personalmente, trovo più seria la seconda parte della new dove si espongono i limiti evidenti, atletici / psicologici / di personalità, di alcuni giocatori quando la palla scotta e la pressione dell’ambiente è molto intensa. Trovo piuttosto ozioso, invece, il riferimento alla mancanza di alternative: con le nostre regole di gestione e di bilancio, con il disavanzo 2014 da recuperare, con il FPF che incombe, stiamo ancora a parlare di organico incompleto? Come se potessimo permetterci chissà chi. Un conto sono le fantasie pensate e scritte, un’altro è la realtà della nostra massa critica. Ieri partita di assoluto cartello, 37.000 spettatori scarsi e meno di 800.000 Euro di incasso. Non è colpa di nessuno, ovvio, ma molti dei nostri limiti possono essere spiegati, seppur parzialmente, anche da questi numeri. Poi, naturalmente, si può discutere di tutto e del suo contrario; in ogni caso, oltre questa realtà, al momento, non possiamo andare. Quindi, che il portoghese continui a costruire un progetto di gioco in cui la Viola sia spavalda senza paura e senza presunzione. Abbiamo grandi qualità di palleggio e di tecnica individuale, la strada non può che essere questa! AD MAJOREM VIOLAE GLORIAM !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ilbrasilesiamonoi - 5 anni fa

    Caro Simone, io la vedo da lontano, dal Brasile. Un paese dove il calcio giocato in serie A non arriva al livello qualitativo della Serie B italiana. Il campionato brasiliano è tecnicamente scarso e tatticamente primario. Insomma per appassionarsi bisogna essere tifosi, ma parecchio!
    Io vedo e seguo (anche per il lavoro che faccio come opinionista per la FOX sports Brasil) molto calcio italiano, e (da tifoso), sempre le partite della Fiorentina.
    Ieri ho visto una squadra, quella Viola, mostruosa. Ti ripeto forse perché nauseato dal calcio che si gioca qui, ma il volume di gioco, l’organizzazione tattica, l’occupazione degli spazi in campo e i movimenti incessanti senza palla sono quelli di una bella squadra. La Roma è stata annullata. Ha trovato un gol e ha fatto catenaccio. La Fiorentina ha dominato, ha rischiato, ma ha fatto vedere cosa è il Calcio. Io come tifoso ieri ero allegro, perché ho visto una squadra che rispetto a Napoli ha migliorato una prestazione già buona. Capisco i profeti del tanto peggio tanto meglio, quelli che chiedono di spendere e che fanno capolino come gli avvoltoi nella speranza di trovare qualche carne marcia, ma a questi io chiedo: ma ve la ricordate la Fiorentina di Mihajlovic? O quella di Rossi? Partite senza idee, senza tattica, solo e sempre a soffrire con qualsiasi squadra. Con Montella e con Sousa adesso si gioca a calcio e ci si diverte a vederlo fare. Sousa è meno permaloso di Montella, e più schietto (parole di Borja) e ha un concetto di calco totale che mi esalta. Vincere lo scudetto rimane un sogno che passa non solo dalle altre squadre miliardarie, ma anche dalla gestione del palazzo, a cui la Fiorentina non partecipa. Le designazioni sono sconvolgenti, e i dettagli di certe decisioni consapevoli. Non è “piangismo” ma (Moggi docet) consapevolezza che certe situazioni sono controllate fuori dal campo. Quanto questo possa incidere? Vedremo in seguito. Di sicuro la Fiorentina in vetta è un bel dispetto per tanti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. pumapuma - 5 anni fa

    A mio avviso Sousa questa partita l’ha mezza padellata. Se non hai i giocatori per schierare un certo modulo, cambi il modulo adattandolo ai giocatori che hai! Effettivamente stavolta ha fatto la figura dell’allenatore qualunque “fissato” con il “suo” modulo). Non si possono vedere Bernardeschi e Mati fare i quinti di centrocampo! Berna per tutto il primo tempo non attaccava e non difendeva e Mati quando è entrato, effettivamente non sapeva cosa fare. Contro la roma era da puro e semplice 4-3-3 con tomovic e roncaglia esterni di difesa e berna e blaschy esterni di attacco.
    A parte questo, fiducia incondizionata a Sousa che ha dato e sta dando carattere e grinta alla squadra!!
    Cmq peggiore in campo secondo me: Tata!! Un portiere che ha paura ad uscire (come neto i primi anni) e che sul contropiede di gervinho indietreggia in porta aprendo lo specchio all’attaccante invece di andargli incontro per cercare di chiuderglielo…….lo avrei fucilato dalla curva!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Valter Pellegrini - 5 anni fa

      Infatti Bernardeschi è stato il migliore e Mati uno dei meno peggio!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. pumapuma - 5 anni fa

        Guardati le statistiche di Berna nel primo tempo vai!! Io Berna lo critico solo per il suo primo tempo dove era palesemente in confusione e fuori ruolo…nell’intervallo Sousa sicuramente gli avrà detto di non preoccuparsi più di nulla e infatti nel secondo tempo Berna ha giocato molto meglio.
        Ma perché la gente come te deve sempre criticare le opinioni altrui a prescindere e senza neanche leggere (soprattutto capire) ciò che uno scrive?? Beati voi che vi sentite “realizzati” a comportarvi così……

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. frank1926 - 5 anni fa

    Macchè esposti ai velocisti della Roma?!?: hanno fatto 3 azioni 2 gol.
    Una ha fatto un numero il salahme da solo.
    L’altro ci siamo addormentati sul corner nostro.
    Non c’è tanto da fare analisi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. mauro72 - 5 anni fa

    La Roma ieri ha vinto solo e soltanto perchè lei ha gervinho noi bernardeschi, lei ha Salah noi un mezzo G.Rossi. Stoph

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Farinata Degli Uberti, Juventino - 5 anni fa

    Complimenti, Bargellini: i piagnoni che taroccano le immagini del portiere (che para sulla linea!, che rimpiangono i goals sbagliati, dimenticando il casuale quanto monumentale salvataggio di Bernardeschi sulla linea sul 2-0, l’errore tecnico più clamoroso di tutta la gara (il goal mangiato da Dzeko sullo splendido assist di Florenzi). Firenze, per crescere, non ha bisogno di mezzucci. Mi ha deluso anche Sousa, in tal senso, lamentandosi di un arbitro che, a parer mio, è stato esagerato solo nelle ammonizioni di Florenzi e Salah (cosa mi tocca scrivere, io juventino!). La Fiorentina è una bellissima realtà del campionato, domenica scorsa ha perso col Napoli per eccesso d’ingordigia, giovedì per sufficienza, ieri perchè ha trovato un fuoriclasse che l’ha impallinata dopo 5 minuti con un goal da favola: tutto qui. Diffidate di chi vi liscia il pelo: vi sta prendendo per i fondelli, tipo quel giornalista, ieri sera, che diceva avreste meritato il pareggio. Il furbone non teneva conto che il goal di Babacar è stato fatto 5 secondi prima della fine del recupero!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. biasandr_188 - 5 anni fa

      Puntuali come i voruncoli e altrettanti fastidiosi ecco che dopo sconfitta si ripresentano i soliti…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Valter Pellegrini - 5 anni fa

        Tranquillo sono come le curregge (questo poi è anche più “consistente” il vento le porta via

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. gonzalo65 - 5 anni fa

    Sono dispiaciuto e un po perplesso di come abbiamo affrontato la roma,spero di sbagliarmi, ma questa fiorentina,più che quella di Montella,mi sembra quella di Terim…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Odoardo Becherini - 5 anni fa

      …che in tre partite
      consecutive fece otto gol al
      grande Milan,il quale per
      tutta risposta ci portò via
      l’allenatore (con la
      complicità di Vittorio Cecchi
      Gori). Onore e gloria per
      l’eternità all’Imperatore
      Terim, che possa vincere gli
      Europei!In fondo una volta li
      ha vinti pure la Grecia…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Valter Pellegrini - 5 anni fa

    Credo che i giornalisti abbiano sempre una lettura della partita che è “zuppa o pan bagnato”.
    Qui si sta discutendo se è meglio giocare bene, secondo le nostre caratteristiche e divertire o se essere più concreti, utilitaristici facendo un calcio meno propositivo ma più conservativo come è stato fatto nelle prime giornate.
    A parte il fatto che nelle prime giornate il calcio più concreto, come lo chiama Bargellini, è stato espresso non per virtù ma per necessità avendo la squadra cominciato da poco a conoscersi nei singoli e nel collettivo, un allenatore da sempre la propria improntaalle squadre che allena e non le snatura a secondo delle necessità se non rischiando ina figura barbina.
    La Roma ieri ha fatto un CATENACCIO d’altri tempi lasciandosi una possibilità di gioco. La rpartenza o contropiede che si voglia dei suoi esterni.
    Ha vinto. Viva la Roma!
    Ha vinto ed allora i giornalisti dicono che è stati cinica, spietata e utilitaristica esprimendo un calcio d’altri tempi che ha dato i suoi frutti.
    Se la Roma avesse perso, gli stessi giornalisti avrebbero scritto che la Roma è una squadra senza anima, senza idee, e inconcludente.
    Gli episodi condizionano sempre una partita specie se hai giocatori che possono fare la differenza.
    Ieri è successo questo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cicciu - 5 anni fa

      Mah gli episodi possono anche condizionare uba partita ma se oggi è condizionata da un errore di uno domani da errore di altro dopodomani da altro ancora allora bisogna anche iniziare a chiedersi sulla qualità dei singoli credo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Valter Pellegrini - 5 anni fa

        La qualità del Campionato Italiano è bassa in generale, basta vedere la Nazionale che giocatori deve schierare.
        La nostra non è eccelsa am non è nemmeno la peggiore. certo, se qualcuno si era messo in testa di vincere lo Scudetto la colpa non è di nessuno se non di quelli che lo hanno pensato.
        Ci sono due squadre (Roma e Napoli) più forti di tutte le altre e poi viene il carrozzone in cui rientriamo anche noi.
        So che ti riferisci al fatto che se avessimo qualche uomo qualitativamente superiore sarebbe più probabile arrivare tra i primi ma, tra comprare qualcuno tanto per comprare al 31 Agosto e vedere cosa può essere fatto a gennaio, secondo me, hanno fatto bene a non comprare nessuno.
        Adesso vediamo cosa succede con le prossime partite in cui dobbiamo incontrare squadre un po’ meno toste (ammesso e non concesso che sia vero).
        Io mi baso che abbiamo fatto due punti di media a partita incontrando 4 squadre importanti poi……. il risultato ce lo dirà il campo.
        Comunque prersonalmente sono soddisfatto

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Cicciu - 5 anni fa

          Mah se il campionato finisse ora lo sarei pure io Walter ..ma non credo che resteremo fra le prime 4 ..i gobbi sicuramente torneranno di riffa o di raffa e l inter non ha coppe ..poi considera che a gennaio chi ha giocatori buoni se li tiene normalmente. …comunque vedremo. .mi rispondi ad una domanda ..ma perche fino all altro giorno dicevi che il kebabbaro non stava facendo sfracelli secondo te ..(viaggiava e continua a viaggiare ad un goal ogni due partite e spesso decisive… cconsiderando che non è una prima punta …) non so se doopo il goal di ieri hai cambiato opinione ….xo per me purtroppo resta un piccolo uomo si ..ma un fuoriclasse ..

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. biasandr_803 - 5 anni fa

      Il problema dei giornalisti, e ne sono lampante dimostrazione i c.d. esperti del tavolo serale di quella emittente che trasmette criptata, è che commentano SOLO in base ai risultati.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Claudio58 - 5 anni fa

    Soprattutto sul secondo goal errore del singolo, non credo proprio che Sousa gli avesse chiesto di stare a 30 metri da Gevinho sulla ripartenza della Roma.

    Semmai il problema che purtroppo sembra ripresentarsi è la difficoltà a trovare la porte con le conclusioni a rete e soprattutto nel fare goal.

    Comunque se ora continuiamo a giocare così, vediamo fra quattro partite dove siamo…. io credo ancora molto molto in alto…
    FORZA VIOLA SEMPRE!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. didino5_143 - 5 anni fa

      …tomovic contro il napoli,ilcic idem su higuain, poi ieri gervinho. sbagli individuali che ci sono costati molto cari! certo, i limiti tecnici e’ difficile risolverli se non provi ad andare sopra i tuoi limiti! c’e’ pero’ da considerare che abbiamo incontrato squadre molto forti e con le quali abbiamo provato a confrontarci a viso aperto. tutto questo ci serva da lezione per il futuro. ora stop e pensiamo a verona e frosinone.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Gerber - 5 anni fa

    Per quel che mi riguarda, è stato bello finché è durato.
    La dichiarazione post partita di ADV, mi conferma che di calcio non ci capisce una mazza, ma
    non mi sarei aspettato una dichiarazione diversa da lui.
    Sousa ha fatto quel che era possibile fare con queste “ova”, ma è basto che una di esse (Alonso)
    fosse marcia (infortunato) che la frittata è andata in malora.
    Io comunque sono contento, non sono un’orfano di Montella (troppo stizzoso e caratteriale per il mio carattere), ma
    la nostra dimensione è questa!
    Montella aveva ragione, l’ha detto ed è stato mandato via.
    Idem per quella m** di Salah, Neto e tutta la banda che hanno annusato lìevidente ridimensionamento,
    che le tre sconfitte consecutive hanno ribadito.
    Il mercato di gennaio non porterà nulla di più di quanto abbiamo adesso.
    Facciamo un campionato dignitoso, senza farci prendere per il culo.
    Vincere non è nostro appannaggio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. didino5_602 - 5 anni fa

      …da tuo ragionamento salvo una cosa: il mercato di gennaio difficilmente porta buone nuove da sempre! quindi speriamo che i ragazzi consolidino le idee del mister sousa e ci leveremo qualche soddisfazione. del resto guardando la classifica ora siamo in ballo..e allora balliamo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Luismi - 5 anni fa

    Per me te sei un travestito,cosa centra Pulcinella ma finiamola con questo qua,la squadra ha giocato bene,solo non siamo stati fortunati…FORZA VIOLA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Johnny - 5 anni fa

    Forse di necessita’ virtu’ – Alonso e Gilberto non erano disponibili e Pasqual era reduce di un infortunio. Del resto la forza fisica non e’ mai stata la qualita’ migliore del capitano e quindi Sousa ha ritenuto Bernardeschi piu’ adatto alle esigenze della partita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. didino5_695 - 5 anni fa

    …dalle partite di napoli e contro la roma dobbiamo imparare una cosa: in questo momento prendere per le corna due tori pericolosi non ci giova per niente ed e’ come sbattere contro un muro! ora il calendario ci offre per fortuna una serie di partite piu’ abbordabili che serviranno per consolidare i concetti di paulo sousa. sta ai giocatori non perdere le certezze e cominciare a fare bottino pieno gia’ con verona e frosinone.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. biasandr_708 - 5 anni fa

      Se fossi un lavoratore all’estero, guardando i risultati domenica sera direi che hai ragione; ma siccome vado allo stadio (o guardo in tv) dico che abbiamo giocato alla pari con le due squadre a detta di tutti attrezzate per lo scudetto, perdendo, si, ma per errori nostri (gol subiti e gol sbagliati). Quindi sono ottimista per un ottimo campionato. Viva Viola.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Alessandro ale - 5 anni fa

    Con le squadre piu forti si fa catenaccio. Con le più deboli si gioca. È sempre stato cosi, ma i mister d oggi devono “fare la partita…”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. didino5_654 - 5 anni fa

    …sousa da persona intelligente fara’ tesoro del lavoro di montella ampliandolo con le proprie cognizioni calcistiche. di diverso c’e’ anche il fatto che il portoghese ha gia’ vinto seppur in campionati diversi dal nostro. perche’ finiscano gli errori individuali ci vuole da parte dei giocatori meno dotati tanta applicazione e il voler superare i propri limiti. la qualita’ generale della rosa e’ buona ma non eccelsa, dobbiamo essere sinceri, ma il modo di approcciarsi della squadra piu’ grintoso e veloce,se c’e’ un minimo di pazienza, portera’ frutti insperati nel futuro. basta aspettare la completa assimilazione dei concetti di sousa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Sergio S - 5 anni fa

    Scusa Bargellini, ma per come hai impostato l’articolo e posto la domanda, è come se avessi chiesto “E’ più dolce lo zucchero o il rabarbaro?” A parte questo, quando ieri ho letto la formazione ho pensato che fosse un suicidio mettere una punta a difendere su gente rapida e tecnica come Florenzi e Salah o Gervinho. E infatti il gol è venuto subito e da quella parte. Capisco che Pasqual coi polacchi ha fatto pena, ma peggio di un attaccante adattato non poteva fare, tanto si sa da tempo che la coperta è corta e la sfiga di noi si ricorda sempre!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone Bargellini - 5 anni fa

      Non è proprio la stessa 🙂 Del resto a Montella quando arrivò era stato chiesto di far divertire, anche a costo di perdere qualche punto per strada. Sousa sembrava avere una filosofia un po’ diversa, da qui la mia domanda. Saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy