Terim: “Un’emozione rivedere Firenze. Chiesa? Gli auguro la carriera di Enrico”

Terim: “Un’emozione rivedere Firenze. Chiesa? Gli auguro la carriera di Enrico”

Le parole dell’ex tecnico viola da Coverciano

di Redazione VN

Fatih Terim, presente a Firenze già dalla serata – ci resterà fino a domenica per la sfida alla Fiorentina – è stato intercettato da Radio Bruno:

Sono emozionato nel tornare a Firenze, per la prima volta rivedo la città fuori dal campo. Insieme a Firenze ci siamo divertiti, con i tifosi e la società, abbiamo giocato bene e ricordo sempre con affetto questo posto. Chiesa? Un giocatore di grande talento, l’ho seguito tante volte e una di persona anche se ricordo soprattutto Enrico Chiesa. Gli auguro di seguire le orme del padre. Roggi? Un mio grande amico, ci telefoniamo spesso e l’ho visto volentieri.
La Fiorentina? Non conosco Commisso, ma auguro tanta fortuna al club che per me è sempre importante. Faccio un grande in bocca al lupo per il campionato.

Pedullà: “Tutto dipende da Simeone, poi capiremo. Da domani si entra nel vivo”

Grafico: oggi la Fiorentina giocherebbe così. Montella prepara due soluzioni

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Tagliagobbi - 3 mesi fa

    Mah… io non capisco le lodi sperticate a questo signore. Fece sei mesi e poi lui con tutto il suo staff, Di Gennaro compreso, se ne andarono per poi andare al Milan (con cui probabilmente si erano già accordati,stando ai giornali dell’epoca) facendo, giustamente, incazzare di brutto Vittorio che già era nell’occhio del ciclone per le note vicende.Questi sono i fatti per cui per me, questo signore, è uguale a tutti i “traditori” che sono passati di qua solo per usarci da trampolino di lancio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. simuan - 3 mesi fa

    Grande Terim! Emozioni lontane ma ancora vivissime. Sempre nel cuore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. mannishboy - 3 mesi fa

    Blando tifoso non ha tutti i torti. Sia che Termini ci usò come trampolino di lancio, sia che la preparazione atletica fu fatta per avere buoni risultati a inizio campionato. A Cecchi Gori il demerito di avergli applicato una formula contrattuale demenziale che gli permise di mollarci a metà campionato. Al solo immenso Giancarlo il merito di aver cercato di trattenerlo. Per me, Terim può starsene in Turchia a bollire nel suo brodo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Etrusco - 3 mesi fa

    Il mio vicino aveva messo in suo onore al cane il suo nome, questo per farvi capire che è stato un uomo apprezzato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Daniele C. - 3 mesi fa

    Onore a te grande Imperatore. Domenica sai acclamato come sempre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Pepito4ever - 3 mesi fa

    Grande Imperatore!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BlandoTifoso - 3 mesi fa

      Certo non vi resta che incensaro, uno che fece una preparazione alla Fiorentina per fare bella figura ed andare al milan e lasciarci nella cacca..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Ale 1926 - 3 mesi fa

        FU cacciato da Cecchi Gori a metà campionato…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Tommy - 3 mesi fa

          Non è andata proprio così…. Però non è andata nemmeno come dice quello sopra!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. lucagiorgini7_9802898 - 3 mesi fa

            Di certo fu quello che ci portò (orfani di Gabriel Omar) in finale di coppa italia (vinta poi secondo me senza merito da mancini con l’atalanta) . Penso che il suo esonero fu dovuto alla psicopatia di Vittorio Cecchi Gori

            ERA IL PARMA, NON L’ATALANTA 😉

            Mi piace Non mi piace
      2. Ammazzalavecchiacolgas - 3 mesi fa

        Sospetto che sia stato così, d’altronde si profuse in dichiarazioni d’amore verso il Milan e Berlusconi non appena arrivò a Firenze. Sousa usò lo stesso trucchetto, ma con i DV gli andò decisamente peggio.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy