Stadio nuovo? Anche basta. Parliamo di calcio: cinque partite per capire di che pasta è fatta la Fiorentina

Stadio nuovo? Anche basta. Parliamo di calcio: cinque partite per capire di che pasta è fatta la Fiorentina

Basta parlare di stadio. Il pallone torna a rotolare sul campo. Montella ha ragione: questo ciclo di partite faranno capire qualcosa in più su cos’è la Fiorentina

di Stefano Niccoli, @stefanoniccoli3

Stadio alla Mercafir o a Campi Bisenzio? La nuova casa della Fiorentina è incompatibile o no con la nuova pista aeroportuale? Dibattito caldo e interessante che ci ha permesso di trascorrere due settimane senza sbadigli come, invece, accadeva gli anni scorsi. Ora, però, basta. Stop. Il pallone sta per tornare a rotolare sul campo. Parliamo di calcio e mettiamo per un attimo da parte la politica e campanilismi, veri o presunti.

E allora la domanda sorge spontanea: a chi avrà giovato di più la sosta? Alla Fiorentina che ha giocato e vinto contro l’Udinese o al Brescia la cui ultima partita risale al 29 settembre, sconfitta per 2-1 contro il Napoli? Difficile dirlo. Anzi: impossibile. Lo scopriremo lunedì poco prima delle 23. Di sicuro per i viola l’occasione per provare a centrare la quarta vittoria consecutiva (tocchiamo ferro) è ghiotta. Tutto facile? Niente affatto perché la squadra di Corini, nonostante sia una neopromossa, è coraggiosa, non fa le barricate. Insomma: prova sempre a giocare a calcio. Se contro Milan, Juventus e Napoli non ha sfigurato, malgrado i tre ko, un motivo ci sarà. Tonali, Donnarumma e, soprattutto, Balotelli alzano di parecchio la qualità delle Rondinelle che possono contare anche su un motorino come l’ex viola Romulo.

La Fiorentina si appresta a vivere un mese importante durante il quale affronterà formazioni non facili da battere, ma sicuramente meno forti di Napoli, Juventus e Atalanta. Dal Brescia al Cagliari, passando per Lazio, Sassuolo e Parma. Questo ciclo di partite ci dirà qualcosa in più su ciò che siamo“, ha detto Montella in conferenza stampa. Niente di più vero. E’ contro questo tipo di squadre che Pezzella & co. dovranno cercare di non fallire. Inutile fare tabelle, ma se alle 14.30 di domenica 10 novembre, giorno della gara contro il Cagliari, la Fiorentina avrà un bottino cospicuo in mano, il divertimento quest’anno potrebbe essere assicurato.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. curra. - 1 mese fa

    Della serie fatti una domanda e datti una risposta. Voi giornalisti per riempire la settimana ci avete tartassato di ipotesi campate in aria

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy