Sottil: “Senza tifosi il calcio perde l’emozione. Ma prima c’è la salute”

Le parole di auspicio di Riccardo Sottil sulla ripresa dell’attività agonistica

di Redazione VN

Intervenuto in diretta sulla sua pagina Instagram, Riccardo Sottil ha parlato delle sue giornate senza calcio e ha lanciato il suo auspicio per la ripresa dell’attività agonistica: “Non sappiamo quando potremo riprendere a giocare, perché è un momento delicato e il calcio passa in secondo piano rispetto alla salute. Quando riapriranno le porte allo sadio ci sarà un grande entusiasmo, per ora dobbiamo continuare a reagire bene a questa brutta emergenza. Porte chiuse? Fino a Natale c’è questo rischio, soprattutto con tante persone che affollano gli stadi. Senza tifosi il calcio perde le emozioni che ti dà la gente e il calore che sono tutto per un calciatore, speriamo che si trovi un vaccino e che tutto tornerà alla normalità. La mia giornata tipo? Cerco di darmi degli orari, la mattina mi alleno per un’ora e mezzo e alcune volte anche al pomeriggio. Il professore ci ha dato delle schede dove c’è spiegato il da farsi”.

Dott. Castellacci: “Ripresa del campionato? Difficile che avvenga a maggio”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy