SCHEDA VN – Marco Sportiello, un portiere pararigori e abile coi piedi per Sousa

Quale sarà il suo ruolo in viola, se titolare o secondo dietro a Tatarusanu, non si sa, ma entro pochi giorni dovrebbero arrivare visite e firma sul contratto per Marco Sportiello. Andiamo a conoscerlo meglio

di Redazione VN

Quale sarà il suo ruolo in viola, se titolare o secondo dietro a Tatarusanu, non si sa, ma entro pochi giorni dovrebbero arrivare visite e firma sul contratto per Marco Sportiello, estremo difensore che passerà dall’Atalanta alla Fiorentina in prestito biennale con un riscatto fissato intorno ai 7 milioni di euro.

La sua storia calcistica inizia nel 1999, quando entra nelle giovanili dell’Atalanta, da sempre fucina di talenti in Italia. La sua trafila delle giovanili finisce nel 2010, con il passaggio in comproprietà al Seregno, in Serie D, poi risolta a favore della Dea, e nella stagione 2012-2013 con il prestito al Carpi. L’anno successivo arriva la sua consacrazione: Consigli va al Sassuolo e i nerazzurri lanciano il ragazzo, appena ventenne, tra i pali, suscitando prima qualche dubbio ma, dopo alcune buone prestazioni, riesce a scacciare i malumori e le facce storte dietro il suo utilizzo. La sua crescita è esponenziale, tanto che riesce a ricevere la chiamata per il pre-Europeo da Conte, ma l’esplosione del ben più giovane Donnarumma e il rapporto non idilliaco con Gasperini lo portano quasi nel dimenticatoio. Adesso, dopo un tentativo andato a vuoto nell’ultimo giorno di mercato della sessione estiva, sembra stia per arrivare l’ufficialità per il suo passaggio alla Fiorentina, dove potrà giocarsi una maglia da titolare con Tatarusanu e, perché no, provare a imporsi in Nazionale come dopo Buffon.

I numeri ci sono tutti: classe 1992 (quindi ancora molto giovane), è molto abile sia tra i pali sia fuori area grazie ad una buona qualità nel gioco palla a terra e la capacità, quindi, di iniziare l’azione. E’ anche un discreto pararigori, con 4 penalty parati da tiratori “illustri” come Higuain e Pogba nelle ultime due stagioni.

 

 

Un investimento per il presente, ma anche e soprattutto per il futuro, per rilanciare sia le sorti della squadra di Paulo Sousa, sia quelle di un ragazzo che dopo gli inizi in auge si è un po’ perso per strada, ma con la personalità per potersi affermare in una squadra con buone aspettative.

Qualche statistica:

-Presenze in Serie A:  84

-Reti subite in Serie A: 115

-Partite a rete inviolata in Serie A: 22

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy