Sandrelli: “Commisso faccia pace col calcio italiano. Stadio? Parli della squadra”

Massimo Sandrelli duro sull’operato di Rocco Commisso

di Redazione VN
Commisso

Il giornalista Massimo Sandrelli è intervenuto a Radio Bruno Toscana:

Chiesa? Non so se ci siamo tolti un peso. Ci siamo tolti un giocatore che poteva avere un futuro importante e che, invece, è andato alla Juventus che si è dovuta accontentare di due anni di noleggio. L’operazione è complessa, ha richiesto molta fantasia. Se anche la Juventus deve comprare a rate, immaginate come stanno le altre squadre. Mi aspettavo di più dal mercato, ma di vere occasioni non se ne sono presentate molte. Penso che Commisso stia pagando lo scotto di non conoscere le dinamiche del calcio italiano. Ha fatto tutte le cose che non si devono fare, a partire dalla conferma di Montella e dalla mancata cessione di Chiesa l’anno scorso. Penso che debba fare pace col calcio italiano. Parla di stadio da mesi. Ma perché non si parla della squadra? La squadra è frutto di tante contraddizioni, i giocatori sono male assortiti. Alcuni ruoli sono scoperti, come quello del regista.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. kk53 - 3 settimane fa

    Sandrelli mi sembra il Salvini di noaltri,sempre pronto alla critica,mai costrut
    tivo,si fà sempre bene a dire io avrei fatto ,io avrei preso….a Firenze c’è un
    detto che recita è facile fare il….con il lato b degli altri,ecco lui ci riesce benissimo da tempo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. bati - 3 settimane fa

    Sandrelli ha vissuto tutta la sua vita giornalistica contro le presidenze viola. Cominciò giovane la domenica sera insieme a Giordano Goggioli a martellare i Pontello, poi proseguì a randellare Cecchi Gori fino ad essere randellato davvero dal vicepresidente Poggi e ovviamente continuò con i Della Valle. Ora ovviamente è in prima fila contro Commisso. Oggi però mi sento di condividere molto di quello che ha detto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Eziogòl - 3 settimane fa

      Ed ha sempre vissuto dalla parte giusta, direi. No?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bati - 3 settimane fa

    Una delle rarissime volte o forse l’unica in cui mi sia trovato d’accordo con Sandrelli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Eziogòl - 3 settimane fa

    Glià ragione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Violapersempre - 3 settimane fa

    Mah, a me non mi pare che siamo male assortiti, mi pare che siamo incompleti, se beppone riesce a far funzionare il centrocampo senza regista non vedo grandi lacune, qualita ce n’è!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jackfi1 - 3 settimane fa

      Peccato che per giocare senza regista ci voglia una armonia di squadra che si raggiunge dopo anni di lavoro assieme. Mettici che per giocare senza regista ci vuole un allenatore con competenze tecniche notevoli e hai spiegato come mai il regista era fondamentale. Poi magari Iachini fa il mago e da un giorno all’altro gli insegna a giocare senza regista. Quale delle due possibilità è più probabile?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. indiano - 3 settimane fa

    Allora Sig. Sandrelli lei e i suoi amici del pentasport dicevate allora la stessa cosa dei Della Valle che però pagarono molto caro la loro scarsissima familiarità con i fitti legami della politica prima (promesse sull’area Castello del sindaco) e poi del calcio (gli arbitri ci trattavano come pellai e conseguente colloquio con vicepresidente della federazione). Questo c’ha le palle, ma non quelle per intrecciare rapportini da rotary o da lyons o decthlon in città, ma per aver lobbyzzato la federazione cittadina dell’ex PCI/DC (adesso la chiamano PD) per fare passare una legge che comunque deve essere ancora dimostrato che gli può tornare utile. E’ tutto vero quello che scrive ma vorrei raccontarle di un mio conoscente che aveva una collezione di auto plurimiliardaria in quel del piazzale, un giorno per sfizio si comprò una ZAZ russa che non costava poco. Sa una cosa? C’aveva soldi e nessuno che gli faceva venire l’otite soffiandogli nell’orecchio consigli su cosa doveva comprare, tant’è che la ZAZ si rivalutò. Questo ha comprato un terreno a Bagno a Ripoli, opziona un terreno a Campi, contribuisce con la sua sponsorizzazione sempre di più al ripianamento di bilancio. Sandrelli qui non è come in America dove esistono i Draft, qui ci sono lupi come il nostro ex DS, come i Ramadani etc… L’unico passo che mi sentirei di raccomandargli sarebbe di riprendere Macia perchè ha legami stretti con Mendes. Ecco invece di consigliargli di fare pace con il calcio(!!!!), sostenetelo affinchè lotti per dare un connotato forte a questa società. Come diceva l’erudito filosofo “La guerra è solo un modo diverso di colloquiare (tra le nazioni)”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. bianco - 3 settimane fa

    Il pugno glielo dette il compianto Ugo Poggi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianni69 - 3 settimane fa

      Ughino di’poggi. Che destro gli dette. Buum e lo spense. A naanna

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. bianco - 3 settimane fa

    Sandrelli criticava i Cecchi Gori e in quel periodo prese anche un pugno in faccia dal dirigenti di cui non mi ricordo il nome poi criticava i Della Valle ora critica Rocco ma una parola positiva mai…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy