Rossitto: “Chiesa emblema dell’entusiasmo viola, Kalinic? Un bellissimo segnale”

L’ex viola ha parlato di Federico Chiesa e di Nikola Kalinic

di Federico Gennarelli, @F_Genna88

Intervenuto a Radio Sportiva, l’ex viola Fabio Rossitto ha commentato il successo della Fiorentina contro il Chievo, parlando anche dei giovani che si stanno mettendo in luce agli ordini di Paulo Sousa e tornando anche sulla vicenda Kalinic: “Devo dire che la Fiorentina ha ritrovato se stessa dopo un momento di difficoltà anche mentale, magari dovuta al mercato. Mi sembra di rivedere un po’ la squadra della prima parte della scorsa stagione. Chiesa? Io ho giocato con il papà e questo ragazzo ha grandissime qualità di forza, tecnica ed entusiasmo. Credo sia un po’ lo specchio della voglia di giocare a calcio, di entusiasmare, bella da vedere e concreta. Sousa sta dimostrando di essere un grandissimo allenatore. Kalinic? Condivido la sua scelta, ha deciso di giocare a calcio e credo che vada preso ad esempio. Ha scelto di stare a Firenze, dove c’è tanta passione e si vive di calcio. Ha scelto di rinunciare ai milioni cinesi e credo che abbia dato un grosso segnale a tutta la squadra e anche alla piazza: sono scelte che influiscono anche sui compagni di squadra, è un segnale che sta bene in viola. Credo che anche Sousa in questo abbia avuto giovamento, anche perché Kalinic è determinante in questo momento. La società gli ha dato la possibilità di rimanere e sono contento che sia stata presa questa decisione”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy