Rocio Rodriguez: “Firenze è stata la nostra svolta. Lucia è una fiorentina, mentre Alvaro ha voltato pagina”

Rocio Rodriguez: “Firenze è stata la nostra svolta. Lucia è una fiorentina, mentre Alvaro ha voltato pagina”

La moglie di Borja Valero racconta: “A Firenze cinque anni splendidi. Dai fiorentini abbiamo preso l’ironia”

di Redazione VN

Rocio Rodriguez, moglie di Borja Valero, si è raccontata a Fuorigioco, inserto della Gazzetta dello Sport. Vi proponiamo alcuni passaggi che riguardano anche il loro periodo a Firenze: “E’ stata una vera svolta per noi. Città stupenda per tanti motivi. Lì abbiamo passato cinque anni splendidi. Lucia, 4 anni, è nata lì, è di fatto fiorentina. Alvaro, 8 anni, aveva tutti gli amici. Cambiare aria è stato durissimo. L’impatto con Milano è stato difficile nel primo mese, poi ci siamo ambientati. Stiamo vicino al verde, giriamo a piedi o in bici. E lo stesso Alvaro è talmente inserito anche nella nuova realtà calcistica che quando a metà ottobre, approfittando della sosta per le nazionali, siamo tornati a Firenze lui è voluto rimanere per non saltare una partita. Alla fine gli ha fatto molto più male il passaggio di Cristiano Ronaldo alla Juve… In famiglia siamo da sempre tifosissimi del Real. Cristiano era un idolo, ma da quando è andato a Torino mio figlio non vuole più sapere niente di lui. Sarà anche che, tra Fiorentina e Inter, suo padre ha giocato nelle due squadre più anti juventine…”. E poi sull’amicizia con Wanda Nara, moglie di Icardi: “Il personaggio Wanda è molto diverso dalla vera Wanda. Ci siamo trovati subito benissimo, abbiamo pure figli di età simili. Non mancano nemmeno gli scherzi, una lezione di vita imparata dai fiorentini. Ma con tante altre mogli interiste organizziamo delle uscite. Dove saremo tra 10 anni? Non lo so, viviamo alla giornata. Di sicuro appena Borja smette andremo a New York e potrò finalmente fare la maratona più bella del mondo. Poi vogliamo viaggiare zaino in spalla” ha detto Rocio Rodriguez. FOTO: GLI AUGURI DI BORJA ALLA FIORENTINA

 

vnconsiglia1-e1510555251366

Sarri confessa: “A 5-6 anni la prima volta al Franchi, ma il mio tifo…”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy