Quasi due mesi di letargo: Castro, dove sei?

L’ultima grande prestazione di Castrovilli risale al 25 ottobre, contro l’Udinese, poi il buio. Deve essere anche lui a portare la Fiorentina fuori dalla zona rossa. Tre punti col Genoa avrebbero un’importanza capitale, visto il calendario minaccioso

di Stefano Niccoli, @stefanoniccoli3
Milenkovic-Castrovilli

La situazione è critica, ma affermare che la sfida contro il Genoa è decisiva sarebbe sbagliato. Siamo solo al 7 dicembre, alla decima giornata. Sicuramente si tratta di una gara da vincere assolutamente (gli scongiuri sono d’obbligo), non importa come. Tre punti farebbero respirare la Fiorentina. In caso contrario… meglio non pensarci.

Devono essere i calciatori con più qualità a portare fuori la squadra dalla zona rossa. Perché, si sa, è la qualità a far vincere (quasi) sempre le partite. E qui entra in gioco, anche, Gaetano Castrovilli. I tifosi si aspettano da lui una prestazione di alto livello contro il Genoa. Dopo un avvio sprint, con i gol segnati al Torino, all’Inter e all’Udinese, il numero dieci viola è caduto in letargo. Un sonno che – ahi noi – dura da quasi due mesi. Dal 25 ottobre, giorno del match contro i friulani.

GERMOGLI PH: 22 NOVEMBRE 2020 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI SERIE A FIORENTINA VS BENEVENTO NELLA FOTO CASTROVILLI

Quella domenica pomeriggio, l’ultima con mille tifosi allo stadio, il ballerino diede spettacolo. Assist per la rete di Milenkovic e doppietta d’autore. Splendida la seconda marcatura: palla all’incrocio dei pali e tanti saluti a Nicolas. Sono stati gli ultimi suoi gol. Purtroppo lo sono stati anche per la Fiorentina che non segna da 399 minuti, recuperi esclusi.

Speravamo che il 3-2 all’Udinese coincidesse con l’inizio di una lunga cavalcata verso le zone nobili della classifica. E’ successo esattamente l’opposto. Tre sconfitte (contro Roma, Benevento e Milan), un triste pareggio al Tardini contro il Parma e l’esonero di Beppe Iachini. Certo, se la squadra viola è quartultima con appena otto punti, la colpa non è tutta di Castrovilli, ci mancherebbe. Ma dovrà essere anche lui a portarla fuori dalle sabbie mobili. Tre punti stasera avrebbero un’importanza capitale. Non fosse altro per un calendario minaccioso che porterà la Fiorentina a sfidare, prima di Natale, Atalanta, Sassuolo, Verona e Juventus. Mica male.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. damci - 2 mesi fa

    bene violanews,ora prendetevela con Castrovilli,perchè non segna.Per me a Castrovilli non possiamo chiedere che faccia tanti goal e,per quanto riguarda il gioco,mi pare sia costantemente fra i migliori:Tutto questo nonostante che a sinistra ci sia affollamento eccessivo,che Ribery si incarognisca a saltare gli avversari,perdendo palla troppo spesso e ritardando il tempo dei passaggi ai compagni,nonostante ,poi, che Vlahovic non si smarchi quasi mai,che dalla parte destra non ci sia il terzino che spinge, mentre Callejion è l’ombra del giocatore del passato,che infine Amrabat e Pulgar si inseriscano pochissimo in avanti.Ma che deve fare Castrovilli,neanche fosse Maradona.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Saverio Pestuggia - 2 mesi fa

      Ma chi se la prende, il redattore ha semplicemente scritto un pezzo per dire che Castrovilli che resta uno dei pezzi pregiati della Fiorentina non sta rendendo come lo scorso anno, reti a parte. Mi sembra che sia una posizione inattaccabile a meno che lei non veda qualcosa di diverso. saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. davidebaso@gmail.com - 2 mesi fa

    Sì ma voi non potete giudicare le prestazioni di un giocatore solo in base a quanto tira in porta. Castrovilli quando ha la palla (e con Ribery che viene sempre a prendersela a centrocampo non è molto spesso perchè si pestano i piedi) prova sempre una buona giocata, prova a dare una scossa, cerca di dare spunti e spesso fa tante cose buone. Il problema è che l’attacco con Ribery e Callejon così fuori forma, Vlahovic che non sa smarcarsi, Biraghi che non supporta mai, Pulgar che è lento e un centrale adattato a fare il terzino destro la manovra è ovviamente stagnante all’inverosimile, e voi a chi date la colpa? A Castrovilli e Amrabat che sono costantemente i migliori in campo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. pino.guastell_9534945 - 2 mesi fa

    Chiesa… Chiesa… Ma come è possibile che ci sia gente che a cura pensa a Chiesa. Il tempo del bimbo-minchia è finito. Non si deve dimenticare il nulla che ha fatto con la Viola. Pensiamo ai giocatori che militano nella Viola, tocca a questi tirarci fuori dalle sabbie mobili dove siamo finiti anche per merito di Chiesa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. max688 - 2 mesi fa

    magari dire che chiesa creava spazi dalla 3/4 in su sta male? partito lui le cose sono cambiate in peggio e callejon acciacchi ed età a parte non ha certo quelle caratteristiche 🙁

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy