Più di 40 esuberi? Ci pensa Pradè, il prestigiatore. Nel 2012 eredità ancora più pesante

Più di 40 esuberi? Ci pensa Pradè, il prestigiatore. Nel 2012 eredità ancora più pesante

Sette anni fa furono ben 49 le cessioni messe a segno dal d.s. viola in coppia con Macía. Oggi come allora, ci sarà tanto da lavorare tanto per piazzare i giocatori non funzionali al progetto tattico di Montella

di Alessio Crociani, @AlessioCrociani

Premessa: ripetere i miracoli dell’estate 2012 è dura. Molto dura. I motivi sono facilmente intuibili, basta dare una rapida occhiata ai numeri della rivoluzione di sette anni fa griffata da Daniele Pradè e Macía: Fiorentina ad un passo dal 3° posto con 38,8 milioni di monte ingaggi, il 7° della Serie A. Diciotto nuovi arrivi (fra i quali tre parametri zero) e ben 49 cessioni, inclusi i prestiti, gli svincoli e le comproprietà (inaugurate, rinnovate e risolte). Un esercito che spazia da Cerci, Felipe e Kharja fino a Miranda, Carraro, Matos ed il resto della miriade di giovani che in quel momento orbitava attorno alla Fiorentina. Performance da prestigiatore difficile da replicare – come scritto – ma non impossibile. Almeno in parte.

Prendiamo le uscite: oggi come allora Pradè si trova a fare i conti con i tanti giocatori non funzionali al progetto tecnico pensato da Montella lasciati in eredità dalla gestione precedente. Appartengono a questa categoria la stragrande maggioranza dei rientri dai prestiti, la scrematura radicale prima squadra 2018/2019 e parte dei giovani dell’ultima Primavera, per un totale che supera le 40 unità. Roba da far accapponare la pelle. Una mole di lavoro enorme se si aggiungono le trattative in entrata.

Eppure Pradè è già riuscito a sbrogliare una matassa simile. Non era da solo, è vero, ma questa volta ha alle spalle una proprietà pronta a fare qualche strappo alla regola dei conti. Grazie agli addii di sette anni fa, fu possibile autofinanziare un mercato da Champions e al contempo chiudere in positivo il saldo degli affari estivi, mentre le premesse di oggi ci lasciano pensare che il d.s. viola avrà più margini di manovra rispetto al 2012. Se riuscisse a completare anche solamente trequarti del lavoro in uscita fatto con Macía, per la Fiorentina sarebbe già un successo.

QUANTE OCCASIONI A PARAMETRO ZERO: 30 GIOCATORI CHE POTREBBERO FARE AL CASO DELLA FIORENTINA

Pedullà: “Offerta viola per De Rossi, ma lui ha rifiutato. Veretout…”

Inglese, arrivano conferme: “Ipotesi da considerare per l’attacco della Fiorentina”

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. DeepPurple - 3 mesi fa

    Avremmo già i giocatori per la seconda squadra di Lega Pro e con giocatori direi adatti…
    Peccato che solo 4 possano essere nati prima del 97.
    Off topic ma Commisso ha detto niente della squadra femminile viola ed i suoi programmi? Cincotta e Mencucci sono confermati?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. bernard - 3 mesi fa

    Ma quali quaranta esuberi , se in tutto sono 44 ! Molti sono ragazzi di belle speranze , altri giocatori fatti e non più da Fiorentina , e poi ci sono giocatori ben quotati sul mercato .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Andrea - 3 mesi fa

    Sarà dura!! Grazie Corvino e Della Valle per cotanta me..a che ci avete lasciato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy