Ancora Pioli: “Sconfitta troppo brutta per essere vera. Contestazione? Ai tifosi non posso dire nulla”

Ancora Pioli: “Sconfitta troppo brutta per essere vera. Contestazione? Ai tifosi non posso dire nulla”

La conferenza stampa postpartita di Stefano Pioli nel post gara di Fiorentina-Hellas Verona

di Redazione VN

Il tecnico della Fiorentina Stefano Pioli si e’ presentato in sala stampa per commentare la bruttissima sconfitta interna ottenuta contro l’Hellas Verona (penultimo in classifica): “Non abbiamo avuto problemi fisici, ma di atteggiamento; abbiamo concesso gol troppo facili. La partita è nata male ed è finita sicuramente peggio.

Io sono il primo ad essere dispiaciuto per la prestazione della squadra: vorrei chiedere scusa ai tifosi ma so che non servirebbe a rimediare. Che l’ambiente stia vivendo un momento difficile è evidente. Sembra che tutto il lavoro fatto in sei mesi sia stato buttato via, ma non è così, dobbiamo essere bravi (io, la squadra e la società) a rimanere concentrati: vogliamo tornare la squadra che ha fatto bene, che ha fatto risultati importanti.

L’incontro nel post? C’era Corvino, Freitas, c’ero io e c’erano i giocatori. Ma l’unico provvedimento che ne seguirà sarà il lavoro: è l’unica soluzione che conosco. Dobbiamo assolutamente reagire, questa è una brutta sconfitta, troppo brutta per essere vera, eppure la realtà è questa.

Ritiro? Al momento non ne abbiamo parlato, ci vedremo martedì ed affronteremo la questione insieme. Le contestazioni? Il calcio è fatto di emozioni, di momenti e soprattutto di risultati. La nostra tifoseria si è comportata in modo corretto e ci ha sempre sostenuto fino al 95′ in tutte le partite, oggi non possiamo dire nulla. Non posso mica stare a dire “oggi i tifosi dovevano aiutarci”, non posso”.

Violanews consiglia

 

Contestazione vibrante, chiesto un confronto con la società

 

https://www.violanews.com/video/video-vn-contestazione-i-cori-contro-la-proprieta-della-valle-fuori-dalle-p/

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy