Pioli: “Gruppo fortificato. Badelj resta? Un pensiero ce lo sta facendo”. E sulla formazione si sbilancia

Pioli: “Gruppo fortificato. Badelj resta? Un pensiero ce lo sta facendo”. E sulla formazione si sbilancia

Il tecnico viola alla vigilia della gara in casa del Torino: “Milenkovic sta bene, mi aspetto di più da Benassi. Saponara? Mai stato così bene”

di Redazione VN
stefano-pioli

La Fiorentina si appresta a vivere la prima trasferta senza il capitano Davide Astori, quella di domani contro il Torino allo stadio Olimpico. Il tecnico viola Stefano Pioli ha parlato così in conferenza dalla sala stampa “Manuela Righini” dello stadio Artemio Franchi:

“Che quella di domenica scorsa sia stata una giornata particolare credo sia stato evidente. Domani giochiamo. Nei miei ragazzi ho sempre apprezzato la grande volontà e la grande disponibilità, ma quello che stanno facendo dopo la scomparsa di Davide mi sta impressionando. Se prima si allenavano bene, ora lo stanno facendo ancora di più. Il Torino è una squadra importante, con del potenziale e dei giocatori forti. Noi però vogliamo fare la nostra partita e giocarcela dall’inizio alla fine”.

Il gruppo? “I ragazzi stanno tirando fuori uno spirito e una forza che non credevo potessero avere. Sono onorato di allenare un gruppo così”.

Vicinanza Andrea Della Valle e futuro societario? “La cosa più importante è che ho visto i miei giocatori e tutto l’ambiente di lavoro contento della presenza della proprietà, ed è stata una cosa reciproca. Il resto lo deciderà la proprietà, che ho sempre sentito convinta di voler iniziare un nuovo percorso”.

Maglia Astori al Granata store e gemellaggio col Torino? “Credo che da qui alla fine della stagione noi vivremo sempre delle emozioni forte ogni volta che ci troveremo in un luogo che solitamente frequentavamo con Davide. Domani però scenderemo in campo e al di là del bellissimo gemellaggio il Torino vorrà fare la gara e metterci in difficoltà, cose che vogliamo fare anche noi. Poi sono sicuro che la tifoseria granata omaggerà Davide sugli spalti”.

Scomparsa di Astori sta dando marcia in più alla squadra? “Assolutamente sì, anche se non so che risultati riusciremo a fare da qua alla fine. Se prima eravamo un buon gruppo, anche per merito di Davide, adesso lo siamo ancora di più. Scendiamo sempre in campo per dare il massimo anche nel suo nome”.

Saponara? “La partita di domenica scorsa è costata tanto a tutti da un punto di vista fisico e mentale. Riccardo si è allenato bene, ha confermato le buone sensazioni della settimana scorsa. Sicuramente è il suo miglior momento. Spero che riesca a mettere in campo una prestazione all’altezza delle sue qualità. Le sue caratteristiche sono importanti per noi”.

Benassi? “Per lui tornare a Torino è sempre un qualcosa di particolare. E’ un giocatore fondamentale per noi, ma mi aspetto di più da lui. Può aiutarci in tutte le fasi di gioco”.

Badelj? “Il suo atteggiamento non è una sorpresa per me, l’ho sempre ritenuto un giocatore e soprattutto una persona di spessore. Non è un caso che lui e Davide fossero così vicini e sulla stessa lunghezza d’onda. Porta la fascia del suo amico e Davide sarebbe contento di vederla al suo braccio. Non ho parlato con Milan del suo futuro, non credo sia giusto, ma credo che un pensiero sulla permanenza a Firenze lo stia facendo visto il suo legame con la squadra e con la città”.

Milenkovic? “La settimana scorsa ha avuto l’influenza e dei problemi gastrici. Ha giocato comunque contro il Benevento perché voleva esserci. Durante gli ultimi sei giorni si è allenato bene ed è completamente a disposizione”.

Laurini? “Sta crescendo anche lui dopo qualche problema fisico”.

Attacco? “Domani riproporremo più o meno le stesse situazioni viste col Benevento, ma cambieremo qualcosa in base all’avversario. I giocatori in campo saranno i soliti”.

Violanews consiglia

Dal centro sportivo: A. Della Valle e Cognigni presenti (FOTO). Domani a Torino…

Simeone, se ci sei batti un colpo. La proiezione stagionale dei gol è da brividi

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. vecchio briga - 3 anni fa

    Nessuno ha più voglia di commentare. La verità è che il campionato per i tifosi Viola è finito da 15 giorni ed è giusto che sia così, dobbiamo ancora metabolizzare quello che è successo. In fondo, almeno per i tifosi, il calcio è un gioco, ditemi voi come si fa a giocare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Antonio Capo d'Orlando - 3 anni fa

      Vero, sembriamo tutti un po’ svuotati……
      Domenica sarà ancora più difficile, perché mancherà l’adrenalina della settimana scorsa e potrebbe esserci pure un calo mentale derivato dallo scarico dello stress subito. Speriamo invece, di fare sempre meglio, nel segno di Davide.
      Io sono fiducioso. FV

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy