Non un traghettatore ma un ponte. Prandelli, la Fiorentina e la fissa per il centro sportivo

La Fiorentina presto avrà il Viola Park: e se fosse Prandelli a guidare in futuro le giovanili dopo una seconda avventura sulla panchina viola?

di Stefano Rossi, @StefanoRossi_

Buffa la vita. Oltre dieci anni dopo l’ultima volta, Cesare Prandelli sente di nuovo l’odore della panchina viola. A Beppe Iachini potrebbe non bastare una vittoria in casa del Parma per rimanere alla guida della Fiorentina, dietro di lui fa capolino il grande ex. In questi dieci anni il suo nome era già circolato, ma le chance di un ritorno non erano mai state così concrete. Il tema però resta congelato fino a domenica, prima c’è la partita. Ad oggi i nomi di Sarri e Spalletti sembrano inarrivabili, ma la finestra resta aperta per giugno. Adesso però serve subito concretezza e un intervento deciso. Oggi la dimensione della Fiorentina è quella di una squadra che deve salvarsi senza ansie, con ampio anticipo per assestarsi nella parte sinistra della classifica.

Perché Cesare? In realtà la domanda è opposta: perché non Cesare? Proviamo a rispondere. A chi ha paura che si sciupi il meraviglioso ricordo che ha lasciato si può dire che Prandelli tornerebbe per amore, per dare una mano in un momento di smarrimento generale. Insomma, nessuno gli chiederebbe il quarto posto come in passato. A chi dice che ha sbagliato troppe scelte negli ultimi anni non c’è una verità sola da replicare. Ma proprio il desiderio di rilanciarsi, unito ad un forte senso di appartenenza e di praticità possono diventare gli ingredienti giusti per ripartire con fiducia, compattezza e con un filo di ottimismo in più verso il domani. “Quando Firenze rema tutta dalla stessa parte può fare grandi cose”. L’ha detto più volte Prandelli, da quindici anni ha scelto questa città come casa sua. Su quella panchina tornerebbe di corsa, accettando anche un incarico fino al termine della stagione.

E poi? Ecco, questa risposta è la più complessa. Ma aprire il ventaglio sulle soluzioni offre una prospettiva che può diventare intrigante. La prima: dovesse far bene, perché non confermarlo ancora? Lui sì che ha mostrato di saper gestire squadre con obiettivi europei. Oppure c’è un’altra ipotesi, ad oggi una suggestione e basta: farlo diventare il direttore del nuovo Viola Park e responsabile del vivaio viola. Quello attuale, Valentino Angeloni, è “prestato” al settore giovanile. Prandelli è stato una vita a Bergamo, come giocatore e allenatore del vivaio. L’Atalanta vanta quello più florido e prospero di tutta l’Italia. “Un centro sportivo porta sette-otto punti a fine stagione” ripeteva come un mantra Cesare. Quando lo diceva lui sembrava un marziano. Oggi che il progetto sta diventando realtà, perché non affidarlo anche a lui che ne era stato un sostenitore in tempi non sospetti? Così facendo non sarebbe un traghettatore, ma il ponte per il futuro della Fiorentina.

Cesare Prandelli

46 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Bob - 3 settimane fa

    Secondo me accetta anche fino a Giugno è un professionista e ha solo da guadagnarci

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Chatazzo - 3 settimane fa

    Una cosa é certa Cesare di calcio ci capisce , di sicuro più di Iachini. Dopo l’europeo perso in finale e un mondiale da censurare una serie di scelte sbagliate , ma io riprenderei subito soprattutto se l’alternativa é continuare con Beppe

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. makier - 3 settimane fa

    Ottima l’idea di dargli la direzione tecnica del nuovo centro sportivo , che diventerà la nostra cantera. Ma non rischieri di bruciarlo come allenatore fino a Giugno
    E nessun allenatore verrebbe qui con un contratto fino a giugno … e quindi saremo alle solite , l’unica soluxione è roprovare con Montella fino alla fine del campio poi vedremo se cambiare tutto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. rberna7_329 - 3 settimane fa

    Cesare lo riabbraccerei stravolentieri, perché sono convinto che ci metterebbe l’anima e, con il tempo, ridarebbe un’identità di gioco alla squadra, ma già mi immagino come va a finire….
    Secondo me con il Parma, con un gollonzo, con un autogol o con una ventata che cambia la direzione della palla, finisce che vinciamo nonostante l’ennesima gara senza gioco e, il nostro Beppe, lo confermeranno alla guida della squadra condannandoci ad assistere alle gare (perché le guarderemo ugualmente) con il solito perenne mal di stomaco. Spero tanto di sbagliarmi. Forza Viola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. epicuro - 3 settimane fa

      Credo che aspettino la sosta. Cambiare a tre-quattro giorni da una partita sarebbe da imbecilli. Tranquillo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ForzaViolaSempre - 3 settimane fa

    Palmares Iachini (non letto da Commisso prima della riconferma):
    Chievo 2008=esonero,
    Brescia 2010=esonero,
    Sampdoria=2012 esonero,
    Siena 2013=esonero,
    Palermo 2015=esonero,
    Udinese 2016 esonero,
    Sassuolo 2018= si dimette,
    Empoli 2019= esonero, Il presidente Corsi a marzo 2019 dopo che Iachini in pratica li condannò alla B disse: “Quando l’abbiamo cambiato è perché ritenevamo che l’impatto fosse esaurito, la squadra non lo seguiva più….” Bene dopo 6 mesi arriva la Fiorentina che lo ingaggia e non solo lo riconferma pure nonostante il suo curriculum. Ma dai continuiamo a darci martellate sui cojoni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. U17imo - 3 settimane fa

      Purtroppo nn fa una piega.
      Tengo anche a dire che Iachini prende una paccata di soldi, non e’ che lo fa per hobby.
      Se i risultati sono questi deve saltare , punto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Barsineee - 3 settimane fa

    Cesare Prandelli tra tutte le soluzioni possibili secondo me è la meno peggio (mi sarebbe piaciuto vedere Semplici o Guidi che è anche meglio, ma sono ancora troppo fragili e potrebbero essere soffiati via al primo spiffero). Quello che mi chiedo è … cosa stanno aspettando? Se sabato si perde e nella pausa chiudono il campionato e si congela la classifica, rischiamo di essere messi in situazioni molto molto spiacevoli. Sinceramente mi sembra anche molto irrispettoso nei confronti di GiocaVeloce Iachini avere già intenzione di sostituire un allenatore a prescindere dal risultato. Cosa lo fai giocare a fare? Questa totale incapacità manageriale è veramente imbarazzante. Spero comunque nell’arrivo di Cesare e un bel ripulisti all’interno di tutto il comparto tecnico. Un settore giovanile che è indegno di una piazza come quella di Firenze, un settore di scouting imbarazzante, un settore atletico i cui risultati sono sotto gli occhi di tutti. Mi auguro che l’arrivo di Cesare porti anche quel che è di Cesare, organizzazione, lavoro, struttura, chiarezza nei ruoli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Claudio50 - 3 settimane fa

    Non sono d’accordo con questa ostinazione contro Iachini, non fa bene ne a lui ne alla squadra. Esperienze di cambi in questi ultimi anni ne abbiamo avute e i risultati ? vicini allo zero, per cui attenzione prima di cambiare tanto per cambiare, perche’ potrebbe essere la squadra ricca di incognite.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. riccioloviola - 3 settimane fa

      Sarai sicuramente di qualche squadra strisciata ! Vedere la Fiorentina perdere ti fa’ piacere ! Aria ! Come fai ancora a difendere quell’incapace!!!via via senza pietà. No vittorie? No gioco ? NO PANCHINA !!!!!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. tonipilat_1415134 - 3 settimane fa

      esperienze di cambi ne abbiamo avute e risultati zero? e lo stesso cambio montella-iachini cosa ha dato? il cambio porta zero se fatto in ritardo!! oggi, con poche partite disputate e la possibilità per il nuovo tecnico di dare un’identità e una direttiva anche per io mercato di gennaio, il cambio non è visto come uno sfizio, ma come una necessità!! La squadra non solo non diverte, il che potrebbe essere anche non grave, ma non ha un’identità, un’ anima!! Iachini deve farsi da parte!! E dopo di lui Pradè!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. senesifranc_12056885 - 3 settimane fa

    Condivido ogni parola di quanto è scritto nell’articolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. alesquart_3563070 - 3 settimane fa

    Rispondo a Giorgio.Farinell974
    Onestamente anche io ricordo la tendenza della squadra a soffrire in più di una partita, ma non per problemi atletici, ma di concentrazione.
    Il problema più serio di Prandelli, a mio parere è che da molto tempo non allena a livelli di eccellenza e ha avuto spesso problemi con la dirigenza, a quanto pare, per mancanza di garanzie tecniche sul rafforzamento della squadra. Questo col Galatasaray, Valencia e Genoa (vabbè con Preziosi è la regola). Però c’ha messo pure del suo. Insomma, è un rischio pure lui. Certo comunque meglio di Iachini…a prescindere dalla situazione attuale

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. damci - 3 settimane fa

    Io trovo che l’idea fi fargli dirigere il centro sportivo ed il settore giovanile sarebbe eccezionale.Per quella di allenatore da subito e fino a giugno fra le meno peggio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. 29agosto1926 - 3 settimane fa

    Se qualcuno legge qualcosa di “glover” può avvisare? Grazie, sono fortemente preoccupato per la sua assenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Barsineee - 3 settimane fa

      sta tessendo un enorme lenzuolo con dedica “grazie Pradè!”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. 29agosto1926 - 3 settimane fa

      E’ Vivo. Glover c’è! Ha messo 4 pollici verso. E’ lui! Se ci sei batti un colpo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. 29agosto1926 - 3 settimane fa

    Da tutta questa situazione vengono fuori delle soluzioni che non sono opinabili ma obbligatorie, vuoi per un motivo (Economico) vuoi per un altro (Tecnico).
    Occorre dire, prima di tutto che CAPA TOSTA per non farsi carico delle sue responsabilità ed assumersi gli errori 8tanti) che ha fatto preferisce farci precipitare in un vortice pericoloso dal quale potremmo uscirne, anche, con le ossa rotte.
    Per prima cosa. Avete visto Pradè? Avete sentito dire qualcosa da parte sua su questa situazione? Joe? ha parlato?
    Questo vuol dire che CAPA TOSTA oltre che ha sbagliare sta creando una profonda frattura nella società per essersi messo contro il settore tecnico (tra l’altro scelto da lui) e le decisioni che aveva preso (Leggasi Juric!)
    Detto questo non SI DEVE uscire dal duo Prandelli- Montella per i motivi di cui sopra.
    Prandelli verrebbe per amore e accetterebbe anche un contratto con delle clausole sui traguardi raggiunti e, soprattutto sul gioco espresso.
    Montella oltre a non costare niente, avrebbe a disposizione quegli uomini che Pradè, o chi per lui, non gli aveva acquistato, quando era l’allenatore.
    Altre soluzioni sono improponibili, per il momento, vuoi per motivi di bilancio (o meglio dire di Braccino?) vuoi perché non siamo appetibili per nessuno se non pèer tecnici del nostro livello (Mazzarri, Semplici, Ballardini).
    Insomma, riepilogando, PER ORA, e sottolineo PER ORA, il nostro amato CAPA TOSTA ha fatto più danni che altro (Non tiriamo in ballo il CS perché quello è un investimento e non un regalo!) e lo conferma il fatto che stiamo perdendo tempo nella sostituzione di un allenatore che non vuole più nessuno. O Meglio che vuole solo CAPA TOSTA!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ilRegistrato - 3 settimane fa

      I 25 milioni l’anno che dà alla Fiorentina per il gran privilegio di vedere scritto Mediacom sulle maglie viola sono un investimento o un regalo?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 29agosto1926 - 3 settimane fa

        È pubblicità e stai tra suillo. He comprando la Fiorentina ha fatto un affare.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. IlDante - 3 settimane fa

          mah..

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Bob - 3 settimane fa

          Pubblicità su mediacom che è in USA??? Ah ah ah

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Violaviola - 3 settimane fa

        Un regalo? No si chiama pubblicità, mai sentito questo termine?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Daniel Sempere - 3 settimane fa

          Pubblicità ad un’azienda che in Italia non lavora e sulle maglie di una squadra che all’estero non va!
          Si tratta, in realtà, di un modo legittimo di finanziare la società e di aumentare il fatturato (anche in ottica fair play finanziario).

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. 29agosto1926 - 3 settimane fa

            E do portare in detrazione dal bilancio Mediacom. O no?

            Mi piace Non mi piace
    2. Eroe - 3 settimane fa

      Ci sono alcuni tifosi proprio non si possono leggere quello che ripete 10 volte “capa tosta” ma chi sei per offendere una persona a cui dovresti baciare i piedi, abbiate fiducia volete fare la fine del Livorno? Ma vi rendete conto che il calcio è sull orlo del fallimento. Detto questo anche io sarei per sostituire Beppe nostro ma abbiate fede.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Unsenepoppiu - 3 settimane fa

        E’ solo un nostalgico dei veri bracci i D.V.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. 29agosto1926 - 3 settimane fa

          Sono un nostalgico della Fiorentina. Si vede che segui poco. Ma hai ragione Rocco non ha sbagliato niente. Tutti proni a buho in sù

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. 29agosto1926 - 3 settimane fa

          11 anni in Europa. E unsenepopiu si scribe con una P sola.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. 29agosto1926 - 3 settimane fa

        Eroe, non credo che CAPA TOSTA sia un offesa ma un modo calabrese di dire Testa dura. Se poi è un offesa mi dispiace, non era mia intenzione. In quanto a baciare i piedi io non lo faccio con nessuno quindi tanto meno con Rocco. Se tu vuoi baciare i suoi piedi fai pure, contento te.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Eroe - 3 settimane fa

          Allora credi che ci sia la fila per tenere la Fiorentina? Fra abbonamenti e spettatori si perdono 20milioni l’anno dagli tempo di capire di chi si può fidare e di chi vuole fregarlo.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. 29agosto1926 - 3 settimane fa

            Non sa farlo. Decide solo e sempre di testa sua e non è in grado di farlo perché non siamo in America e il calcio qui non è divertimento

            Mi piace Non mi piace
    3. MolisanoViola - 3 settimane fa

      Effettivamente siamo in queste condizioni solo per decisioni del Presidente che da orgoglioso calabrese, non vuole riconoscere i suoi errori e se non c’è qualcuno che lo ferma, faremo una brutta fine. Lui deve dare la Fiorentina in GESTIONE a persone con le PALLE di calcio, che sanno come muoversi, lui, non deve entrare nell’area tecnica, visto che non è il suo mestiere, deve pensare al CS, allo Stadio, ma all’area tecnica no! Certo chi gestisce, deve rendere conto dei successi o degli insuccessi, se non fa questo, ci ritroveremo con una Viola quasi peggio dei DV, io ho contestato fino alla fine i DV, speriamo di non fare lo stesso con Commisso

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Violapersempre - 3 settimane fa

    Ho ottimi ricordi di Cesare, della Fiorentina che godeva in Europa, e si imponeva in campionato, e soprattutto un grande lato umano un conoscitore di calcio e col tempo in conoscitore della piazza difficile e esigente che è la nostra. Per me sarebbe il ribenvenuto, ma al di là delle parole serve che la proprietà capisca i forti errori ripetuti. Non si prende Cesare tanto per fare. Si prende Cesare per fargli fare adesso e per costruirgli un dopo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Naz1960 - 3 settimane fa

    Il bravo allenatore è colui che riesce ad elevare ad un livello superiore i propri giocatori, facendogli esprimere secondo le propri caratteristiche e attitudini, e Cesare questo lo sa fare benissimo. In questo momento sarebbe il massimo come allenatore della Fiorentina, anche più dei vari Sarri e Spalletti, i quali hanno bisogno di partire da 0, programmando tutto a tavolino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. gianni69 - 3 settimane fa

    Ma si dai torna Cesare e insegna a vlohiv qualche trucco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianni69 - 3 settimane fa

      Correggo:vlahoviccivic

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Dellone68 - 3 settimane fa

    Per me Prandelli sarebbe il benvenuto (diciamo pure il bentornato). Se facesse bene certo che dovrebbe essere confermato, ci mancherebbe. Staremo a vedere che cosa accadrà nelle prossime giornate. Forse lui sarebbe in grado di calmare la nostra piazza, che fra Covid ed altro sembra sempre più insofferente e fuori da ogni logica. La rosa dei giocatori è di livello medio alto, si può arrivare in UEFA con questi giocatori, basterebbe farli giocare nel loro ruolo. Sempre Forza Viola.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mannuccigabriele7_14377276 - 3 settimane fa

      Anche allenarli un po meglio ormai che siamo a migliorare…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. N_q - 3 settimane fa

    Le infrastrutture sono necessarie ma non sufficienti a raggiungere obiettivi più grandi, serve una progettualità sportiva chiara che oggi alla Fiorentina manca in maniera preoccupante.
    La proprietà è cambiata ma le facce sono le stesse tranne Barone che, pur facendo i salti mortali, è stato catapultato da una realtà come quella US a quella Italiana/Europea completamente diversa (e, con tutto il rispetto, non mi sembra essere l’Elon Musk del calcio internazionale).
    Sono 15 anni che si alternano a rotazione i soliti due DS, vi pare normale?
    La bella favola di Rocco per cui non licenzia i suoi dipendenti può aver senso se subentri in una società dove tutto funziona già bene (e non mi pareva fosse così) o se riesci a portare le tue best practise (quelle dei Cosmos?) e gli attuali dipendenti le digeriscono senza problemi.
    Io sono serimanete preoccupato per questa assenza di managerialità e visione, altro che stile USA.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. gerrone - 3 settimane fa

    prandelli uomo di valori assoluti sarebbe perfetto per lavorare nel settore giovanile viola nel nuovo viola park ….un uomo che sa trasmettere valori importanti, che farebbe crescere tecnicamente è umanamente i giovani .
    inoltre per un anno sarebbe più che ottimo non sarebbero soldi gettati restando poi in società .
    mi dispiace ed per iachini che ha tanto cuore ma non è in grado ….a giugno sarri o spalletti per me di possono convincere , tutto sta a vedere cosa offre la società non tanto a livello di stipendio , ma come garanzie tecniche acquisti cessioni e libertà di operare e budget …,,qui si vedrà cosa vogliono fare ….se con un anno di tempo non si riesce a pianificare la scelta di un tecnico valido d un Ds migliore di gotine siamo più indietro di quello che di pensava ….ma diamo fiducia dono a prova contraria

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. giorgio.farinell_974 - 3 settimane fa

    Ma sono solo io a essere preoccupato dal possibile arrivo di Prandelli?
    Temo non sia la persona adatta a ridare un gioco alla squadra.
    Giocavamo con tanta intensità ma duravamo mezz’ora massimo. Dopodiché si soffriva.
    Non lanciava giovani, voleva sempre gente esperta. Insomma a me non è mai piaciuto tanto. Credo che all’epoca la squadra fosse una signora formazione e alla fine con lui non abbia tirato fuori il massimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Nicco - 3 settimane fa

      Se hai dubbi su prandelli adesso è in tuo pensiero e lo rispetto, ma dire che nel ciclo che ha avuto a Firenze si durava mezz ora e nn tirava fuori il meglio dai giocatori a disposizione è una bestemmia, forse nn ti ricordi bene le notti di champions, Liverpool , Bayern ecc.. io fossi in te farei un ripassino, e comunque sempre IACHINI OUT

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. giorgio.farinell_974 - 3 settimane fa

        Si, hai ragione, abbiamo fatto delle signore partite, non volevo proiettare un’ombra sui tanti bei momenti vissuti in quel ciclo. Personalmente però credo che il tipo di gioco che adottava, molto dispendioso fisicamente, non ci consentisse di controllare le partite e quindi alla fine non facevamo mai il salto di qualità definitivo. E sono d’accordo che il buon Beppe purtroppo non è adatto. Forza viola

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. mannuccigabriele7_14377276 - 3 settimane fa

      Rispetto la tua opinione ma credo di sì, sei il solo ad avere dubbi sul ritorno di Prandelli. Per me lui fino a giugno poi in società. E aggiungo: ma cosa aspettano ancora!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. antonio capo d'orlando - 3 settimane fa

      Giorgiofarinelli, se il problema è la durata del gioco, ora con i cinque cambi, puoi fare un’altra partita. Per me, dopo Sarri e Spalletti, è la terza opzione! FV

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy