Neto chi? Tatarusanu si prende la sua (doppia) rivincita

Neto chi? Tatarusanu si prende la sua (doppia) rivincita

Il portiere romeno, seppur poco reclamizzato, è uno dei grandi protagonisti della Fiorentina capolista

di Simone Bargellini, @SimBarg

Uno si eccita a sentire la musichetta della Champions e poi guardare la partita dalla panchina, l’altro si gode il primato in classifica e quello della porta meno violata del campionato. Loro sono, ovviamente, Norberto Neto e Ciprian Tatarusanu. Protagonisti delle sliding doors della Fiorentina dagli esiti, al momento, straordinari. Sul brasiliano e la sua scelta di andare a fare la riserva alla Juve si è già detto e scritto tutto, ciò che ci interessa evidenziare qui è soprattutto il rendimento del romeno, su cui persistevano dubbi di natura fisica e, in qualcuno, anche di natura tecnica. Questo inizio di stagione sembra cancellarli tutti.

Nel primo posto della Fiorentina in classifica c’è anche lo zampino, anzi i guantoni, di Tatarusanu. Il portiere meno battuto della Serie A – toccate pure ferro in prospettiva – non certo per caso. Decisivo in tante gare, su tutte quella con il Carpi dove ipnotizzò due volte Borriello. Ma anche contro il Bologna, dove poteva cambiare tutto se sullo 0-0 il Tata non avesse salvato su Destro. Idem, se vogliamo, domenica scorsa contro l’Atalanta, quando ha evitato un gol già fatto (Maxi Moralez) che avrebbe portato il risultato in parità.

Insomma l’ex riserva di Neto non sta facendo certo rimpiangere il suo predecessore che rischia di fare la fine dei tanti che hanno lasciato Firenze sbattendo la porta… per poi finire nell’anonimato. Per ora fa panchina in una squadra a -10 dai viola, poi si vedrà.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy