Montella, l’uomo in prestito dal futuro (di cui non vuole parlare)

Montella, l’uomo in prestito dal futuro (di cui non vuole parlare)

Montella è arrivato a Firenze in anticipo rispetto ai programmi di Della Valle. E il futuro? Adesso non ne vuole parlare… Che venga anticipato dai Della Valle anche in questo?

di Stefano Rossi, @StefanoRossi_

E’ tornato prima del previsto. Per cercare di salvare la stagione dopo che Pioli, irritato dal comunicato della società, ha preferito lasciare. Vincenzo Montella, in qualche modo, è stato preso in prestito dal futuro. Diego Della Valle, azionista di riferimento, lo ha voluto. Aveva pensato a lui per l’estate, come simbolo di rinascita visto che ormai sette anni fa la ricetta funzionò. Certo, in questi casi non esiste la carta velina. C’è molto di più. Ma Montella è sinonimo di bel calcio, di gioco divertente dopo mesi in cui lo spettacolo è divenuto solo un ricordo.

L’annata della Fiorentina è praticamente già chiusa, manca un punto per la salvezza. Poi calerà il sipario, resteranno due ricordi piacevoli: la vittoria in campionato a San Siro e il trionfo per 7-1 contro la Roma. Il resto farà volume negli almanacchi della storia. In questo momento Montella si ritrova con un gruppo che ormai ha perso le certezze ed i riferimenti, e che sa che presto sarà smantellato per buona parte. E il futuro? La domanda, in conferenza stampa, comincia a infastidire l’aeroplanino. Pur consapevole che questo momento di difficoltà non dipenda da lui, Vincenzino vorrebbe lasciare anche un segno nel presente. Come? Magari vincendo contro il Milan, squadra che amava da ragazzino che ormai due anni fa lo ha scaricato. Poi anche parlare del domani – al contrario di quanto avvenuto anche dopo la sconfitta di Empoli – si potrà fare con serenità ed il sorriso. Soprattutto se – come anticipato da La Nazione – prima di lui saranno i Della Valle a raccontare le loro idee alla città.

Violanews consiglia

50° anniversario secondo scudetto Fiorentina, domani la presentazione del libro “Campioni”

Napoli, apertura per Diawara: può rientrare nell’affare Veretout

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Pierre - 7 mesi fa

    Si ma sette anni fa Montella poteva contare su Pradè, con cui aveva un ottimo rapporto, ora ha Corvino. Non mi sembra proprio la stessa cosa!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Gasgas - 7 mesi fa

    Pur stimandolo, non lo avrei ripreso. Non funzionano bene le minestre riscaldate nel calcio. Comunque oggi c’è, viva Montella.
    Non transigo sul DG, quello va sostituito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dellone68 - 7 mesi fa

      GasGas, non ho più bisogno di scrivere sul blog, ci sei tu che, in questo momento, esprimi esattamente quello che dico io. Spero che la cosa non ti dispiaccia.
      Saluti e SEMPRE FORZA VIOLA.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Gasgas - 7 mesi fa

        Abbiamo le solite vedute. E non siamo soli.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy