Montella al miele: “A Firenze anni meravigliosi, la città è unica. Ritorno? Chissà in futuro…”

Montella al miele: “A Firenze anni meravigliosi, la città è unica. Ritorno? Chissà in futuro…”

“A Firenze ho passato tre anni meravigliosi, una città unica. Sono stato benissimo…”

di Redazione VN

Vincenzo Montella ha concesso un’intervista a Radio Anch’io Sport su Radio1. Vi proponiamo alcune dichiarazioni dell’ex allenatore viola:

Non so quando rientrerò, adesso mi sto godendo le vacanze e mi sto riposando. Sono disposto a lavorare ancora all’estero, mi piace allenare fuori così come in Italia.A Siviglia è finita male, non me lo aspettavo perché avevo fatto una bella rincorsa nelle coppe. Allenare di nuovo la Fiorentina o il Napoli? A Firenze ho passato tre anni meravigliosi, una città unica. Sono stato benissimo, però adesso lasciamo lavorare gli allenatori che ci sono in tranquillità. Vediamo il futuro cosa ci riserva, sono due squadre che porto nel cuore. Il Napoli di Ancelotti sta trovando la sua identità, è più pragmatico. I trofei si vincono così e non sempre giocando in maniera eccezionale, ce lo dice la storia. I giovani? Io credo che ogni allenatore voglia vincere. La Fiorentina per esempio sta facendo giocare i giovani italiani, quelli bravi. Probabilmente servirebbe un vincolo per far giocare i giovani italiani rispetto agli altri. Coppe Europee? Hanno fascino, io ho fatto bellissime esperienze soprattutto con la Fiorentina.

Violanews consiglia

Sampdoria, il ds Osti avvisa i viola: “L’attacco sta bene. E adesso subiamo meno”

Lafont corre contro il tempo, ma non c’è fretta: Dragowski ha convinto

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Dellone68 - 10 mesi fa

    I cavalli di ritorno difficilmente hanno raggiunto buoni risultati. Fra gli allenatori ricordo Agroppi. La prima esperienza si concluse con il terzo posto, la seconda con la retrocessione e lui arrivò e se ne andò poco dopo. Negli anni settanta mi ricordo che tutte le volte che la Fiorentina era in crisi richiamava Chiappella. Chiappella era stato un allenatore vincente qua. Quando tornava l’obiettivo era la salvezza e, da questo punto di vista, ci siamo sempre salvati. Insomma, per dire che le esperienze che vengono fatte sono uniche e non sono ripetibili allo stesso modo. Forse Montella potrebbe tornare, ma penso che potrebbe avere qualche “chance” di combinare qualcosa di buono solo con una nuova proprietà. Resta la nostalgia di un bel periodo pieno di soddisfazioni. Per ora, secondo il mio modestissimo avviso, quel periodo non è ripetibile. Ovviamente ci spero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giambo - 10 mesi fa

    Spero proprio di no. Se ne andò sbattendo la porta, convinto di essere un fenomeno, e da allora ha solo preso mazzate sui denti. Lottando per la salvezza alla Samp, esonerato al Milan ed esonerato a Siviglia. Ed ora liscia il pelo per tornare modello figlio prodigo. Stia dov’è, che è meglio per tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. 29agosto1926 - 10 mesi fa

    Secondo me Montella ha espresso un bel calcio fino a quando gli avversari non lo hanno capito e non si sono adeguati costringendolo a fare, successivamente, un calcio fatto tuttio di passaggi laterali e possesso palla al solo fine, appunto di tenere la palla. Non a caso il modello Barcellona ne ha subito le conseguenze fino ad essere sorpassato da un calcio più verticale e incisivo.
    Sono, però, d’accordo che ci siamo divertiti molto nei primi periodi della sua presenza a Firenze e gli riconosco di avere detto una grande verità non da tutti accettata ma asollutamente corrispondente alla realtà della piazza di Firenze e che ancora oggi tanti non vogliono capire. Firenze non conosce la sua reale dimensione!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Aoi_Haru - 10 mesi fa

    Spero proprio di no. Esonerato ovunque, anche da noi il suo gioco tutto orizzontale mi urtava i nervi. Non avesse avuto gente come Pizarro e Joaquin avrebbe fatto gli stessi risultati visti recentemente. Ci sono in giro allenatori come Semplici, De Zerbi, Giampaolo, sarebbe masochismo tornare a Montella.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. terza gamba - 10 mesi fa

      quando giocano bene sono bravi i giocatori.. quando male è colpa dell’allenatore!
      questi commenti sono insipidi!
      la fiorentina di Montella è stata, a livello di gioco, una delle cose più belle realtà viste in italia recentemente.. detto da tutti!!
      partite come quella con l’inter (il pallone è quello giallo) forse le rivedrai nel 2000mai..
      record di vittorie esterne! vittorie agili a Milano e roma che rivedrai nel 2000mai..
      e quel gioco ti ha portato a fare 4 quarti posti (e un terzo rubato dal milan con i rigori) che equirrebbero oggi a 4 qualificazioni champions e rivedrai nel 2000mai..

      qui non è questione di fare la “vedova” di montella… ma di dare a cesare quel che è di cesare !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. JIC - 10 mesi fa

        bravo sono d’accordo
        e vorrei precisare che forse non ce le siamo godute abbastanza quelle stagioni
        ora stiamo capendo cosa vuol dire
        siamo tutti qui a fare le firme per i settimi/sesti posti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Aoi_Haru - 10 mesi fa

        Di insipido c’è il tuo di commento. Non riesci a renderti conto di cosa intendevo dire tra le righe. Ho detto che odiavo il gioco tutto orizzontale di Montella e ricordo bene partite passate a passare il pallone a ridosso dell’area di rigore avversaria senza né tirare da fuori né riuscire ad entrare. Se te godevi per un gioco del genere beh, complimenti. Un possesso palla totalmente sterile che ha causato l’esonero di Montella da ogni panchina. Bellissimo devo dire … un finto gioco alla spagnola, una brutta copia di Guardiola. Joaquin saltava l’uomo, mentre Pizarro aveva lanci lunghi. Insomma, giocate che fortunatamente riuscivano a dare un po’ di imprevedibilità al gioco ridicolo di Vincenzino.
        Ventimila volte meglio il primo Sousa, con cui eravamo se è per questo PRIMI ad un certo punto, non quarti. Peccato per il Sousa in sala stampa. Come persona preferisco Pioli ad entrambi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy