Mancini su Chiesa: “Ancora non tira come suo padre ma può diventare devastante”

“Chiesa? E’ devastante nell’uno contro uno, va quasi sempre via. Deve migliorare su altre cose come cross e passaggio”

di Redazione VN

Ospite negli studi di Sky Calcio Club, il ct della Nazionale Roberto Mancini ha parlato così:

Per tutti gli italiani il mancato Mondiale è stata una tragedia. Appena arrivato ho pensato di ridare tranquillità ai ragazzi, che non lo erano dopo una sconfitta così importante. Ci sono giocatori bravi tecnicamente, ci vorrà anche tanta pazienza. La speranza è che possano giocare, perché di qualità ne hanno. Dei tre davanti è chiaro che quello che può fare più gol di tutti è Insigne. Chiesa è ancora ragazzo, non sente ancora il gol. Bernardeschi può averlo ma ha un altro tipo di gioco, è molto tecnico e veloce. Se Belotti, Immobile, Balotelli, Zaza e altri giovani segnano noi siamo felici. Serve l’attaccante che segna. Prendete Icardi: è lì e sai che fa gol. Crescita Chiesa? Non tira come suo padre (ride, ndr) ma è devastante nell’uno contro uno, va quasi sempre via. Deve migliorare su altre cose come cross e passaggio. Potenzialmente può avere tanti gol nelle gambe. A volte si perde, comincia fortissimo e cala, ma crescerà con l’esperienza. Non ci dimentichiamo che ha appena ventuno anni, potrebbe ancora giocare in Under 21 come Donnarumma, Barella, Pellegrini. Zaniolo? L’ho convocato perché l’avevo seguito alle finali Under 19 e aveva fatto bene, c’era curiosità di vederlo. Uno come Tonali lo vedi in partita, lui non ancora. Io penso anche al Mondiale, non sono all’Europeo, e di quella generazione ne possono arrivare tanti.

Violanews consiglia

VIDEO VN – Pioli su Pjaca e Simeone: “Possono dare di più, partita non semplice per attaccanti”

Lotti sullo stadio: “Della Valle, siate tranquilli. Continuità amministrativa importante per il progetto”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy