Lotti sullo stadio: “Della Valle, siate tranquilli. Continuità amministrativa importante per il progetto”

Lotti sullo stadio: “Della Valle, siate tranquilli. Continuità amministrativa importante per il progetto”

“Comunicato della Fiorentina? Sembra che i 6 mesi da calcolare debbano partire da novembre, a differenza di quello che ritiene il Comune”

di Redazione VN

Luca Lotti, ex ministro dello Sport, ha parlato così dei temi legati alla Fiorentina a Lady Radio:

Ieri contro il Cagliari ho visto una squadra che ci ha provato. Aveva meno piglio rispetto ad altre occasioni ma la partita poteva finire anche 2-1. Il gruppo è giovane e può arrivare veramente lontano se continua a crescere con i consigli e la gestione di mister Pioli. Dipendenza da Chiesa? E’ ovviamente un grandissimo giocatore. Però credo che la Fiorentina possa puntare anche su un bel gruppo di giovani. Simeone per esempio non fa gol da un po’, ma se si riprende può fare bene anche lui. Come si cambia il calcio? Io spero che si riesca a ripartire dai fondamentali. Dall’educazione dei genitori sugli spalti fino alle riforme più grandi riguardo la Governance, il calcio deve riuscire a guardarsi allo specchio e voltare pagina. Lo stadio? Credo che ogni squadra di Serie A si debba costruire uno stadio di proprietà che garantisca quei servizi che uno spettacolo come il calcio necessita. C’è una norma che facilita tutto questo e le società, tutte, devono fare in modo che ci sia uno stadio di proprietà in ogni città. Comunicato della Fiorentina? Sembra che i 6 mesi da calcolare debbano partire da novembre, a differenza di quello che ritiene il Comune. Ma aldilà delle date, io spero che la Fiorentina abbia avvero voglia di andare fino in fondo altrimenti l’amministrazione avrebbe perso del tempo. Mi auguro che si acceleri un po’ e che si arrivi al più presto alla costruzione dello stadio. Le preoccupazioni della proprietà viola sono comprensibili, ma gli atti sono volti e cambiare un percorso amministrativo anche da una nuova amministrazione sarebbe troppo difficile. La continuità amministrativa di chi arriva deve sempre essere tutelata. Mi sento di togliere questa preoccupazione ai Della Valle: quale amministrazione avrebbe voglia di dire che lo stadio non si fa più? Sarebbe una decisione quantomeno da dire in campagna elettorale, quindi si saprebbe con largo anticipo. I conti delle squadre di calcio? Anche questo deve essere oggetto di riforma. In realtà qualche regola già c’è, bisognerebbe riuscire a metterle in pratica magari uniformandole anche a livello europeo. La situazione con il Milan è stata pressoché paradossale.

Violanews consiglia

Pioli: “Abbiamo fatto di tutto per vincere, ma non era la nostra giornata. Siamo in crescita”

Nuovo stadio, a novembre incontro tra Nardella e A. Della Valle

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy