“La Fiorentina si spegne all’improvviso, ora temo la retrocessione”

Il parere di Stefano Cecchi

di Redazione VN
Prandelli

Stefano Cecchi, firma de La Nazione, ha parlato ai microfoni di Radio Bruno Toscana:

Nei 20 minuti iniziali la squadra c’era ed aveva una logica, poi la Fiorentina ha preso un gol stupido e si è persa. La Fiorentina ha avuto un buon approccio alla gara ma come con Iachini si è spenta senza preavviso. Questo mi preoccupa, e Prandelli sa che dentro questa squadra c’è qualcosa che non funziona. La rosa non riesce ad essere squadra e probabilmente alcuni giocatori non sono bravi quanto si pensava. Ribery sembra in emergenza fisica ed anche Castrovilli non danza più come un tempo. A me ieri un po’ di paura è entrata, lo ammetto. Anzi lo dico ufficialmente, da ieri temo la retrocessione.

VIDEO – Amrabat: “Dobbiamo lavorare duro, ora pensiamo al Genoa”

(Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

 

33 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dallapadella - 2 mesi fa

    Il momento è critico ma con pazienza se ne viene fuori

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. andrea333 - 2 mesi fa

    La difesa è imbarazzante ,l’attacco inesistente .Con Prandelli abbiamo visto forse un po’ più di gioco offensivo, anche se sterile. Però ho l’impressione che la difesa sia peggiorata. Comunque lasciamolo lavorare perché è appena arrivato e i colpevoli di questa situazione sono altri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Fabio - 2 mesi fa

    Buonasera a tutti,
    quando una squadra riesce a salvarsi l’ultima giornata , attenzione ringraziando altri risultati,
    l’unica cosa da fare era vendere tutti i giocatori che facevano parte di quella rosa e ricostruire una nuova squadra.questo lo dico per esperienza passata.naturalmente non in serie A, ma cmq fatte le dovute proporzioni la cosa non cambia.
    come si puo vedere i problemi che si erano creati prima non si risolvono, perche la radice è questa e se non riesci ad estirparla puoi comprare chi ti pare ma poi il problema rimane.
    ora chi sia la radice non lo so, e non mi venite a dire che è la proprietà, oppure quel dirigente ( si ci sono dirigenti anche migliori ) ma il problema rimane anche con altri dirigenti se confermi alcuni giocatori che chi siano non sono ancora riuscito a stabilirlo ma vi garantisco che ci sono , ma lo fanno anche inconsapevolmente.
    quindi per respirare aria migliore l’unica cosa è fare reset.
    ora mi rivolgo hai tifosi fiorentini, la dobbiamo smettere di fare amarcord , i tempi sono cambiati e se tifiamo un giocatore inconsapevolmente faccia un danno alla squadra.
    l’epoca Antognoni , Riva, Rivera, Totti è finita.
    Oppure dire mettiamo Galliect. scusate ma ci sono gia stati e sono a casa, quindi pensate a queste cose prima di scriverle su questo sito e dichiararle dentro un bar anche se sono
    chiusi.
    saluti e speriamo di non andare in serie B , perche sarà difficile se non ti aiuta la federazione risalire in serie A.
    saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. MixViola - 2 mesi fa

    Oggettivamente: Esseryc e Montiel, dopo aver dato prova di essere tra più in gamba del mazzo sono stati subito riaccomodati in soffitta. La sindrome di Prandelli pare quella che gli ha fatto prendere l’imbarcata in finale europea contro la Spagna: guardare alle ‘gerarchie’, col risultato di mandare in campo gente montata e soprattutto spompata.
    Umiltà, competizione, lottare per il posto da titolare, tutte cose fuori dai radar nella viola di oggi e Prandelli sembra volerci mettere il timbro, proponendo uno spettacolo che, a meno di imponderabili inversioni di rotta, rischia di essere drammatico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Felipe - 1 mese fa

      Giustissimo, io metterei in campo solo chi ha fame e deve dimostrare qualcosa…..Cutrone, Eysseric, Montiel, Igor, Lirola, Saponara, Borja……….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Claudio50 - 2 mesi fa

    Si continua a dire, al primo gol preso si…purtroppo non e’ il primo gol che prendono sono parecchie le partite che la difesa vanifica tutto l’impegno che qualcuno ci mette con delle coglionate e se metti la incapacita’ di creare occasioni gol e’ facile pensare che si scoraggino facilmente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. franco55 - 2 mesi fa

    Non drammatizziamo lasciamo lavorare Cesare, anche se la paura c’è questa non è una squadra non si può andare in crisi dopo un gol subito bisogna che il mister gli faccia sputare sangue e tirare fuori le palle chi non lo fa fuori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. perorin - 2 mesi fa

    caro cesare tante volte durante la conduzione di Iachini ho letto tue interviste dove dicevi qua e la, amrabat no regista, e tante cose…
    ma ora che sei subentrato è piu difficle parlare da esterno eh?!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. MASO72 - 2 mesi fa

    Ma a me sembra che più che Castrovilli, che copre sempre ampie zone di campo, il problema in questo momento sia Callejon. Ok diamogli tempo per entrare in forma, ma a me sembra uno che si trova qui per caso, a volte mi sembra addirittura che tiri indietro la gamba. Speriamo che si riprenda perché lui potrebbe darci un aiuto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Bob - 2 mesi fa

    Tranquilli ci pensa Pradè a Gennaio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. flanari69 - 2 mesi fa

    Ma fattene una ragione e presto. Guarda ti concedo fino a lunedì prossimo quando avrai perso pure col Genoa in casa. Passeremo un giorno a masticare amaro poi conviene guardare al prossimo anno e preparare una squadra per la B. Via tutti gli over e facciamo solo giocare che avrà prolungato il contratto. Dalla B quest’anno non ti salvi. Hai tirato troppo la corda e non meriti la serie A.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. augustosandol_5670139 - 2 mesi fa

    Momentaccio che dura da troppo tempo. Purtroppo questi ci sono e con questi si deve uscire fuori. Ad esempio io metterei fuori Caceres, Biraghi, Pezzella, Callejon, Ribery che non sono in condizioni di andare avanti in questa fase e butterei dentro Igor, Quarta, Barreca, Duncan, Cutrone che hanno sicuramente voglia di giocare. Almeno porterebbero entusiasmo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Xela - 2 mesi fa

    il problema non è che manchino i giusti innesti in attacco o in difesa, il problema è che questo è un gruppo che non è un gruppo e se dopo mesi non l’hai formato vuol dire che c’è da resettare e ripartire. facile rimpiangere chiesa, simeone o altri che fino a che sono stati qui sono stati infamati dalla mattina alla sera. il fatto è che fuori di qui i giocatori funzionano (vedi ambrabat), qui no. quando è così il problema non è solo tattico ma riguarda lo spogliatoio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. antonio capo d'orlando - 2 mesi fa

      La scomparsa di Davide, ci ha distrutti perchè non c’è nessun italiano in rosa che abbia carisma. FV

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. iG - 2 mesi fa

        Ma che centra DAVIDE ASTORI, nulla centra
        centra l’ incapacita’ cronica di chi e’ deputato a fare il mercato PRADE’ e ANTOGNONI

        Vorrei vedere gente piu’ abile scaltra intelligente e intrallazzata al TIMONE. GIOVANNI GALLI per ESEMPIO

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. BVLGARO - 2 mesi fa

          gente di calcio che non dorme la notte per scovare giocatori…come diciamo da tempo tutti compreso il bolscevico

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Commisso Vattene - 2 mesi fa

    Commisso Vattene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Commisso Vattene - 2 mesi fa

    Commisso Vattene.
    Peggiore proprietà di sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BVLGARO - 2 mesi fa

      trovami un’altra proprietà che ha pagato 250 milioni sull’unghia per questo gubbio di matti come te

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. iG - 2 mesi fa

      PEGGIO della ditta BRACCINI&BRACCIALETTI (che in 18 anni ha portato ZERO titoli) lo potrai forse dire tra 17 anni
      ciao COCCO

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BVLGARO - 2 mesi fa

        se siamo in queste condizioni la colpa è della misera qualità della rosa lasciata dopo lo smembramento corviniano del 2017

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. BVLGARO - 2 mesi fa

        però se dobbiamo essere onesti… fino al 2009 è stata una grande Fiorentina. Poi hanno chiuso i rubinetti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Paolo - 2 mesi fa

    Ha ragione il giornalista Stefano Cecchi: anch’io, come lui, sono convinto che questa squadra non ha un minimo di reazione e di carattere quando si trova in difficoltà, vale a dire quando è sotto anche di un solo gol in partita e pertanto temo moltissimo che alla fine possiamo realmente finire con il retrocedere in B.

    Sono troppi i giocatori viola che sono o fuori forma fisica o, in qualche modo, apparentemente demotivati davanti ad avversari di ogni tipo e di ogni squadra, talvolta anche molto meno titolati di loro (come ad esempio quelli del Benevento, dello Spezia, ma non solo).

    Francamente, a questo punto, visto che molte fra le squadre cosiddette “abbordabili” le abbiamo già incontrate e, come si è visto, con risultati purtroppo scarsissimi, non riesco proprio a farmi un’idea di come possiamo venir fuori da questa tremenda situazione.

    Il fatto che si giochi in casa o fuori in stadi senza pubblico, non mi torna tanto come giustificazione alle prestazioni opache e ai risultati pessimi, soprattutto perché anche i nostri avversari giocano in condizioni analoghe e poi nell’ultima parte dello scorso campionato (anche giocando senza il pubblico presente), tutto sommato la squadra viola in qualche modo aveva reagito abbastanza bene.

    A questo punto non c’è che augurarsi (sempre che questo sia possibile e che Pradè ne sia capace) di poter dare uno scossone alla rosa della Fiorentina con il mercato di gennaio prossimo, soprattutto con l’acquisto di un buon centravanti già affermato e non alle prime armi, quindi affidabile, però francamente non so se questo potrà bastare, visto che di palloni giocabili per i nostri attaccanti nelle aree di rigore avversarie ne arrivano veramente pochi.

    I problemi, quindi, non riguardano soltanto il centravanti, ma anche il centrocampo e la difesa e, con tutto questo, mi auguro soprattutto che nelle prossime partite Prandelli riesca ad inculcare un po’ di carattere e di reazione ai giocatori, altrimenti questa volta (non per pessimismo, ma per puro realismo) la situazione purtroppo la vedrei irrimediabilmente compromessa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. SoloForzaViola - 2 mesi fa

    Ma come si fanno a fare articoli di questo tipo, a cambiare opinione ogni settimana. Una settimana siamo una squadra da Europa, la settimana dopo non ci salviamo. Ci vuole un po’ di equilibrio. Il campionato è lungo, a Gennaio la società eventualmente investirà. C’è un nuovo allenatore. Stiamo un po’ calmi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Xela - 2 mesi fa

      In che settimana siamo stati da europa? a me pare che da un anno circa si sia sempre sulla stessa giostra

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fabio49 - 2 mesi fa

        Xela : non hai capito

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. jameslabriexxx - 2 mesi fa

      È che ci provano anche i giornalisti a fare paura a questi giocatori che pare non gli freghi niente…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. bati2017 - 2 mesi fa

    Se non riapre il Franchi al pubblico , la retrocessione e cosa certa. Con il Covid vediamo un campionato assurdo, non è un problema tecnico è tutto un problema mentale, io spero che da Febbraio riapra la possibilità di vedere le partite con il pubblico e vedrete che una squadra come la nostra ne trarrà beneficio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ilRegistrato - 2 mesi fa

      Durante questa stagione gli stadi non riapriranno. Ce la devono fare da soli.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Violaviola - 2 mesi fa

      Scusa eh ma non è chiuso solo il franchi, sono chiusi tutti gli stadi per tutte le squadre, per cui…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. BVLGARO - 2 mesi fa

      altra regola assurda in molti paesi gli stadi sono aperti a quelli a rischio covid molto basso sotto 40-45 anni con divieto di fumo e obbligo di mascherina. il Ferenc Puskas Stadion di Budapest è aperto ai tifosi e ci sono meno morti che da noi. perchè da noi non funziona una fava con ste teste bacate che ci governano.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. MixViola - 2 mesi fa

        finalmente l’hai capito che ci trattano come una massa di idioti…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Felipe - 1 mese fa

          Nel caso tuo….hanno perfettamente ragione.

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy