Montella: “Giorni particolari. Caduto tante volte, mi sono sempre rialzato”. Su Ribery…

Montella: “Giorni particolari. Caduto tante volte, mi sono sempre rialzato”. Su Ribery…

Vincenzo Montella presenta Fiorentina-Inter, partita delicata per la sua posizione

di Stefano Niccoli, @stefanoniccoli3

Vigilia di campionato per la Fiorentina, impegnata domenica alle 20.45 all’Artemio Franchi contro la capolista Inter. Il tecnico viola Vincenzo Montella ha parlato così in conferenza stampa:

Che Inter mi aspetto? Mi aspetto una squadra forte, con merito si sta contendendo il primato della classifica con la Juventus. Sarà una gara di altissimo livello.

Come sto vivendo questo periodo? E’ stata una settimana particolare per tutti, soprattutto per Franck (Ribery, ndr) che ha dimostrato di essere un grande uomo. Sono caduto tante volte, ma mi sono sempre rialzato. Fa parte del gioco. Sono carico e lucido, ho grande voglia di rivalsa. Sono sereno, la squadra è concentrata, vuole reagire, sono sicuro che darà tutto.

La squadra è unita, sono sicuro che giocherà con qualsiasi forma di energia. Lavoro tutti i giorni per il bene della Fiorentina. Mi fanno piacere gli attestati di stima.

Chiesa? Non possiamo appoggiarci solo su di lui, ci aspettiamo tanto da lui, ma è uno dei calciatori su cui fare affidamento.

Qualcosa mi rimprovero visto le 4 sconfitte consecutive. C’è stata la fase dell’esaltazione, ora siamo in una fase di difficoltà, ma fa parte del percorso. Ho scalato tante montagne e poi ho visto il sole. E’ un momento cruciale perché arriva la prima della classe. Dobbiamo fare di più. Sono sicuro che Firenze ci capirà. Le due partite in casa ci possono dare una classifica migliore e ancora entusiasmo.

Momento più difficile da quando alleno? Tutto quello che ho avuto nella vita, l’ho ottenuto con il sacrificio. Non ho mai mollato. A livello professionale è un momento difficile, ma sono sicuro che ne uscirò migliorato come allenatore.

Ribery? E’ un’assenza pesante. E’ più grande come uomo che come calciatore. Gli faccio un grosso in bocca al lupo. Non entro nelle dinamiche dell’operazione. Rispetto la scelta.

Boateng? Sta bene, ha fatto una buona settimana. Sarà più fresco visto che si è riposato.

Pezzella? Vuole esserci, ha grande temperamento. E’ abituato a giocare con la mascherina.

Io preparo i giocatori emotivamente, non ho detto niente di particolarmente diverso ai giocatori rispetto alle altre volte.

Vlahovic? Ci abbiamo puntato fin da subito. Ha grandi qualità, avere tutto il peso dell’attacco sulle spalle non è facile. Non mi aspettavo niente di più, ha tanta voglia di migliorare. Ha voglia di spaccare il mondo. Sono contento della sua crescita.

Non mi piace cambiare tanto a livello tattico. Quando si hanno tanti giocatori, è indispensabile non cambiare molto.

Pedro? E’ una risorsa, così come gli altri attaccanti.

Lautaro Martinez? E’ un giocatore fortissimo, è nel giro della nazionale. Pochi anni fa è stato pagato 20 milioni. Gioca per la squadra e vede la porta. Nonostante il primo anno di difficoltà si è ambientato bene. Conte? Ha dato alla squadra una mentalità simile alla sua.

Mercato di gennaio? La società ha fatto il possibile per rinforzarsi, fino agli ultimi giorni siamo stati vicini a due giocatori. A gennaio la società sa già quelle che sono le mie idee: l’obiettivo del club è quello di aumentare il potenziale della squadra.

La gara con l’Inter è difficile sul piano tecnico, ma non lo è su quello temperamentale , dobbiamo giocare con la nostra forza e il nostro carattere.

Ah, dimenticavo: siamo la squadra che subisce meno tiri in porta”.

L’INTER CONTRO IL CORRIERE DELLO SPORT: ANNULLATA LA CONFERENZA STAMPA DI CONTE

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. LupoAlberto - 7 mesi fa

    Si è sempre rialzato e dopo aver scalato la montagna ha visto il sole.. rialzato dalla panchina per lasciare il posto ad un altro ed è andato in ferie?
    Non so chi faccia la statistica dei tiri in porta subiti, ma se davvero siamo quelli che ne hanno subiti meno come si spiega che solo 7 squadre hanno subito più gol di noi? Ora la colpa è di Drago?
    Prepara i giocatori emotivamente e non ha detto nulla di diverso.. quindi è soddisfatto di come la squadra ha affrontato le partite?
    Pensa di diventare un allenatore migliore? Nel senso che presto sarà tra gli allenatori pagati per non fare nulla?
    In ultimo: l’altra volta quando ha lasciato Firenze era indignato perché gli era stato richiesto di rispettare il contratto che prevedeva una penale se andava via di sua volontà. Questa volta per coerenza se sarà mandato via per evidente incapacità di far giocare e vincere la squadra non chiederà il rispetto del contratto pretendendo di essere pagato fino all’ultimo soldo, vero? Mi auguro che mi smentisca dando le dimissioni alla quinta/sesta sconfitta consecutiva, staremo a vedere.
    SFV

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Barsineee - 7 mesi fa

    “Sono carico e lucido … Sono sereno, la squadra è concentrata” SPETTACOLO! “La squadra è unita” UNITA? “Mi fanno piacere gli attestati di stima” A TESTATE? “Qualcosa mi rimprovero visto le 4 sconfitte consecutive” DAVVERO? “non ho detto niente di particolarmente diverso ai giocatori” PERFETTO! E PER FINIRE … “Ah, dimenticavo: siamo la squadra che subisce meno tiri in porta.” Un personaggio unico! Ma nessuno che si alza e se ne va quando questo buffone racconta questa marea di stupidaggini e glielo permettono anche. Siamo la squadra che subisce meno tiri in porta ahahahahah Montella sei un genio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Commisso Vattene - 7 mesi fa

    Commisso Vattene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Labaroviola72 - 7 mesi fa

      Camice di forza ne abbiamo?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. pino.guastell_9534945 - 7 mesi fa

    Caduto tante ma mi sempre rialzato… penso che volesse dire come giocatore. Come allenatore e’ caduto dopo l’esonero deciso nei suoi confronti di Diego Della Valle e non si più rialzato. Vedasi le umilianti prestazioni al Milan, al Valencia, alla Sampdoria e ora alla Fiorentina. Non vince da una vita e secondo lui si è rialzato. E poi poteva risparmiarsi la frase finale che la Fiorentina e’ prima in classifica come squadra che evita tiri verso la propria porta. E come si spiegano tutte le sconfitte mister?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. batigol222 - 7 mesi fa

    L’importante è riconoscere gli errori commessi, perchè sei caduto tante volte, e cercare di migliorare anche se comunque non è scontato. Ma il riconoscerlo è sicuramente il primo passo. Sento invece quella frase a fine conferenza stampa con “E comunque siamo la squadra che subisce meno tiri in porta della serie A”, a rimarcare che pensi che stai facendo bene… e allora difficilmente migliorerai

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LoZioCane - 7 mesi fa

      Quando dice son caduto tante volte e mi sono rialzato non si riferisce alla sua carriera da allenatore dal momento che in quella sta andando sempre più a picco.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Up The Violets - 7 mesi fa

    “Quando si hanno tanti giocatori, è indispensabile non cambiare molto”.

    Vincenzo Montella

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. 29agosto1926 - 7 mesi fa

    Certo dover sperare che le squadre di fondo classifica non vincano da una bella prospettiva sul domani che ci attende.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. CippoViola - 7 mesi fa

    “siamo la squadra che subisce meno tiri in porta”
    Significa che gli avversari arrivano tranquilli a tirare senza bisogno di sprecare tiri e avendo tutto il tempo di mirare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Xela - 7 mesi fa

    Siamo la squadra che subisce meno tiri in porta? cavolo, meno male me l’ha detto, almeno da oggi quando ci prenderanno per le mele umiliandoci per la nostra lotta salvezza saprò cosa rispondere…
    Un po’ come quando il tuo figliolo ritorno con un 3 a matematica e ti dice “si ma il nome e la data nel compito erano giusti”

    Io non ce la faccio più!! non si rende conto che è penoso?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Merovingio - 7 mesi fa

    Io mi auguro di cuore di fare 1 punto contro l’Inter e 3 con la Roma anche se so che utopistico. Perdere entrambe sarebbe catastrofico. Prima si arriva a 40 punti e prima si potrà lavorare con il prossimo tecnico (che sarà Spalletti ipotizzo) per la prossima stagione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 7 mesi fa

      Io mi accontenterei di fare 5 punti da qui alla fine del girone di ritorno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Cosimo de' Medici - 7 mesi fa

        Te ci scherzi, ma guardando il calendario firmerei per fare 5 punti nelle prossime 10 partite

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy